I Tg dal 17 al 21 dicembre – l’epopea della manovra giunge al termine

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 213. Argomenti presenti nelle titolazioni: 264; politica 28% (75 presenze, per il 35% dei titoli), cronaca 23% (60 presenze, per il 28x% dei titoli), esteri 16% (43 presenze, per il 20% dei titoli), cultura e società 15% (39), interni 10% (26), economia 5% (12) e sport e varie 3% (9).

22 dicembre – La penultima settimana dell’informazione del 2018 è dominata, come molte che l’hanno preceduta, dall’epopea della manovra, che sembra però giungere al termine. L’approvazione “con riserva” da parte di Bruxelles che ha evitato le temute sanzioni viene accolta mercoledì con giubilo da tutte le testate, con Tg1 che intervista il premier Conte mentre sia Tg5 che le testate Rai rilanciano il sollievo espresso dal Presidente della Repubblica Mattarella. Tg La7 è invece la prima ad entrare “nel merito” del nuovo documento, dedicando un lungo titoli alle ipotesi sull’Iva ed agli altri indici che sono stati ritoccati.

L’ansia dell’informazione nel voler esplorare il nuovo provvedimento si affianca a quella delle opposizioni, dato che il testo modificato sarà proposto al Senato solamente nel pomeriggio di sabato, lasciando pochissimo tempo per votarne la fiducia ed ancor meno per prenderne visione. Molte e varie le dichiarazioni di protesta delle opposizioni, menzionate in quasi il 40% delle titolazioni dedicate alla politica. Sotto tono, invece, la presenza dei vicepremier, con Salvini e Di Maio presenti in appena una 20ina di titoli; assai più riprese le parole del premier Conte a difesa del provvedimento, che ribadisce come “non si sia ceduto sui punti essenziali” ne “tradita la fiducia” degli italiani.

Se la tensione politica permane sulle testate, i miglioramenti sul versante economo portati dalla “promozione” della manovra non sono stati oggetto di grande celebrazione. Solo 2 titoli segnalano il marcato calo dello spread.

La pagina della cronaca risulta segnata da diversi fatti di sangue, tra cui il tragico suicidio di una trentenne romana che potrebbe essersi lanciata nel Tevere portando con sé le sue due figlie neonate gemelle (apertura per Tg4 e Studio Aperto di giovedì). Spazio nei titoli anche per l’omicidio di un senzatetto a Palermo ad opera di due giovani rom. Titoli anche per l’assalto compiuto con lancio di Molotov da parte di uno studente di Aprilia alla sua scuola che, se quegli esplosivi casalinghi avessero funzionato, avrebbe potuto essere catastrofico.

Grande spazio hanno avuto sulle testate le esequie ad Antonio Megalizzi, il giovane giornalista vittima della strage di Strasburgo: 5 titoli tra martedì e giovedì 5 titoli, tra cui le aperture di Tg2 e Tg3. Da segnalare come, se Tg2 coglie l’occasione per rimarcare i mali del terrorismo islamico, tanto Tg3 che le altre testate enfatizzano nei servizi la dimensione “europea” di questo lutto.

L’atteso avvio dei lavori ricostruzione del viadotto di Genova riceve grande attenzione, con titoli giovedì per Tg3 e Tg5 dedicati alla demolizione delle prime strutture sotto al Ponte Morandi.

Passando agli esteri, buon seguito hanno avuto le mosse del Presidente Trump che mercoledì ha richiamato le truppe statunitensi dalla Siria, dichiarando l’Isis sconfitta nella regione, facendo lo stesso giovedì per quanto riguarda metà del contingente americano in Afghanistan. Le raggelanti dichiarazioni di Putin, che giovedì annuncia del “grave rischio di una guerra nucleare” risuonano sui Tg Rai mentre sono presenti nei servizi delle testate delle 20. Ci sarebbe piaciuto poter ascoltare l’opinione di un qualche commentatore sugli anatemi lanciati dal presidente russo, ma anche per esplorare le mosse di quello americano. Su un altro fronte, il passaggio al parlamento ungherese della legge sul lavoro voluta da Orban, battezzare “legge schiavitù” raccoglie l’interesse di Tg3, Tg1, Tg5 e Tg La7. Non ne abbiamo trovata menzione critica invece sul nuovo Tg2.

Spazio sulla testata di Gennaro Sangiuliano la trova venerdì un’intervista al presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana il merito al progetto sulle autonomie del nord (Veneto – Lombardia ed Emilia Romagna) avviato venerdì dal governo. Buono l’approfondimento, con Tg La7 che propone a sua volta un servizio.

I 90 anni festeggiati dal grande divulgatore scientifico Piero Angela spiccano venerdì sulla pagina della cultura del servizio pubblico. Molti i titoli e gli approfondimenti verso una vocazione alla “cultura” che si ripropone da oltre 50 anni, trascendendo le generazioni.

Tra le varie ed eventuali, proponiamo:

  • il titolo di Studio Aperto di lunedì dedicato ai “mammoni italiani”, ossia ai giovani under 35 che abitano “ancora” assieme ai propri genitori, sia per abitudine ma, soprattutto, perché costretti dalla situazione economica;
  • il viaggio del Tg2 nelle “scuole che formano al lavoro”, a cui sono stati dedicati 2 titoli tra giovedì e venerdì;
  • l’attenzione del Tg La7 al ritorno delle proteste in Catalogna, unica testata a trattarne nel corso della settimana, dedicandovi venerdì titolo e lungo servizio. Sempre venerdì, Tg La7 dedica attenzione alla denuncia del quotidiano Guardian che attribuisce ai movimenti no-vax forti responsabilità nell’aumento dei casi di morbillo in tutta Europa, arrivati a 60 mila.

Con queste righe, l’Osservatorio Tg si prende una pausa per le feste natalizie, dando appuntamento alla settimana che inizia con lunedì 7 gennaio.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Italia

L’elezione del Presidente della Repubblica. Una questione di Costituzione

La prossima scadenza del settennato dell’attuale Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e le elezioni per la nomina del suo successore sono l’occasione per un approfondimento di tale importante figura costituzionale, che l’articolo 87 della Costituzione definisce “Capo dello Stato, che garantisce l’unità nazionale”.
di Vincenzo Macrì
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso