I Tg dal 14 al 18 gennaio 2019 – Battisti, Brexit e Decretone

134

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 200. Argomenti presenti nelle titolazioni: 264; cronaca 28% (73 presenze, per il 36% dei titoli), politica 25% (65 presenze, per il 32% dei titoli), esteri 20% (53 presenze, per il 26% dei titoli), cultura e società 11% (30), economia 8% (20), economia 6% (17) e sport e varie 2% (6).

19 gennaio – La settimana dell’informazione risulta incentrata su tre eventi, che hanno totalizzato le scalette delle rispettive giornate. Prima in ordine d’importanza, sebbene la più recente, la presentazione del “decretone” contenente le attese misure bandiera dell’esecutivo, Reddito di Cittadinanza e Quota 100 per le pensioni, annunciato giovedì (aperture per tutti) e varato venerdì (primo titolo per Studio Aperto, Tg4 e Tg2). Validi approfondimenti per tutti, con Tg3 che giovedì intervista il ministro del Lavoro. Alla soddisfazione del triumvirato Conte-Di Maio-Salvini, le testate Mediaset giustappongono le critiche del propri “lari”, prima Tajani e quindi, in pompa magna, Berlusconi (10 titoli), con il Tg5 che venerdì lo intervista in merito alla sua annunciata candidatura alle Europee. Minor spazio alle reazioni del partito democratico, relegato in genere a fine servizio (salvo per un titolo del Tg3).

Parallelamente alle coperture sulle misure bandiera, i Tg di venerdì hanno marcato con preoccupazione i recenti allarmi di Istat e Bankitalia che segnalano un calo di diversi indicatori, a cominciare dalla produzione industriale: apertura per Tg3, Tg5 e Tg La7. Il rischio che il Paese possa scivolare, o persino già trovarsi, in recessione sembra stare molto a cuore al Tg di Clemente Mimun, che nel corso della settimana dedica più di un titolo a queste notizie. L’impressione che ne ricaviamo, anche a fronte di un’editoriale di venerdì da parte del collega Gerardo Greco sul rischio di una manovra correttiva dovuta alla crescita “risicata” rispetto alle previsioni, è che le testate Mediaset stiamo passando in “modalità elettorale”. Se per un verso si mira a criticare la manovra nel suo complesso, venendo finanche a citare nei titoli le critiche dei rappresentanti sindacali,  per un altro avvertiamo maggiori cautele verso la Lega di Salvini, riflettendo le aperture già avanzate dal leader di Forza Italia. Un esempio può essere la mancanza di titoli sui Tg Mediaset di venerdì rispetto al caso “rimborsopoli” in Regione Lombardia, che ha portato non solo alle condanne di alcuni esponenti del vecchio “cerchio magico” ma anche dell’attuale capogruppo della Lega al Senato Massimiliano Romeo (titolo per Tg3 e Tg La7, servizio a metà edizione per Tg5).

Passando agli altri eventi totalizzanti, l’arrivo dal Brasile di Cesare Battisti, ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo autore di 4 omicidi, rinchiuso nuovamente in un carcere italiano dopo una latitanza all’estero per oltre 37 anni, domina le edizioni di lunedì (in apertura per tutti). Grande il giubilo del mondo politico, che assieme al Presidente della Repubblica ha festeggiato la conclusione di una vicenda, il cui esito era stato annunciato già dalla vittoria del Presidente Jair Bolsonaro dello scorso ottobre. Alla soddisfazione delle istituzioni per la riconsegna di Battisti sono nelle giornate successivi i reclami delle opposizioni contro i ministri dell’Interno Salvini e della Giustizia Bonafede, accusati – soprattutto quest’ultimo – di aver troppo spettacolarizzato l’intera vicenda in logica auto-celebrativa. Accuse riprese martedì nei titoli da Tg3, Tg5 e Tg La7, mentre l’ammiraglia Rai rimarca la reazione contraria dei ministri interessati.

A reclamare le scalette mercoledì è stata invece la Brexit, con le tribolazioni dell’esecutivo May, che in serata supera il voto di fiducia dopo che l’accordo raggiunto con Bruxelles era stato bocciato martedì dalla Camera dei Comuni: aperture per tutti, con 18 titoli nel corso della settimana. Molti i riferimenti, anche nei titoli, alle conseguenze di questo incerto clima per gli oltre mezzo milione di italiani residenti in territorio britannico. Da segnalare in quest’ambito l’editoriale di Carlo Rossella proposto giovedì dal Tg5. Per il giornalista del Foglio, sia la figura della premier May, vituperata negli ultimi tempi dalla politica inglese, sia quella di Angela Merkel, che sempre mercoledì ha caldeggiato l’apertura ad un nuovo negoziato in sede europea, sono espressione del “potere delle donne europee”, dotate di “capacità politiche nettamente superiori” e “più coraggio e determinazione”.

In secondo piano, ma comunque rilevante, è stato l’inatteso Mea Culpa fatto dal Presidente Juncker, che martedì ha riconosciuto nel corso delle cerimonie per il ventennale dalla nascita della moneta unica come “durante la crisi del debito” del 2010, “l’austerità fu avventata” e l’Europa si mostrò “poco solidale” con la Grecia. Titoli per tutti martedì, accompagnati da un altro editoriale di Gerardo Greco. 

Restando sugli esteri, l’attacco terroristico di matrice jihadista in un hotel della capitale kenyana di Nairobi reclama titoli e coperture allarmate per le testate di martedì: apertura per i Tg Mediaset ed i Tg2. Un’attenzione stimolata anche dal viaggio, negli stessi giorni del premier Conte in Nigeria in visita alle nostre truppe impegnate nel contrasto della tratta degli esseri umani (titoli per Tg3 e Tg2).

Anche questa settimana resta alta l’attenzione al fenomeno migratorio, tenuta alta dall’incontro di lunedì tra il premier Conte ed il Commissario europeo Avramopoulos su questi temi. In mancanza di nuovi sbarchi rilevanti, l’attenzione delle testate si concentra sul contrasto al caporalato, con titoli e buoni servizi dedicati all’arresto di un’organizzazione che sfruttava braccianti di Latina (titoli giovedì per Tg3, Tg1 e Tg3). La testata di Giuseppina Paterniti torna martedì sulla questione delle ong, riprendendo le denunce della Sea Watch che parla di una silenziosa ecatombe dei morti in mare nelle acque libiche.

Ampio spazio questa settimana anche ai nuovi casi di violenza sui minori, il più grave in asilo di Isernia dove le maestre istigavano gli stessi bambini a punire con spinte e tirate di capelli i propri compagni (titoli per i Tg Mediaset). Sul fronte degli anniversari, il biennale dalla tragedia dell’hotel Rigopiano reclama titoli, servizi e momenti di riflessione.

Tra le varie ed eventuali, segnaliamo:

  • la dataroom di lunedì del Tg La7, dedicata ai circuiti della beneficienza sviluppati dallo Stato che però assai spesso non riescono a distribuire in modo efficace le risorse raccolte;
  • i numerosi servizi del Tg3 incentrati sulle tematiche dello “sviluppo sostenibile”, tra aziende che da 30 anni riciclano vecchi vestiti in un nuovi capi alle più recenti start up concepite in una dimensione eco-friendly;
  • la campagna di promozione interna dei Tg Mediaset che, a colpi di servizi, tiene a farci sapere del “colossal d’animazione” con per protagonista una versione giovane ed animata di Adriano Celentano che sarà messo in onda la settimana prossima su Tg5.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario