Salute

Obesità infantile, in Italia un bambino su cinque ha problemi di peso

253

Organizzazione Mondiale della Sanità, OCSE e Ministero della Salute hanno più volte certificato, negli ultimi anni, una problematica che attanaglia la fascia più fragile della nostra popolazione: l’obesità infantile.

In Italia un bambino su cinque è obeso o ha problemi di sovrappeso. Partendo dai dati raccolti tra il 2015 e il 2017 dallo studio del COSI (Childhood Obesity Surveillance Initiative) e inseriti nel rapporto “Health at a Glance: Europe 2018”, realizzato in collaborazione con l’UE, l’OCSE ha posizionato il Bel Paese in seconda posizione nella classifica dei tassi di obesità infantile in Europa. Dopo Cipro (20%), l’Italia ha un tasso di obesità infantile pari al 18%, insieme alla Spagna. Nel dettaglio, i maschi di età compresa tra i 7 e gli 8 anni (quelli su cui si è concentrata l’indagine) tendono ad essere maggiormente obesi rispetto alle femmine: il 21% contro il 14% (in Europa, per completezza di analisi, è obeso in media il 14% dei ragazzi e il 10% delle ragazze, quasi un bambino su otto). A meritare gli ultimi posti della classifica sono paesi come la Repubblica Ceca, la Danimarca, la Francia, l’Irlanda e la Lettonia, con percentuali comprese tra il 5 e l’8%.
Nonostante tra il 2007 e il 2017 sia stato possibile registrare una certa diminuzione dei tassi di obesità, come vedremo meglio più avanti, in Italia i numeri restano ancora alti e allarmanti. Non occorre ricordare, infatti, che i bambini in sovrappeso o con problemi di obesità corrono maggiori rischi di riscontrare in età adulta problemi di ipertensione, colesterolo alto, diabete, malattie cardiovascolari e alcune forme di cancro.
Come anticipato, anche l’OMS – l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha indagato sulla diffusione dell’obesità infantile. Secondo l’European Health Report del 2018, stando ai dati raccolti con l’ultimo studio HBSC (Health Behaviour in School-aged Children – Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare), quasi il 17,5% delle ragazze e il 26,8% dei ragazzi di 11 anni era in sovrappeso in Europa; il 15% delle ragazze e il 23,4% dei maschi di 13 anni. Per i 15enni le statistiche erano di poco più basse: il 12,4% per le femmine e il 21,6% per gli adolescenti maschi. Nelle tre fasce di età la più elevata prevalenza di ragazzi in sovrappeso è stata segnalata in Groenlandia, Grecia, Malta e, appunto, in Italia. Questi dati si riferiscono all’anno 2014: lo studio HBSC si ripete ogni quattro anni; nuovi dati sono stati raccolti nel corso del 2018 e si attendono gli aggiornamenti nel corso del 2019.
Lo studio ha sondato anche le abitudini dei ragazzi. Ad esempio, tra il 2013 e il 2014, nel Lazio l’attività fisica praticata è stata inferiore agli standard raccomandati dalle linee guida internazionali, soprattutto tra i quindicenni, mentre solamente il 16% degli adolescenti ha consumato la frutta e l’11% la verdura più volte al giorno.

Ovviamente, anche il Ministero della Salute ha affrontato il problema dell’obesità infantile in Italia. Gli ultimi dati disponibili si rifanno alle raccolte del sistema di sorveglianza “Okkio alla Salute”, promosso e finanziato proprio dal Ministero. I risultati dell’indagine sono stati presentanti a maggio 2017, confermando che il 21% dei bambini italiani è in sovrappeso e che il 9,3% è addirittura obeso, con prevalenze più elevate al Sud e al Centro.
Nel dettaglio: per l’obesità si è passati dal 12% del 2008/2009 al 9,3% del 2016, con una diminuzione relativa del 22,5%. Per il sovrappeso si è passati dal 23,2% del 2008/2009 al 21,3% del 2016, con una diminuzione relativa dell’8% (anche se è stato possibile osservare un leggero aumento, non statisticamente significativo, del sovrappeso nell’ultima rilevazione rispetto a quella del 2014). Complessivamente dunque, in meno di dieci anni l’eccesso ponderale (sovrappeso più obesità) dei bambini è diminuito del 13% (passando da 35,2% nel 2008/2009 al 30,6% nel 2016), in linea con quanto registrato anche dall’OCSE.
Tuttavia, nonostante questo andamento positivo, la rilevazione basata sul 2016 ha sottolineato la grande diffusione tra i bambini di abitudini alimentari poco salutari, di comportamenti sedentari e della scarsa attività fisica. C’è un altro dato che, contestualmente, desta molta preoccupazione: i genitori spesso tendono a sottostimare lo stato ponderale dei propri figli. Ad esempio, nel 2016, tra le madri di bambini in sovrappeso o obesi, il 37% riteneva che il proprio figlio fosse sotto-normopeso e solo il 30% pensava che la quantità di cibo assunta fosse eccessiva.

Alle porte del 2019, al fine di programmare specifici piani d’intervento in merito, si attendono i nuovi dati dello studio HBSC e poi le conclusioni del PNP, il Piano Nazionale della Prevenzione, promosso dal Ministero della Salute per il quadriennio 2014-2018 (prorogato al 2019), che tra i tanti obiettivi si era fissato quello di incrementare del 15% la prevalenza di bambini di 8-9 anni che consumano almeno 2 volte al giorno frutta e/o verdura. Ad ogni modo, ogni studio fin qui trattato ha indicato nel raccordo tra salute e scuola uno dei principali canali d’azione. Potenziare questa interazione, coinvolgendo le famiglie, è fondamentale per contrastare la crescita dell’obesità infantile, la quale non è esclusivamente correlata a diete malsane o sballate ma è anzi spesso conseguenza di problemi psicosociali come scarsa autostima o bullismo. In questo contesto, il ruolo della famiglia diventa essenziale, poiché il cibo è il primo canale comunicativo che un genitore instaura col bambino.

Ultime notizie
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli