I Tg dal 7 all’11 gennaio 2019

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 213. Argomenti presenti nelle titolazioni: 285; cronaca 31% (88 presenze, per il 41% dei titoli), cronaca 23% (67 presenze, per il 31% dei titoli), esteri 15% (43 presenze, per il 20% dei titoli), cultura e società 10% (28), interni 7% (21), economia 7% (21) e sport e varie 6% (17).

12 gennaio – Di ritorno dalle vacanze invernali, l’Osservatorio Tg dell’Eurispes s’affaccia su di una settimana dell’informazione segnata dai contrasti interni alle forze di governo.

L’annunciato ricorso alla Consulta da parte di 5 Regioni in rifiuto al Decreto Sicurezza, atto di marcata opposizione verso un provvedimento alquanto discusso, figura nei titoli di lunedì e martedì, ma passa in secondo piano nelle giornate successive. A rubargli la scena l’odissea dei 49 migranti delle navi ong tedesche Sea Watch e Sea Eye, rimaste per 19 giorni a largo delle coste maltesi, fatti sbarcare mercoledì a Malta (aperture per tutte le testate).

L’inclusione dell’Italia tra i paesi che accoglieranno questi migranti scatena le reazioni del ministro dell’Interno Matteo Salvini, dopo che alle aperture del ministro Di Maio e seguito l’impegno preso dal presidente Conte; una scelta che giovedì il premier ha rivendicato/giustificato, rassicurando comunque il ministro leghista sul fatto che la linea verso gli sbarchi resterà “dura”.

Sempre tra giovedì e venerdì, trovano spazio nei servizi ulteriori contrasti, tra cui spicca quello sulla Tav (nove i titoli nel corso della settimana), con il manifestazione di sabato che vedrà esponenti del carroccio manifestare in favore dell’alta velocità.

Le tensioni che hanno attraversato la maggioranza sono state rilanciate a più riprese dalle testate Mediaset, venendo marcate da diverse aperture; Tg5 dedica la sua copertina di giovedì appunto ad un editoriale canzonatorio che prende di mira una “giornata tipo del governo”, caratterizzata da attriti che si fanno man mano più accesi, per venire domani in serata dal “consueto” vertice riparatore curato da un “premier Conte pompiere”, commentando come l’elettorato italiano sembra ormai “abituato” a simili ritmi. Sempre la testata di Clemente Mimun bacchetta venerdì il ministro dello Sviluppo Economico, con un altro editoriale copertina che contrappone alle ottimistiche previsioni di Di Maio, che ha parlato di un imminente “nuovo boom economico”, i dati Istat sulla produzione industriale crollata in novembre, e che lascia trasparire presagi di recessione. 

Tornando al discorso sugli sbarchi, l’attenzione data ai fatti di Malta accompagnata dalle rivendicazioni del Viminale alla contro gli scafisti ha generato un nuovo, ed a nostro giudizio proficuo, picco d’attenzione sugli ultimi arrivi. Titoli mercoledì per i Tg Mediaset all’operazione della Digos che ha portato all’arresto di una quindicina di trafficanti tra l’Emilia e la Sicilia, responsabili di un circuito di “sbarchi fantasma” spesso adoperato dal terrorismo internazionale. Anche lo sbarco di giovedì di 51 migranti curdi arrivati sulle coste calabresi, ed aiutati ad arrivate a terra dalla popolazione stessa, è stato oggetto di coperture rilevanti, con servizi dedicati alla generosità degli italiani sia sul Tg3 che sulle testate Mediaset.

Rimanendo sulla pagina della cronaca, numerose le coperture relative a fatti di sangue. Il “regolamento di conti” avvenuto giovedì davanti ad un asilo di Roma raccoglie diversi titoli, tra cui l’apertura del Tg2 a cui segue un altro titolo dedicato agli tra il ministro dell’Interno e la sindaca di Roma in merito al tema della sicurezza. Sempre il Tg2 di Gennaro Sangiuliano dedica mercoledì un report della sua redazione della cronaca agli assalti ai furgoni portavalori, parlando con un “esperto del settore” di un “fenomeno dilagante in Italia”. Anche venerdì un’altra apertura di cronaca, stavolta sulla vicenda dell’autobus precipitato dal viadotto di Acqualonga nel 2012 (apertura anche per il Tg3).

Le tensioni tra Italia e Francia, riattizzate dall’apertura dei 5 Stelle alla protesta dei Gilet Gialli – con alcuni rami di essa che intendono costituirsi partito politico – figura nei titoli delle testate tra lunedì e martedì. Le rivendicazioni di Trump, che giovedì è intervenuto per ribadire la necessità di costruire il muro sul confine messicano, mentre i democratici gli rinfacciano di star tenendo bloccato il paese, risultano presenti nel corso della settimana con 7 titoli. Lo scontro interno al parlamento inglese in merito alla Brexit, per cui si attende il voto fondamentale di martedì prossimo, è presente nei titoli solamente di Tg La7 martedì e venerdì.

Il “patto trasversale per la scienza” sottoscritto giovedì dalla “strana coppia” Matteo Renzi – Beppe Grillo, con le polemiche che ne sono seguite in casa M5S, risulta nei titoli di Tg5 e Tg La7, ed aiuta a portare alla ribalta un’iniziativa degli immunologi Silvestri e Burioni per contrastare le pseudoscienze. Sempre sui temi della ricerca e del contrasto al pregiudizio, l’informazione tutta ha salutato mercoledì l’immunologo Fernando Aiuto, famoso per le sue battaglie per sensibilizzare la popolazione sui rischi dell’Aids ma anche per un bacio dato ad una paziente immunodepressa per provare come la malattia non fosse contagiosa per via orale.

Per la prima settimana del nuovo anno, non proponiamo varie ed eventuali, ma una prima valutazione del comportamento dei Tg sulla delle nuovi assetti editoriali. A due mesi dalla spartizione delle testate Rai, gli effetti sono evidenti. Sul Tg1, la linea del governo e la vicinanza ai 5 Stelle risulta palese, benché non particolarmente ingombrante. Nel caso del Tg2 la direzione affidata a Sangiuliano sta marcando ancora più nettamente in chiave leghista la politica editoriale della testata. Un passaggio che si riscontra sia sulla questione immigrazione e sbarchi, come si è visto anche questa settimana con gli approfondimenti dedicati alla situazione politica maltese, sia nelle diatribe relative al governo, come per la questione sicurezza. E’ chiaro come, senza voler affermare che queste due testate si siano fatte organi stampa della maggioranza, il loro risulta evidente e forse “più che adeguato” a controbilanciare le batterie dell’opposizione mediatica targata Mediaset.

Nel quadro appena delineato, il Tg3 sembra tornato nella dimensione di “riserva indiana” che aveva assunto nel 2010 quando rappresentava la sinistra d’opposizione. Ampio lo spazio a tematiche sociali, e questione dei diritti, che questa settimana si fanno evidenti con il lungo approfondimento dedicato alle condizioni delle carceri italiane. Sono stati 5 i servizi proposti nel corso di altrettante edizioni, dedicate appunto alle problematiche intrinseche agli istituti dovuti ad una nuova situazione di sovraffollamento, ma anche alle opportunità di recupero dei carcerati grazie all’attivismo di numerose cooperative ed associazioni.

 

  

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra