I Tg dal 17 al 21 dicembre – l’epopea della manovra giunge al termine

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 213. Argomenti presenti nelle titolazioni: 264; politica 28% (75 presenze, per il 35% dei titoli), cronaca 23% (60 presenze, per il 28x% dei titoli), esteri 16% (43 presenze, per il 20% dei titoli), cultura e società 15% (39), interni 10% (26), economia 5% (12) e sport e varie 3% (9).

22 dicembre – La penultima settimana dell’informazione del 2018 è dominata, come molte che l’hanno preceduta, dall’epopea della manovra, che sembra però giungere al termine. L’approvazione “con riserva” da parte di Bruxelles che ha evitato le temute sanzioni viene accolta mercoledì con giubilo da tutte le testate, con Tg1 che intervista il premier Conte mentre sia Tg5 che le testate Rai rilanciano il sollievo espresso dal Presidente della Repubblica Mattarella. Tg La7 è invece la prima ad entrare “nel merito” del nuovo documento, dedicando un lungo titoli alle ipotesi sull’Iva ed agli altri indici che sono stati ritoccati.

L’ansia dell’informazione nel voler esplorare il nuovo provvedimento si affianca a quella delle opposizioni, dato che il testo modificato sarà proposto al Senato solamente nel pomeriggio di sabato, lasciando pochissimo tempo per votarne la fiducia ed ancor meno per prenderne visione. Molte e varie le dichiarazioni di protesta delle opposizioni, menzionate in quasi il 40% delle titolazioni dedicate alla politica. Sotto tono, invece, la presenza dei vicepremier, con Salvini e Di Maio presenti in appena una 20ina di titoli; assai più riprese le parole del premier Conte a difesa del provvedimento, che ribadisce come “non si sia ceduto sui punti essenziali” ne “tradita la fiducia” degli italiani.

Se la tensione politica permane sulle testate, i miglioramenti sul versante economo portati dalla “promozione” della manovra non sono stati oggetto di grande celebrazione. Solo 2 titoli segnalano il marcato calo dello spread.

La pagina della cronaca risulta segnata da diversi fatti di sangue, tra cui il tragico suicidio di una trentenne romana che potrebbe essersi lanciata nel Tevere portando con sé le sue due figlie neonate gemelle (apertura per Tg4 e Studio Aperto di giovedì). Spazio nei titoli anche per l’omicidio di un senzatetto a Palermo ad opera di due giovani rom. Titoli anche per l’assalto compiuto con lancio di Molotov da parte di uno studente di Aprilia alla sua scuola che, se quegli esplosivi casalinghi avessero funzionato, avrebbe potuto essere catastrofico.

Grande spazio hanno avuto sulle testate le esequie ad Antonio Megalizzi, il giovane giornalista vittima della strage di Strasburgo: 5 titoli tra martedì e giovedì 5 titoli, tra cui le aperture di Tg2 e Tg3. Da segnalare come, se Tg2 coglie l’occasione per rimarcare i mali del terrorismo islamico, tanto Tg3 che le altre testate enfatizzano nei servizi la dimensione “europea” di questo lutto.

L’atteso avvio dei lavori ricostruzione del viadotto di Genova riceve grande attenzione, con titoli giovedì per Tg3 e Tg5 dedicati alla demolizione delle prime strutture sotto al Ponte Morandi.

Passando agli esteri, buon seguito hanno avuto le mosse del Presidente Trump che mercoledì ha richiamato le truppe statunitensi dalla Siria, dichiarando l’Isis sconfitta nella regione, facendo lo stesso giovedì per quanto riguarda metà del contingente americano in Afghanistan. Le raggelanti dichiarazioni di Putin, che giovedì annuncia del “grave rischio di una guerra nucleare” risuonano sui Tg Rai mentre sono presenti nei servizi delle testate delle 20. Ci sarebbe piaciuto poter ascoltare l’opinione di un qualche commentatore sugli anatemi lanciati dal presidente russo, ma anche per esplorare le mosse di quello americano. Su un altro fronte, il passaggio al parlamento ungherese della legge sul lavoro voluta da Orban, battezzare “legge schiavitù” raccoglie l’interesse di Tg3, Tg1, Tg5 e Tg La7. Non ne abbiamo trovata menzione critica invece sul nuovo Tg2.

Spazio sulla testata di Gennaro Sangiuliano la trova venerdì un’intervista al presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana il merito al progetto sulle autonomie del nord (Veneto – Lombardia ed Emilia Romagna) avviato venerdì dal governo. Buono l’approfondimento, con Tg La7 che propone a sua volta un servizio.

I 90 anni festeggiati dal grande divulgatore scientifico Piero Angela spiccano venerdì sulla pagina della cultura del servizio pubblico. Molti i titoli e gli approfondimenti verso una vocazione alla “cultura” che si ripropone da oltre 50 anni, trascendendo le generazioni.

Tra le varie ed eventuali, proponiamo:

  • il titolo di Studio Aperto di lunedì dedicato ai “mammoni italiani”, ossia ai giovani under 35 che abitano “ancora” assieme ai propri genitori, sia per abitudine ma, soprattutto, perché costretti dalla situazione economica;
  • il viaggio del Tg2 nelle “scuole che formano al lavoro”, a cui sono stati dedicati 2 titoli tra giovedì e venerdì;
  • l’attenzione del Tg La7 al ritorno delle proteste in Catalogna, unica testata a trattarne nel corso della settimana, dedicandovi venerdì titolo e lungo servizio. Sempre venerdì, Tg La7 dedica attenzione alla denuncia del quotidiano Guardian che attribuisce ai movimenti no-vax forti responsabilità nell’aumento dei casi di morbillo in tutta Europa, arrivati a 60 mila.

Con queste righe, l’Osservatorio Tg si prende una pausa per le feste natalizie, dando appuntamento alla settimana che inizia con lunedì 7 gennaio.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità