I giovani europei seppelliranno Vestfalia (o no?)

“Viviamo tutti sotto lo stesso cielo, ma non tutti abbiamo lo stesso orizzonte”: è uno dei miei aforismi preferiti; lo pronunciò (si ignora chi lo scrisse) Konrad Adenauer, uno dei padri fondatori dell’Europa.

È stato un giapponese, per la precisione un consulente aziendale, nato in Giappone ma probabilmente talmente sballottato per il mondo da un aereo all’altro da considerarsi ormai un apolide, a mettere a fuoco l’orizzonte nuovo che la globalizzazione si apprestava a plasmare. All’inizio degli anni Novanta, quel giapponese, Kenichi Ohmae, vide, mentre gli altri stavano lì sotto un cielo che non capivano più, il panorama della globalizzazione: la fine dello Stato-Nazione.

Fine della Nazione? Ma come? E i sovranisti allora? Riavvolgiamo il nastro: fine del Seicento.

Riuscite a immaginare l’Europa dell’epoca? Gli esseri umani si dividono in due schiere. Da una parte chi conta – e chi conta, all’epoca, è chiaro ed evidente: è ritratto nei dipinti dei vari Goya, Rembrandt; porta baffi lunghi e laboriosi, veste abiti inutilmente elaborati, inadatti a svolgere qualsivoglia attività pratica (e, infatti, l’intento simbolico dell’abito risiedeva proprio nel renderne evidente questo carattere); passa, poi, del tempo a svolgere mansioni slegate da utilità reale (vedi sopra), salvo farsi la guerra – che però, sono altri a combattere, perché lì ci si sporca. Dall’altra parte siede chi non conta: la maggioranza degli uomini; quelli che, se si affacciano nei quadri dei vari fiamminghi, post-caravaggeschi e compagnia, fanno scandalo perché lì, nei quadri, il posto è riservato a quegli altri. Bene; al termine di una di quelle lunghe, sanguinose e costose (perché, al tempo, si usavano i mercenari per combattere) scie di guerra, che all’epoca monopolizzavano la Storia, ci si mette d’accordo per farla finita.

Succede in un posto che si chiama, all’italiana, Vestfalia. Lì si disegna un nuovo ordine mondiale – sì, mondiale, perché, nel Seicento, Europa e mondo coincidevano ancora quasi perfettamente – e si definisce il concetto di “Stato assoluto”: una porzione di territorio, con un nome, un capo (solitamente un re) e, per far girare il tutto, la pressione fiscale a raccogliere denari e una burocrazia professionista a gestirli – in nome e per conto di Sua Maestà/Santità. Gli storici appaiono concordi nel dire che l’idea di Stato-Nazione moderno, sostanzialmente, germina lì. Senza Vestfalia, insomma, niente Stato-Nazione.

Veniamo, dunque, all’oggi e a un’indagine Eurispes che due ricercatrici russe – Svetlana Varlamova e Anna Doroshina – hanno condotto su un campione statistico di circa 1.300 giovani fra i 18 e i 30 anni. Leggendone le risultanze, la sensazione di fondo che ne traiamo è che, forse, il Sovranismo è un valore (valore?) già vecchio, a dispetto della sua recente apparizione sul palcoscenico mediatico-politico nostrano. Le due studiose hanno scandagliato la struttura valoriale di riferimento dei giovani adulti che vivono in quattro Stati-Nazione europei: Germania, Italia, Polonia e Russia.

La prima questione concerne il perché abbiano messo assieme proprio questi paesi e non altri. Come aggregato, sostengono le ricercatrici, questi Stati-Nazione rappresentano un oggetto di osservazione di un certo interesse: hanno vissuto il cristianesimo –“radice comune” dicono loro – ma nelle tre interpretazioni principali che l’uomo ne ha prodotto (cattolicesimo, ortodossia, protestantesimo); la loro struttura politica ed economica, poi, è frutto di diverse dinamiche evolutive (dalla sostanziale continuità italiana, alla riunificazione di assetti diversi propria della Germania, fino all’oscillazione fra modelli differenti vissuta, con i debiti distinguo, da Polonia e Russia).

Che siano, poi, delle Nazioni meno distanti di quanto le vicende di fine Novecento ci abbiano abituati a considerare, ce lo dice la musica classica: una manciata di decenni pre-novecenteschi, ha visto convivere il polacco Chopin, il russo Tchaikovsky, il tedesco Liszt e il nostro Rossini. Insomma, siamo gente che, nel profondo della propria struttura antropica, molto si somiglia e molto condivide.

Che forma ha l’orizzonte futuro che i giovani intervistati in questi paesi vedono di fronte a loro? Tre aggettivi sembrano esprimerlo, in sintesi: simile, ristretto, individualista. Simile, perché i sistemi dei valori dei giovani intervistati appaiono molto affini, per esempio: non sono religiosi; ritengono importante avere amici, affrancarsi dai genitori; hanno desiderio di famiglia ma non di figli.

Ristretto, perché il futuro non ha un campo lungo ma, letto come tempo di pianificazione sociale (ovvero il periodo deciso per la elaborazione dei piani di vita) tende a non superare gli 8 anni – un tempo decisamente più di breve che di lungo respiro.

Individualista, perché i valori dell’io registrano un consenso letteralmente schiacciante: l’io, inteso come autorealizzazione economico-professionale, è anche da tutti i giovani intervistati inteso come il solo artefice della costruzione sociale personale. Il sostanziale disinteresse della democrazia come valore, sembra completare il quadro come segno del disinteresse per la faccia pubblica della vita.

La globalizzazione ha già iniziato, insomma, a maturare i propri frutti culturali, allineando i sistemi di valori nazionali che – questa la tesi della ricerca – contribuiscono in maniera decisiva a definire la visione del futuro dei giovani.

Naturalmente emergono anche differenze nazionali nel grado di assimilazione di certi valori – ad esempio, la propensione al volontariato è molto superiore in Italia e Germania; il consenso alla democrazia bassissimo in Russia; l’interesse per la vita materiale bassissimo in Germania e via dicendo – ma esse hanno una forza maieutica ampiamente più debole di quella manifestata dai valori omogeneizzanti prima descritti. Ma questi appaiono, alla luce delle evidenze principali, poco più che dettagli. E così, come spesso capita quando si maneggia una buona ricerca, le domande stimolate sono più profonde e pregnanti delle risposte offerte.

Su tutte, una: quando questi giovani avranno lasciato il posto ad altri giovani e avranno preso quello delle attuali “pantere grigie” e della “generazione silente” – quindi, fra circa trent’anni – che fine avrà fatto lo Stato-Nazione figlio di Vestfalia?

L’afflato omogeneizzante della globalizzazione lo avrà diluito in una più ampia federazione politica, più forte a livello planetario nella difesa dei macro-interessi economici dei contraenti? Oppure lo Stato-Nazione, dopo una parentesi trentennale di apparente omogeneizzazione valoriale (e di costumi giovanili), avrà saputo riconsolidarsi, recuperando i distinguo antropici (micro)territoriali, così da risorgere ancora più consapevole della propria unicità storica di quanto non sia oggi?

Ci vediamo nel 2048 (…caspita, fra trent’anni arriva un quarantotto!).

Ultime notizie
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali
scuola e università
Sondaggi & Ricerche

Scuola e Università, presentato il Secondo Rapporto dell’Eurispes

Il Secondo Rapporto Eurispes dedicato a Scuola e Università è stato presentato questa mattina. L’indagine evidenzia l’attualità di vecchie questioni irrisolte del nostro sistema scolastico, e individua sfide e obiettivi per il futuro secondo i docenti di scuola primaria, secondaria e delle università.
di redazione
scuola e università
web
Tecnologia

Una Costituzione per Internet per un web sicuro e inclusivo

Bisogna creare le condizioni per redigere una Costituzione per Internet, definendo un contratto sociale a difesa dei diritti dell’uomo nella società digitale. A tal proposito, la tecnologia non può farsi regolamentazione plasmando le nostre vite, sopravanzando la sfera del diritto.
di Massimiliano Cannata
web