No “Normale” a Napoli. Breve (e brutta) storia di un progetto italiano

I fatti sono probabilmente noti: lo scorso fine novembre viene annunciato il progetto di aprire, a Napoli, la Scuola Normale Superiore Meridionale, una scuola universitaria che, forte di un finanziamento statale di circa 50 milioni, porterà il modello istituzionale e formativo della Normale di Pisa nel capoluogo campano. Si dice che vi s’insegneranno, con formula “normale” e in collaborazione con l’Università Federico II: economia del mare, ingegneria del rischio, valorizzazione dei beni culturali. Ministro competente, Rettore napoletano, Direttore della Scuola: tutti d’accordo, tutti soddisfatti – pronti a tagliare nastri e stappare bottiglie.
Ma, come spesso accade, le buone idee non fanno i conti con l’oste. E l’oste in questione si chiama Sindaco di Pisa: il signor Michele Conti. Se la cultura fa, c’è chi disfa: il Sindaco trasforma improvvidamente la Scuola in una componente del brand cittadino e si erge a paladino della sua tutela dall’imitazione, dalla spersonalizzazione, dalla sottrazione indebita, ordita dal direttore – horribile dictu! Napoletano – della Scuola pisana. Manco la Normale fosse un formaggio DOP; manco il direttore della Scuola fosse un agente segreto partenopeo in missione per conto del collega della Federico II; manco il ministro fosse il vertice di un Consorzio di tutela.

Fermiamo un momento il film e conosciamo meglio i protagonisti.

La Scuola Normale Superiore di Pisa è uno degli istituti universitari italiani a ordinamento speciale: forse il più prestigioso, certamente il più noto nel mondo. La Normale, come viene chiamata per comodità, ha due secoli di storia. Non un tracciato di heritage lunghissimo, quindi – la Sapienza, per dire, è del 1303. Tuttavia a dispetto di una storia tanto breve, la Scuola ha delle ragioni di unicità qualitativa che merita siano ricordate.
In primo luogo il modello istituzionale, disegnato nel 1810 da Napoleone, a immagine e somiglianza dell’Ecole Normale Superieure francese: luogo di formazione delle future classi dirigenti imperiali, senza distinzione di ceto o classe sociale (ma, per quasi tutta la propria storia, di genere sì), solo assumendo allievi dotati. Rivisto e corretto nel tempo, il modello istituzionale della Scuola ha sempre avuto una natura speciale, mai messa in discussione, nemmeno dal fascismo – anzi!
Il secondo carattere speciale della Normale è il suo modello formativo: gli allievi sono pochi – in tutta la propria storia ne conta circa cinquemila – scelti sulla base di criteri rigidamente selettivi: sono totalmente spesati dall’istituzione stessa (vitto e alloggio compresi). L’approccio didattico, poi, è particolare e cerca di formare una conoscenza di qualità, basata su una forte attitudine alla ricerca; il territorio culturale di aspirazione si colloca all’intercezione fra scienze cosiddette “dure” e quelle dell’uomo – scienze sociali, politiche, umane, lettere e filosofia. Insomma, un “college” multidisciplinare ante litteram, dal grande fascino culturale, standing qualitativo e capace di ritagliarsi una nicchia di valore nel panorama mondiale dell’alta formazione.

L’altro protagonista della vicenda non potrebbe essere – almeno stando a quell’apparenza cui luoghi comuni, post-verità e superficialità internettiana ci hanno assuefatti – più lontana. La troviamo, infatti, sporgendoci da Pisa e gettando lo sguardo verso il basso, un po’ più a Sud: superiamo Roma e scivoliamo, fra le piane del basso Lazio e gli appennini, fino al golfo di Napoli: lì siede l’Università Federico II. Antichissima – fu fondata nel 1224, ma dedicata all’Imperatore svevo solo nel 1992 – trova le proprie ragioni istitutive di allora nella medesima ratio della Normale: formare i gruppi dirigenti necessari al governo dello Stato. Napoleone, dunque, non s’inventò nulla.
L’ateneo napoletano condivide il destino della città: come questa fu spesso all’avanguardia, per poi arrestarsi e vedersi superare in scioltezza da altre – si pensi, per citare solo un caso, all’avvento della ferrovia in Italia – così l’Ateneo fu innovatore: per citare solo un caso, è a Napoli che si affida ad Antonio Genovesi la prima cattedra di economia politica in Italia – era il 1754. Tanta storia non può poi non aver lasciato una lunga teoria di alunni celebri: Tommaso D’Acquino, Giordano Bruno, Benedetto Croce, Giorgio Napolitano, Antonio Labriola, Ernesto De Martino – e fermiamoci qui.

Torniamo ai fatti.
All’indomani dell’annuncio della collaborazione fra la Normale e la Federico II, nell’immaginario del primo cittadino pisano la situazione appare subito ben chiara: di qui Pisa, di là Napoli; di qui la civile organizzazione toscana, di là lo sbalorditivo caos marciante partenopeo; di qui sentore di Europa, di là umidità mediterranea; lassù storia e lavoro, laggiù scippo e speculazione.
A peggiorare il quadro, accade un fatto: docenti e studenti della Normale – proprio quelli che la scuola dichiara sul proprio sito di formare “aperti” e usi allo “spirito critico”, intrisi di “attitudine alla ricerca” e al sapere sembrano schierarsi dalla parte del Sindaco. Ce n’è abbastanza per far partire una crociata – che infatti parte e colpisce pure nel segno: il 12 dicembre 2018 l’ineffabile Sindaco Conti può cantare vittoria: “Pisa è salva”!

Il progetto, pare certo, troverà, dentro le segrete stanze del Ministero dell’Università, una soluzione “all’italiana” (quindi tesa a salvare le apparenze di conservazione dello status quo, dando, però, l’impressione che si stia facendo una grande innovazione). Se Pisa sarà stata salvata, perciò, Napoli avrà modo di fregiarsi di una nuova istituzione universitaria, certamente “di prestigio”, sicuramente “eccellente”, ovviamente “invidiata da tutto il mondo”.

La favola insegna, scriveva Esopo nel 500 avanti Cristo, chiudendo con una morale le proprie storie di animali antropomorfi, due cose, niente affatto positive. La prima è che siamo un Paese che, sull’istruzione, recita a soggetto e su canovaccio: tutto è improvvisazione, piccoli protagonisti decidono lo svolgimento di grandi trame, nessuna grande penna – singola o collettiva – appare capace di immaginare una storia. Se si è fortunati (e/o i protagonisti sono bravi) come nel caso dell’Istituto Italiano di Tecnologia voluto da Tremonti a Genova, la storia ha un finale felice. Però. Però il secondo insegnamento è che siamo un Paese la cui classe politica sembra aver abbandonato la speranza di far crescere con decisione il livello medio delle strutture educative “normali” (non nel senso pisano del termine). Si tagliano i finanziamenti ordinari e si affidano pochi di quegli spiccioli rimasti a operazioni limitate, mediaticamente efficaci. Ed ecco allora l’istituzione di nuovi soggetti che si sovrappongono, sottraendogli ulteriori risorse, al sistema universitario pubblico (seguendo il famoso detto di Flaiano che “in Italia si preferisce inaugurare che mantenere”), campagne acquisti roboanti (dal piano morattiano sul “rientro dei cervelli”, poverini, costretti alla fuga all’estero, al capolavoro renziano delle “cattedre Natta”).
Ma vi pare Normale tutto ciò?

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica