Economia

Manovra economica, al Sud tagliati 800 mln. La ripresa non ci sarà

161

Manovra economica: manca una visione d’insieme per il Sud. Più investimenti ma diminuisce la spesa pubblica. Nessun piano di infrastrutturazione. Il sostegno al reddito? Un’incognita.
Approvata la legge di bilancio 2019, rivista dal Governo alla luce della bocciatura del testo da parte della Commissione Europea. Ebbene, sempre facendo ricorso al voto di fiducia, si è giunti al via libera da parte del Parlamento. Ma che cosa cambia per il Mezzogiorno? Quali sono i provvedimenti, tra quelli approvati, in grado di invertire la rotta e di ridurre il sostanziale gap, almeno sul fronte delle risorse impiegate, tra il Centro-Nord e le regioni meridionali?
Va precisato che non vanno considerati né il reddito di cittadinanza, né tanto meno la flat tax e Quota 100, le due misure identitarie, rispettivamente per M5S e Lega, che ne hanno fatto vessilli della propria azione politica, in quanto le risorse per i due provvedimenti, 13 miliardi complessivi, verranno appositamente trattati.
Esigenze di bilancio e di adattamento al diktat di Bruxelles (deficit dal 2,4% al 2,04%) hanno determinato il venir meno di 10 miliardi di euro di fondi utilizzabili per le varie misure della legge. Il Governo, proprio per ottenere il sì dalla Commissione Ue, ha dovuto presentare un maxi-emendamento, una specie di garanzia per la tenuta generale dei conti, con la riproposizione delle clausole di salvaguardia a partire dal 2020: in buona sostanza, se non verranno evitate, scatterà l’aumento dell’Iva e delle accise sui carburanti. È di 22 miliardi il costo delle clausole, se non rispettate. La manovra prevede un aumento delle uscite da parte dello Stato, da 852 a 869 miliardi, ed è per questo che ha carattere espansivo ed è difficile conferirle un connotato specifico perché contiene misure diverse, per ragioni e criteri che non rispondono a una strategia generale.
Ciò vale, a maggior ragione, per il Mezzogiorno, dove l’intervento più significativo appare quello della decontribuzione al 100% per chi assume, proprio al Sud, giovani under 35 o con più di 35 anni ma disoccupati da almeno sei mesi. Parallelamente, non può non stupire, in tale prospettiva, il taglio da 800 milioni per il Fondo di Sviluppo e coesione sociale: un segnale molto chiaro nella direzione di minori risorse allo sviluppo da incentivare nelle zone più svantaggiate del Paese. Incoraggiante, invece, il decreto semplificazione che contiene disposizioni urgenti per la sburocratizzazione, con l’obiettivo di eliminare oltre cento adempimenti per le imprese: una misura che viene incontro alle esigenze degli investitori, alle prese con difficoltà nelle autorizzazioni e nelle lungaggini degli adempimenti amministrativi.
Per quanto riguarda il bonus, nella fattispecie, il testo contiene la proroga del bonus Sud, 500 milioni di euro all’anno per il biennio 2029-2020 a sostegno di programmi nazionali e regionali che prevedano misure che favoriscano, in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Sardegna e Calabria, l’assunzione a tempo indeterminato di soggetti under 35.
Stando, comunque, alle cifre, la manovra approvata darebbe, secondo stime degli esperti, un impulso pari allo 0,3% del Pil nel 2019 sull’aumento previsto del prodotto lordo dell’1%, e di poco più dello 0,4% nel 2020 sul Pil allo 0,9% che è stato ipotizzato. Nel Centro-Nord, invece, i valori stimati risultano inferiori, quasi lo 0,2% nel 2019 e lo 0,24% nel 2020. Dall’esame dei singoli provvedimenti previsti dalla manovra, emerge che, a fronte di una crescita degli investimenti, sebbene non sostanziale, diminuiscono le risorse destinate alla spesa pubblica. Ad aggravare la situazione vi è il fatto che l’occupazione al Sud rimane precaria e che la spesa dei fondi comunitari non fa registrare alcuna accelerazione. Unico dato positivo è quello relativo agli investimenti che saliranno sia nel Centro-Nord (+6,2%) sia nel Centro-Sud (+3,8%). Non possono ancora essere considerate, da un punto di vista delle positive ripercussioni sul tessuto economico-produttivo e sulla crescita dei consumi, le misure relative al reddito di cittadinanza e alla flat tax di cui ancora non si conosce la portata.
Gli analisti, comunque, concordano su una previsione, ossia, che le risorse stanziate dal Governo non saranno sufficienti a garantire – cosi come preannunciato – i 780 euro promessi. È vero, però, che i fondi stanziati consentiranno di allargare la platea dei destinatari rispetto all’attuale reddito di inclusione, ma non di assicurare la soglia dei 780 euro. Di fatto, il reddito di cittadinanza, se approvato e quando sarà a regime, verrà assorbito per il 63% dalle regioni del Sud. Non ci sono, comunque, segnali che facciano presagire una ripresa dell’economia del Mezzogiorno in grado di immaginare una seppur lieve riduzione del divario tra le due economie. Gli investimenti previsti non garantiscono, infatti, una riduzione del fenomeno della fuga dei giovani dalle regioni meridionali, se è vero come è vero che, tra il 2016 e il 2017, hanno lasciato la loro terra 146 mila giovani. Negli ultimi 16 anni hanno, infatti, abbandonato il Sud 1 milione e 883mila residenti, e la metà sono giovani con una età compresa tra i 15 ed i 34 anni, e un quinto di questi è in possesso di laurea. Altri fattori che appesantiscono il Mezzogiorno, oltre a quello della criminalità organizzata, le carenze infrastrutturali, le inefficienze della Pubblica amministrazione e del sistema giudiziario, il lavoro nero. La manovra non prevede investimenti significativi sui trasporti ferroviari (taglio di 600 mln), sui collegamenti viari e sulla rete stradale e autostradale nelle regioni meridionali. Per quanto riguarda il sostegno al reddito e le politiche di inclusione sociale, non esiste un provvedimento ad hoc, dal momento che il Governo affida tutte le sue speranze nell’applicazione del reddito di cittadinanza, del quale non è possibile oggi prevedere le ricadute reali. La riforma dei centri per l’impiego – strutture fondamentali per l’interlocuzione con i disoccupati da collocare nel mondo del lavoro o da assistere con l’assegno di cittadinanza – richiede tempi e risorse ancora non quantificati.
Di fatto, cresce il numero dei poveri nel Paese – 5 milioni circa, di cui 2,4 milioni nel solo Mezzogiorno. Le famiglie in povertà assoluta sono passate dalle 700mila del 2016 alle 850mila del 2017. Le aspettative che, al Sud, l’introduzione del reddito di cittadinanza ha alimentato, sono immense e il pericolo è che al disagio possa aggiungersi anche la delusione sociale.

Ultime notizie
Giustizia

Salvini e i casi Gregoretti e Diciotti: due vicende a confronto

L’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, il 17 febbraio tornerà davanti all’assemblea del Senato che dovrà decidere se autorizzare o meno il giudizio...
di Vincenzo Macrì
Animali

Incendi in Australia, tra climate change e fake news. Quanto ne sappiamo?

Roghi in Australia: oltre un miliardo gli animali morti, tra gli 8 e i 10 milioni gli ettari bruciati. Ma quanto ne sappiamo di ciò che è accaduto?
di Noemi Nicoletti
International

Usa e Cina, il voto di Taiwan vara la linea “sovranista”

Lo scorso 11 gennaio a Taiwan sono stati eletti il Presidente e il Parlamento per i prossimi quattro anni. La netta vittoria di Tsai ha evidenziato la forte volontà degli elettori taiwanesi di confermare la linea della fermezza nei confronti della Cina.
di Raffaele Cazzola Hofmann
Informazione

L’Italia più autentica è quella dell’altruismo. Mattarella richiama alla responsabilità

Speranza, fiducia, responsabilità, dialogo: questi i termini più ricorrenti con cui il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è rivolto agli italiani per aprire il nuovo anno. Un richiamo alla responsabilità e al valore della cultura.
di Massimiliano Cannata
Luciano Maria Teodori

Iran-Usa, i sogni muoiono all’alba

Due droni, a Baghdad, compiono la missione di uccidere il generale Soleimani. La tragedia irachena continua, insieme al coinvolgimento sempre più forte dell'Iran....
di Luciano Maria Teodori
Attualità

Iran Usa, guerra per la primazia geoeconomica sull’Iraq. Medio Oriente bollente

L’escalation della tensione in Medio Oriente ha toccato uno dei livelli più allarmanti degli ultimi anni con l’uccisione del generale iraniano Qassem Suleimani. Chi era il generale ucciso e quali sono le strategie.
di Antonio De Chiara
Giustizia

Salvini e i casi Gregoretti e Diciotti, vicende a confronto

Il 17 febbraio l’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, tornerà davanti all’assemblea del Senato che dovrà decidere se autorizzare o meno il giudizio...
di Vincenzo Macrì
Giustizia

Canapa per uso personale, la sentenza sulla “legittima coltivazione”. Il ribaltone

Chi coltiva la cannabis in àmbito domestico e per impiego individuale non è perseguibile penalmente. Lo scorso 19 dicembre la Corte di Cassazione a Sezioni unite penali ha emesso una sentenza destinata a suscitare forti reazioni contrapposte ma anche a rompere consolidati tabù.
di Vincenzo Macrì
Europa

Europa e sicurezza, i nuovi equilibri geopolitici impongono un nuovo ruolo

I nuovi equilibi geopolitici de pianeta impongono che l’Europa recuperi in fretta un’iniziativa politica forte e un’identità perduta. Questo il messaggio che arriva dal saggio La difesa dell’Europa di Pasquale Preziosa e Dario Velo.
di Massimiliano Cannata
Informazione

La democrazia non esiste. Odifreddi: “M5S eversivo, la Costituzione è superata”

La democrazia è un'illusione e il populismo ne è la conseguenza. E il più eversivo è quello dei 5 Stelle perché non si sa chi lo comanda. I rimedi: riformare la Costituzione e il sistema dei media, che ha perso equidistanza e funzione. Intervista a Piergiorgio Odifreddi
di Alfonso Lo Sardo