Osservatorio TG

I Tg dal 26 al 30 novembre 2018

103

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 213. Argomenti presenti nelle titolazioni: 289; cronaca 28% (79 presenze, per il 37% dei titoli), politica 27% (76 presenze, per il 35% dei titoli), esteri 20% (55 presenze, per il 26% dei titoli), cultura e società 14% (40), sport e varie 4% (14), economia 4% (13) ed interni 4% (12).

1 dicembre – La settimana dell’informazione risulta segnata dal binomio cronaca/politica. L’apertura del governo, seppure lieve, alle richieste dell’Unione a cui segue un rasserenamento nei rapporti con l’Europa ed un moderato calo dello spread, viene ripresa da tutte le testate, con Mentana che martedì “certifica” il passaggio dallo “scontro” delle ultime settimane al “confronto”. Nel clima più rilassato delle giornate successive, le coperture raccolgono le parole di Salvini sul deficit – “il 2,4% non è scritto nei 10 comandamenti – e le ulteriori aperture di Juncker e Moscovici, per spostarsi quindi sulle dichiarazioni di Conte dal Vertice G20 di Buenos Aires.

., che ha visto sempre martedì il passaggio dell’atteso provvedimento sulla Sicurezza, approvato con il voto di fiducia. Se a questo passaggio non si sono riscontrate nell’immediato tensioni tra le due anime della maggioranza, le testate “non di governo” rimarcano le incoerenze (8 i titoli) manifestate dall’esecutivo in relazione al “global compact” dell’Onu sui migranti, che vede il premier Conte, dopo essersi detto favorevole, attendere ora che si esprima il Parlamento. Le dichiarazioni di venerdì del Presidente della Camera Fico che, a posteriori del passaggio alla Camera del decreto sicurezza (fortemente osteggiato dalle opposizioni) si è detto pubblicamente contrario vengono riprese da molti e segnalate con enfasi da Tg La7.

Ma le istanze della politica emergono con decisione sulle pagine della cronaca. Nella settimana che ha visto passare il decreto sicurezza, la vicenda del gommista di Monte San Savino che ha sparato ad un ladro moldavo mentre si introduceva nella sua azienda, uccidendolo, riporta in primo piano il dibattito sulla legittima difesa: 6 titoli mercoledì, di cui le aperture di Tg2 e delle testate Mediaset, che si ripropongono nella giornata di venerdì per Studio Aperto e Tg4. La storia di Fredy Pacini, presentato come un uomo costretto a dormire nella propria azienda dopo i numerosi furti, si accompagna tanto nei titoli che nei servizi dei Tg Mediaset, ma anche dell’ormai salviniano Tg2 (ben 3 i servizi), con numerose testimonianze di vicinanza all’uomo e prese di posizione in favore della sua scelta.

Parallelamente, risulta piuttosto seguita (poco dal Tg1, ma molto sulle testate Mediaset) la vicenda che riguarderebbe l’assunzione a nero di alcuni dipendenti da parte del padre del vicepremier Di Maio, notizia “scovata” da Le Iene e che riapre un confronto a distanza tra il leader Cinque Stelle ed esponenti del partito democratico, con Renzi e Boschi che gli rinfacciano le calunnie di cui erano stati rispettivamente oggetto i propri familiari. Su un altro fronte, martedì Tg La7 apre un sipario sulla Lega, osservando come per avviare il processo d’appello sulla vicenda dei fondi Salvini abbia querelato nuovamente Belsito, ma nessun “Bossi”, nell’intenzione di voler preservare il “totem sacro” rappresentato dal Senatur.

Uscendo dalla “cronaca politica”, si può rintracciare questa settimana una diffusa attenzione bipartisan sulle testate verso i reati ambientali ed il contrasto alla criminalità organizzata su questi fronti, con titoli per Tg1 sull’avvelenamento delle falde acquifere in Veneto, per Tg2 e tg5 sui roghi appiccati dalle mafie per il business dei rifiuti e di Tg3 sui danni complessivi dovuti al dissesto ambientale. Attenzione per i Tg di lunedì ai nuovi sbarchi, con Tg5 che titola sull’arresto di alcuni scafisti che si servivano di un peschereccio per trainare i barconi dalla Libia. Inevitabile l’attenzione alla voragine creatasi sulla Pontina, che è costata la vita ad un 68enne; Tg2 torna nei giorni successivi sulla questione della manutenzione delle autostrade, con due titoli e diversi servizi;

Per gli esteri, le tensioni tra Russia ed Ucraina dopo i fatti del mar Azov, i cui riflessi mandano a monte l’incontro pianificato tra Putin e Trump al G20 di Buenos Aires sono seguite da tutte le testate, con Tg La7 che pone l’enfasi sulle manifestazioni plateali di sostegno tra il leader russo ed il principe saudita Bin Salman al centro dello scandalo Khashoggi. Sui Tg Rai si continua a parlare della carovana dei migranti che preme sul confine messicano.

In una settimana che ha visto le borse in miglioramento, i dati Istat sull’economia che ristagna si impongono venerdì con una certa forza (aperture per Tg3, Tg5 e Tg La7), rimarcati dal calo occupazione (sebbene alcune testate colgano nell’aumento dei posti a tempo indeterminato un primo effetto del decreto dignità). Durissimo Mentana, che a fronte di questi segnali negativi accusa la politica di perdersi in un rimpallo di responsabilità piuttosto che offrire risposte, mentre il premier Conte assicura che le riforme del governo produrranno nuova crescita.

Lo scontro a distanza con la polizia egiziana per il Caso Regeni, che ha portato il Presidente della Camera Fico a sospendere i rapporti con il parlamento del Cairo, viene seguito da tutte le testate con interesse. Maggiore spazio ai disordini causati dalle proteste die Gilet Gialli in Francia, con alcune testate che esplorano le ragioni della protesta. Da segnalare anche l’editoriale di Maurizio Belpietro, che sul Tg2 di venerdì accusa nell’ambito delle perquisizioni della Deutsche Bank come l’apparente “perfezione” della Germania sia ingiustificata, visto come “la locomotiva d’Europa si serve spesso di metodi incorretti”.

Sempre venerdì, i rilievi della Società Italiana di gerontologia e geriatrica secondo i quali le condizioni di vita degli italiani sono tali ci si può considerare anziani solo a partire dai 75 anni, ed un 65enne di oggi è come un 45enne del 1980 fa sorridere molti e viene ripresa da tutte le testate, senza grandi commenti o riflessioni marcate.

Il cordoglio per la scomparsa del grande regista Bernardo Bertolucchi risuona tra le edizioni di lunedì: titoli per tutti, con l’Ammiraglia Rai che dedicata la propria apertura al ricordo dell’Ultimo imperatore del cinema italiano del 900’. Negli stessi giorni, la discesa sul suolo marziano della sonda americana InSight riverbera sulle testate (titoli anche per Tg La7) e spalanca le ali della fantasia nei servizi.

Tra le varie ed eventuali, segnaliamo:

il ricordo del Tg3 di lunedì che va alle vittime di amianto in Lombardia, stimate nell’ordine di 2000 nel solo 2017, ed oggetto anche di un film di Mastrandrea che affronta la tematica delle morti sul lavoro;
il titolo di Studio Aperto dedicato ad un giovane disabile 27enne che, pur affetto da una malattia motoria degenerativa, ha compiuto negli anni diversi vacanze durante le quali sono stati raccolti fondi per la ricerca;
l’attenzione di Tg La7 di mercoledì sulla Brexit, con la Banca d’Inghilterra che prevede assieme al governo scenari per il Regno Unito che vanno dal negativo al catastrofico;

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Giustizia

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo