Osservatorio TG

I Tg dal 14 al 18 gennaio 2019 – Battisti, Brexit e Decretone

90

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 200. Argomenti presenti nelle titolazioni: 264; cronaca 28% (73 presenze, per il 36% dei titoli), politica 25% (65 presenze, per il 32% dei titoli), esteri 20% (53 presenze, per il 26% dei titoli), cultura e società 11% (30), economia 8% (20), economia 6% (17) e sport e varie 2% (6).

19 gennaio – La settimana dell’informazione risulta incentrata su tre eventi, che hanno totalizzato le scalette delle rispettive giornate. Prima in ordine d’importanza, sebbene la più recente, la presentazione del “decretone” contenente le attese misure bandiera dell’esecutivo, Reddito di Cittadinanza e Quota 100 per le pensioni, annunciato giovedì (aperture per tutti) e varato venerdì (primo titolo per Studio Aperto, Tg4 e Tg2). Validi approfondimenti per tutti, con Tg3 che giovedì intervista il ministro del Lavoro. Alla soddisfazione del triumvirato Conte-Di Maio-Salvini, le testate Mediaset giustappongono le critiche del propri “lari”, prima Tajani e quindi, in pompa magna, Berlusconi (10 titoli), con il Tg5 che venerdì lo intervista in merito alla sua annunciata candidatura alle Europee. Minor spazio alle reazioni del partito democratico, relegato in genere a fine servizio (salvo per un titolo del Tg3).

Parallelamente alle coperture sulle misure bandiera, i Tg di venerdì hanno marcato con preoccupazione i recenti allarmi di Istat e Bankitalia che segnalano un calo di diversi indicatori, a cominciare dalla produzione industriale: apertura per Tg3, Tg5 e Tg La7. Il rischio che il Paese possa scivolare, o persino già trovarsi, in recessione sembra stare molto a cuore al Tg di Clemente Mimun, che nel corso della settimana dedica più di un titolo a queste notizie. L’impressione che ne ricaviamo, anche a fronte di un’editoriale di venerdì da parte del collega Gerardo Greco sul rischio di una manovra correttiva dovuta alla crescita “risicata” rispetto alle previsioni, è che le testate Mediaset stiamo passando in “modalità elettorale”. Se per un verso si mira a criticare la manovra nel suo complesso, venendo finanche a citare nei titoli le critiche dei rappresentanti sindacali,  per un altro avvertiamo maggiori cautele verso la Lega di Salvini, riflettendo le aperture già avanzate dal leader di Forza Italia. Un esempio può essere la mancanza di titoli sui Tg Mediaset di venerdì rispetto al caso “rimborsopoli” in Regione Lombardia, che ha portato non solo alle condanne di alcuni esponenti del vecchio “cerchio magico” ma anche dell’attuale capogruppo della Lega al Senato Massimiliano Romeo (titolo per Tg3 e Tg La7, servizio a metà edizione per Tg5).

Passando agli altri eventi totalizzanti, l’arrivo dal Brasile di Cesare Battisti, ex terrorista dei Proletari Armati per il Comunismo autore di 4 omicidi, rinchiuso nuovamente in un carcere italiano dopo una latitanza all’estero per oltre 37 anni, domina le edizioni di lunedì (in apertura per tutti). Grande il giubilo del mondo politico, che assieme al Presidente della Repubblica ha festeggiato la conclusione di una vicenda, il cui esito era stato annunciato già dalla vittoria del Presidente Jair Bolsonaro dello scorso ottobre. Alla soddisfazione delle istituzioni per la riconsegna di Battisti sono nelle giornate successivi i reclami delle opposizioni contro i ministri dell’Interno Salvini e della Giustizia Bonafede, accusati – soprattutto quest’ultimo – di aver troppo spettacolarizzato l’intera vicenda in logica auto-celebrativa. Accuse riprese martedì nei titoli da Tg3, Tg5 e Tg La7, mentre l’ammiraglia Rai rimarca la reazione contraria dei ministri interessati.

A reclamare le scalette mercoledì è stata invece la Brexit, con le tribolazioni dell’esecutivo May, che in serata supera il voto di fiducia dopo che l’accordo raggiunto con Bruxelles era stato bocciato martedì dalla Camera dei Comuni: aperture per tutti, con 18 titoli nel corso della settimana. Molti i riferimenti, anche nei titoli, alle conseguenze di questo incerto clima per gli oltre mezzo milione di italiani residenti in territorio britannico. Da segnalare in quest’ambito l’editoriale di Carlo Rossella proposto giovedì dal Tg5. Per il giornalista del Foglio, sia la figura della premier May, vituperata negli ultimi tempi dalla politica inglese, sia quella di Angela Merkel, che sempre mercoledì ha caldeggiato l’apertura ad un nuovo negoziato in sede europea, sono espressione del “potere delle donne europee”, dotate di “capacità politiche nettamente superiori” e “più coraggio e determinazione”.

In secondo piano, ma comunque rilevante, è stato l’inatteso Mea Culpa fatto dal Presidente Juncker, che martedì ha riconosciuto nel corso delle cerimonie per il ventennale dalla nascita della moneta unica come “durante la crisi del debito” del 2010, “l’austerità fu avventata” e l’Europa si mostrò “poco solidale” con la Grecia. Titoli per tutti martedì, accompagnati da un altro editoriale di Gerardo Greco. 

Restando sugli esteri, l’attacco terroristico di matrice jihadista in un hotel della capitale kenyana di Nairobi reclama titoli e coperture allarmate per le testate di martedì: apertura per i Tg Mediaset ed i Tg2. Un’attenzione stimolata anche dal viaggio, negli stessi giorni del premier Conte in Nigeria in visita alle nostre truppe impegnate nel contrasto della tratta degli esseri umani (titoli per Tg3 e Tg2).

Anche questa settimana resta alta l’attenzione al fenomeno migratorio, tenuta alta dall’incontro di lunedì tra il premier Conte ed il Commissario europeo Avramopoulos su questi temi. In mancanza di nuovi sbarchi rilevanti, l’attenzione delle testate si concentra sul contrasto al caporalato, con titoli e buoni servizi dedicati all’arresto di un’organizzazione che sfruttava braccianti di Latina (titoli giovedì per Tg3, Tg1 e Tg3). La testata di Giuseppina Paterniti torna martedì sulla questione delle ong, riprendendo le denunce della Sea Watch che parla di una silenziosa ecatombe dei morti in mare nelle acque libiche.

Ampio spazio questa settimana anche ai nuovi casi di violenza sui minori, il più grave in asilo di Isernia dove le maestre istigavano gli stessi bambini a punire con spinte e tirate di capelli i propri compagni (titoli per i Tg Mediaset). Sul fronte degli anniversari, il biennale dalla tragedia dell’hotel Rigopiano reclama titoli, servizi e momenti di riflessione.

Tra le varie ed eventuali, segnaliamo:

  • la dataroom di lunedì del Tg La7, dedicata ai circuiti della beneficienza sviluppati dallo Stato che però assai spesso non riescono a distribuire in modo efficace le risorse raccolte;
  • i numerosi servizi del Tg3 incentrati sulle tematiche dello “sviluppo sostenibile”, tra aziende che da 30 anni riciclano vecchi vestiti in un nuovi capi alle più recenti start up concepite in una dimensione eco-friendly;
  • la campagna di promozione interna dei Tg Mediaset che, a colpi di servizi, tiene a farci sapere del “colossal d’animazione” con per protagonista una versione giovane ed animata di Adriano Celentano che sarà messo in onda la settimana prossima su Tg5.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli