I Tg dal 7 all’11 gennaio 2019

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 213. Argomenti presenti nelle titolazioni: 285; cronaca 31% (88 presenze, per il 41% dei titoli), cronaca 23% (67 presenze, per il 31% dei titoli), esteri 15% (43 presenze, per il 20% dei titoli), cultura e società 10% (28), interni 7% (21), economia 7% (21) e sport e varie 6% (17).

12 gennaio – Di ritorno dalle vacanze invernali, l’Osservatorio Tg dell’Eurispes s’affaccia su di una settimana dell’informazione segnata dai contrasti interni alle forze di governo.

L’annunciato ricorso alla Consulta da parte di 5 Regioni in rifiuto al Decreto Sicurezza, atto di marcata opposizione verso un provvedimento alquanto discusso, figura nei titoli di lunedì e martedì, ma passa in secondo piano nelle giornate successive. A rubargli la scena l’odissea dei 49 migranti delle navi ong tedesche Sea Watch e Sea Eye, rimaste per 19 giorni a largo delle coste maltesi, fatti sbarcare mercoledì a Malta (aperture per tutte le testate).

L’inclusione dell’Italia tra i paesi che accoglieranno questi migranti scatena le reazioni del ministro dell’Interno Matteo Salvini, dopo che alle aperture del ministro Di Maio e seguito l’impegno preso dal presidente Conte; una scelta che giovedì il premier ha rivendicato/giustificato, rassicurando comunque il ministro leghista sul fatto che la linea verso gli sbarchi resterà “dura”.

Sempre tra giovedì e venerdì, trovano spazio nei servizi ulteriori contrasti, tra cui spicca quello sulla Tav (nove i titoli nel corso della settimana), con il manifestazione di sabato che vedrà esponenti del carroccio manifestare in favore dell’alta velocità.

Le tensioni che hanno attraversato la maggioranza sono state rilanciate a più riprese dalle testate Mediaset, venendo marcate da diverse aperture; Tg5 dedica la sua copertina di giovedì appunto ad un editoriale canzonatorio che prende di mira una “giornata tipo del governo”, caratterizzata da attriti che si fanno man mano più accesi, per venire domani in serata dal “consueto” vertice riparatore curato da un “premier Conte pompiere”, commentando come l’elettorato italiano sembra ormai “abituato” a simili ritmi. Sempre la testata di Clemente Mimun bacchetta venerdì il ministro dello Sviluppo Economico, con un altro editoriale copertina che contrappone alle ottimistiche previsioni di Di Maio, che ha parlato di un imminente “nuovo boom economico”, i dati Istat sulla produzione industriale crollata in novembre, e che lascia trasparire presagi di recessione. 

Tornando al discorso sugli sbarchi, l’attenzione data ai fatti di Malta accompagnata dalle rivendicazioni del Viminale alla contro gli scafisti ha generato un nuovo, ed a nostro giudizio proficuo, picco d’attenzione sugli ultimi arrivi. Titoli mercoledì per i Tg Mediaset all’operazione della Digos che ha portato all’arresto di una quindicina di trafficanti tra l’Emilia e la Sicilia, responsabili di un circuito di “sbarchi fantasma” spesso adoperato dal terrorismo internazionale. Anche lo sbarco di giovedì di 51 migranti curdi arrivati sulle coste calabresi, ed aiutati ad arrivate a terra dalla popolazione stessa, è stato oggetto di coperture rilevanti, con servizi dedicati alla generosità degli italiani sia sul Tg3 che sulle testate Mediaset.

Rimanendo sulla pagina della cronaca, numerose le coperture relative a fatti di sangue. Il “regolamento di conti” avvenuto giovedì davanti ad un asilo di Roma raccoglie diversi titoli, tra cui l’apertura del Tg2 a cui segue un altro titolo dedicato agli tra il ministro dell’Interno e la sindaca di Roma in merito al tema della sicurezza. Sempre il Tg2 di Gennaro Sangiuliano dedica mercoledì un report della sua redazione della cronaca agli assalti ai furgoni portavalori, parlando con un “esperto del settore” di un “fenomeno dilagante in Italia”. Anche venerdì un’altra apertura di cronaca, stavolta sulla vicenda dell’autobus precipitato dal viadotto di Acqualonga nel 2012 (apertura anche per il Tg3).

Le tensioni tra Italia e Francia, riattizzate dall’apertura dei 5 Stelle alla protesta dei Gilet Gialli – con alcuni rami di essa che intendono costituirsi partito politico – figura nei titoli delle testate tra lunedì e martedì. Le rivendicazioni di Trump, che giovedì è intervenuto per ribadire la necessità di costruire il muro sul confine messicano, mentre i democratici gli rinfacciano di star tenendo bloccato il paese, risultano presenti nel corso della settimana con 7 titoli. Lo scontro interno al parlamento inglese in merito alla Brexit, per cui si attende il voto fondamentale di martedì prossimo, è presente nei titoli solamente di Tg La7 martedì e venerdì.

Il “patto trasversale per la scienza” sottoscritto giovedì dalla “strana coppia” Matteo Renzi – Beppe Grillo, con le polemiche che ne sono seguite in casa M5S, risulta nei titoli di Tg5 e Tg La7, ed aiuta a portare alla ribalta un’iniziativa degli immunologi Silvestri e Burioni per contrastare le pseudoscienze. Sempre sui temi della ricerca e del contrasto al pregiudizio, l’informazione tutta ha salutato mercoledì l’immunologo Fernando Aiuto, famoso per le sue battaglie per sensibilizzare la popolazione sui rischi dell’Aids ma anche per un bacio dato ad una paziente immunodepressa per provare come la malattia non fosse contagiosa per via orale.

Per la prima settimana del nuovo anno, non proponiamo varie ed eventuali, ma una prima valutazione del comportamento dei Tg sulla delle nuovi assetti editoriali. A due mesi dalla spartizione delle testate Rai, gli effetti sono evidenti. Sul Tg1, la linea del governo e la vicinanza ai 5 Stelle risulta palese, benché non particolarmente ingombrante. Nel caso del Tg2 la direzione affidata a Sangiuliano sta marcando ancora più nettamente in chiave leghista la politica editoriale della testata. Un passaggio che si riscontra sia sulla questione immigrazione e sbarchi, come si è visto anche questa settimana con gli approfondimenti dedicati alla situazione politica maltese, sia nelle diatribe relative al governo, come per la questione sicurezza. E’ chiaro come, senza voler affermare che queste due testate si siano fatte organi stampa della maggioranza, il loro risulta evidente e forse “più che adeguato” a controbilanciare le batterie dell’opposizione mediatica targata Mediaset.

Nel quadro appena delineato, il Tg3 sembra tornato nella dimensione di “riserva indiana” che aveva assunto nel 2010 quando rappresentava la sinistra d’opposizione. Ampio lo spazio a tematiche sociali, e questione dei diritti, che questa settimana si fanno evidenti con il lungo approfondimento dedicato alle condizioni delle carceri italiane. Sono stati 5 i servizi proposti nel corso di altrettante edizioni, dedicate appunto alle problematiche intrinseche agli istituti dovuti ad una nuova situazione di sovraffollamento, ma anche alle opportunità di recupero dei carcerati grazie all’attivismo di numerose cooperative ed associazioni.

Luca Baldazzi

  

Ultime notizie
Cosa vuol dire Mafia?

Amministrare la legalità: il difficile mestiere del Sindaco

Renato Natale, Sindaco di Casal di Principe, ci spiega la quotidianità dell’Amministrare un Comune come quello di Casal di Principe, un luogo di rinascita e di riscatto.
di Sergio Nazzaro
Metafore per l'Italia

Era il 1998*

Il Sud: metafora dell’incompiutezza L’insofferenza del Nord-Est e la sofferenza del Meridione rappresentano i poli di una tra le più profonde e antiche...
di Gian Maria Fara
Senza categoria

It was 1998

The South: a metaphor for incompleteness The intolerance of the North-East and the South's suffering represent the two sides of one of Italy's...
di Gian Maria Fara*
tigrai
Attualità

Il conflitto del Tigrai: una guerra civile e regionale che rischia di estendersi

Secondo Addis Abeba quella in corso in Tigrai non sarebbe neanche una guerra. Si tratterebbe “solo” di un’operazione interna di ordine pubblico. In realtà si tratta di una guerra insieme civile e regionale, che rischia di minacciare gli equilibri dell'intera regione.
di Marco Omizzolo*
tigrai
europa
Europa

Una Conferenza per il futuro dell’Europa

I presidenti del Parlamento Europeo, del Consiglio e della Commissione hanno annunciato l’intenzione di convocare una conferenza per raccogliere pareri e proposte dei cittadini e, in particolare, dei giovani, su come “plasmare il futuro del progetto europeo”.
di *Roberto Nigido
europa
leadership
Intervista

La funzione collettiva della leadership. Videointervista al Generale Fernando Giancotti, Presidente del CASD

La leadership è una funzione dell’azione collettiva, che la orienta sugli scopi comuni; quando essa si interfaccia con problemi e con sistemi molto complessi e rapidamente mutanti, deve avere una capacità di visione strategica, secondo il Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti, intervistato da Emilio Albertario
di emilio albertario
leadership
Internazionale

The Tigray conflict: a civil and regional war that risks spreading

According to Addis Ababa Government, the ongoing war in Tigray is not even a war.  Instead, it is an internal operation of public order to bring to justice the Popular Liberation Front leaders (PLF), which has apparently put itself outside the constitution, threatening the Ethiopian nation’s very integrity.  
di Marco Omizzolo*
Internazionale

Administering legality: the challenging job of a Mayor

Renato Natale, Mayor of Casal di Principe, explains the daily routine of managing a municipality like that of Casal di Principe, a place of rebirth and redemption.
di Sergio Nazzaro
criminale
Criminalità e contrasto

Petrol-mafie, la crisi globale non ferma le infiltrazioni criminali nell’economia legale

Le organizzazioni criminali approfittano della crisi per infiltrarsi nella economia legale: è quanto attestato anche dalla recente operazione Petrol-mafie condotta dalla Guardia di Finanza, che ha portato a 71 misure cautelari per i reati di frode fiscale e riciclaggio e al sequestro di beni per milioni di euro.
di redazione
criminale
foto
Attualità

Perché facciamo così tante foto?

Siamo tutti fotografi e inondiamo il mondo di immagini, in una sfida perenne con la parola. Perché facciamo così tante foto? Non solo perché abbiamo sempre a portata di mano gli smartphone, ma è anche perché siamo alla ricerca dell’attimo perfetto, dell’istante da immortalare e da condividere, per affidare poi tale narrazione al web.
di Alfonso Lo Sardo
foto