No “Normale” a Napoli. Breve (e brutta) storia di un progetto italiano

I fatti sono probabilmente noti: lo scorso fine novembre viene annunciato il progetto di aprire, a Napoli, la Scuola Normale Superiore Meridionale, una scuola universitaria che, forte di un finanziamento statale di circa 50 milioni, porterà il modello istituzionale e formativo della Normale di Pisa nel capoluogo campano. Si dice che vi s’insegneranno, con formula “normale” e in collaborazione con l’Università Federico II: economia del mare, ingegneria del rischio, valorizzazione dei beni culturali. Ministro competente, Rettore napoletano, Direttore della Scuola: tutti d’accordo, tutti soddisfatti – pronti a tagliare nastri e stappare bottiglie.
Ma, come spesso accade, le buone idee non fanno i conti con l’oste. E l’oste in questione si chiama Sindaco di Pisa: il signor Michele Conti. Se la cultura fa, c’è chi disfa: il Sindaco trasforma improvvidamente la Scuola in una componente del brand cittadino e si erge a paladino della sua tutela dall’imitazione, dalla spersonalizzazione, dalla sottrazione indebita, ordita dal direttore – horribile dictu! Napoletano – della Scuola pisana. Manco la Normale fosse un formaggio DOP; manco il direttore della Scuola fosse un agente segreto partenopeo in missione per conto del collega della Federico II; manco il ministro fosse il vertice di un Consorzio di tutela.

Fermiamo un momento il film e conosciamo meglio i protagonisti.

La Scuola Normale Superiore di Pisa è uno degli istituti universitari italiani a ordinamento speciale: forse il più prestigioso, certamente il più noto nel mondo. La Normale, come viene chiamata per comodità, ha due secoli di storia. Non un tracciato di heritage lunghissimo, quindi – la Sapienza, per dire, è del 1303. Tuttavia a dispetto di una storia tanto breve, la Scuola ha delle ragioni di unicità qualitativa che merita siano ricordate.
In primo luogo il modello istituzionale, disegnato nel 1810 da Napoleone, a immagine e somiglianza dell’Ecole Normale Superieure francese: luogo di formazione delle future classi dirigenti imperiali, senza distinzione di ceto o classe sociale (ma, per quasi tutta la propria storia, di genere sì), solo assumendo allievi dotati. Rivisto e corretto nel tempo, il modello istituzionale della Scuola ha sempre avuto una natura speciale, mai messa in discussione, nemmeno dal fascismo – anzi!
Il secondo carattere speciale della Normale è il suo modello formativo: gli allievi sono pochi – in tutta la propria storia ne conta circa cinquemila – scelti sulla base di criteri rigidamente selettivi: sono totalmente spesati dall’istituzione stessa (vitto e alloggio compresi). L’approccio didattico, poi, è particolare e cerca di formare una conoscenza di qualità, basata su una forte attitudine alla ricerca; il territorio culturale di aspirazione si colloca all’intercezione fra scienze cosiddette “dure” e quelle dell’uomo – scienze sociali, politiche, umane, lettere e filosofia. Insomma, un “college” multidisciplinare ante litteram, dal grande fascino culturale, standing qualitativo e capace di ritagliarsi una nicchia di valore nel panorama mondiale dell’alta formazione.

L’altro protagonista della vicenda non potrebbe essere – almeno stando a quell’apparenza cui luoghi comuni, post-verità e superficialità internettiana ci hanno assuefatti – più lontana. La troviamo, infatti, sporgendoci da Pisa e gettando lo sguardo verso il basso, un po’ più a Sud: superiamo Roma e scivoliamo, fra le piane del basso Lazio e gli appennini, fino al golfo di Napoli: lì siede l’Università Federico II. Antichissima – fu fondata nel 1224, ma dedicata all’Imperatore svevo solo nel 1992 – trova le proprie ragioni istitutive di allora nella medesima ratio della Normale: formare i gruppi dirigenti necessari al governo dello Stato. Napoleone, dunque, non s’inventò nulla.
L’ateneo napoletano condivide il destino della città: come questa fu spesso all’avanguardia, per poi arrestarsi e vedersi superare in scioltezza da altre – si pensi, per citare solo un caso, all’avvento della ferrovia in Italia – così l’Ateneo fu innovatore: per citare solo un caso, è a Napoli che si affida ad Antonio Genovesi la prima cattedra di economia politica in Italia – era il 1754. Tanta storia non può poi non aver lasciato una lunga teoria di alunni celebri: Tommaso D’Acquino, Giordano Bruno, Benedetto Croce, Giorgio Napolitano, Antonio Labriola, Ernesto De Martino – e fermiamoci qui.

Torniamo ai fatti.
All’indomani dell’annuncio della collaborazione fra la Normale e la Federico II, nell’immaginario del primo cittadino pisano la situazione appare subito ben chiara: di qui Pisa, di là Napoli; di qui la civile organizzazione toscana, di là lo sbalorditivo caos marciante partenopeo; di qui sentore di Europa, di là umidità mediterranea; lassù storia e lavoro, laggiù scippo e speculazione.
A peggiorare il quadro, accade un fatto: docenti e studenti della Normale – proprio quelli che la scuola dichiara sul proprio sito di formare “aperti” e usi allo “spirito critico”, intrisi di “attitudine alla ricerca” e al sapere sembrano schierarsi dalla parte del Sindaco. Ce n’è abbastanza per far partire una crociata – che infatti parte e colpisce pure nel segno: il 12 dicembre 2018 l’ineffabile Sindaco Conti può cantare vittoria: “Pisa è salva”!

Il progetto, pare certo, troverà, dentro le segrete stanze del Ministero dell’Università, una soluzione “all’italiana” (quindi tesa a salvare le apparenze di conservazione dello status quo, dando, però, l’impressione che si stia facendo una grande innovazione). Se Pisa sarà stata salvata, perciò, Napoli avrà modo di fregiarsi di una nuova istituzione universitaria, certamente “di prestigio”, sicuramente “eccellente”, ovviamente “invidiata da tutto il mondo”.

La favola insegna, scriveva Esopo nel 500 avanti Cristo, chiudendo con una morale le proprie storie di animali antropomorfi, due cose, niente affatto positive. La prima è che siamo un Paese che, sull’istruzione, recita a soggetto e su canovaccio: tutto è improvvisazione, piccoli protagonisti decidono lo svolgimento di grandi trame, nessuna grande penna – singola o collettiva – appare capace di immaginare una storia. Se si è fortunati (e/o i protagonisti sono bravi) come nel caso dell’Istituto Italiano di Tecnologia voluto da Tremonti a Genova, la storia ha un finale felice. Però. Però il secondo insegnamento è che siamo un Paese la cui classe politica sembra aver abbandonato la speranza di far crescere con decisione il livello medio delle strutture educative “normali” (non nel senso pisano del termine). Si tagliano i finanziamenti ordinari e si affidano pochi di quegli spiccioli rimasti a operazioni limitate, mediaticamente efficaci. Ed ecco allora l’istituzione di nuovi soggetti che si sovrappongono, sottraendogli ulteriori risorse, al sistema universitario pubblico (seguendo il famoso detto di Flaiano che “in Italia si preferisce inaugurare che mantenere”), campagne acquisti roboanti (dal piano morattiano sul “rientro dei cervelli”, poverini, costretti alla fuga all’estero, al capolavoro renziano delle “cattedre Natta”).
Ma vi pare Normale tutto ciò?

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili