Nuovi assetti politici e alleanze. Basteranno per dare impulso alle riforme?

Nelle ultime ore è cambiata notevolmente la geografia dei gruppi parlamentari alla Camera e al Senato. I Riformisti conservatori di Raffaele Fitto hanno dato il via ufficiale alla propria avventura chiarendo di essere alternativi sia a Matteo Renzi che a Silvio Berlusconi. Dopo il gruppo al Senato, i fittiani si preparano a dare il loro addio a Forza Italia anche alla Camera. È proprio agli ex colleghi di partito, ma soprattutto a Silvio Berlusconi che Fitto non risparmia frecciate nel corso del suo intervento. Il leader dei conservatori parla delle prospettive future: “Nel centrodestra c’è un blocco che preclude agli altri di guardare al futuro. L’affetto nei confronti di Berlusconi non viene meno ma – ribadisce – io ho tentato di aprire una discussione su temi improcrastinabili”. Ed è proprio la “latitanza” di Forza Italia, accusa l’ex governatore pugliese, a consentire l’exploit della Lega Nord. L’obiettivo dell’eurodeputato conservatore è quello di rendere il movimento il più possibile radicato sul territorio, tant’è vero che da settembre partiranno una serie di assemblee da Nord a Sud. Anche Silvio Berlusconi ha voluto incontrare ieri i suoi sostenitori. L’ex presidente del Consiglio ha rispolverato alcuni storici cavalli di battaglia del partito: dalla separazione delle carriere in magistratura, all’abbassamento della pressione fiscale passando per politiche più liberali. La preoccupazione degli azzurri è però solo una: la fuoriuscita dei fedelissimi di Denis Verdini, ex coordinatore nazionale del Pdl. Il nuovo gruppo al Senato sembra ormai pronto. La maggioranza che sostiene Matteo Renzi potrà, quindi, contare su un contributo fondamentale a Palazzo Madama. Un’ipotesi che ha mandato su tutte le furie l’ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani. Durante la Festa dell’Unità ha usato parole molto dure nei confronti delle manovre dei renziani: “Quello offerto da Verdini non è un aiutino è un aiutone: ci dicono buttate fuori la sinistra che arriviamo noi. Se ti arriva un intruso in casa mandi fuori lui e questo è un punto su cui non intendo transigere”. Bersani ha poi chiarito: “Se si vuole fare un’operazione politica per snaturare il Pd, non glielo consentiremo. Non metto un piede fuori dal partito, io combatto dentro e dico che se vuoi fare il sangue senza i globuli rossi, diventa acqua. Non abbiamo costruito un partito di centro pronto a imbarcare di tutto”. I prossimi appuntamenti nel calendario dei lavori parlamentari del Senato serviranno a capire se le nuove operazioni di maggioranza saranno in grado di dare una svolta alla legislatura. La settimana prossima arriverà in Aula la riforma della RAI. Sembra però tramontata l’ipotesi di un voto-sprint in pochi giorni. Con tutta probabilità il testo sarà approvato definitivamente solo intorno alla fine di settembre. Il nuovo consiglio di amministrazione dovrebbe quindi essere nominato con la normativa attualmente vigente. Il presidente del Consiglio sembra però più preoccupato da un nuovo scandalo sulla politica siciliana. Il presidente Crocetta non avrebbe infatti reagito a una frase personale del suo medico che lo invitava a “fare fuori come il padre” Lucia Borsellino, ex assessore alla Sanità della Regione Sicilia e figlia di Paolo Borsellino. Matteo Renzi ha già scaricato il numero uno della Giunta siciliana – autosospeso da ieri – invitandolo a fornire chiarimenti. D’altronde, i renziani non hanno mai nascosto di voler candidare il sottosegretario Davide Faraone alla guida dell’Isola.

La Camera si confronterà con il voto finale sul disegno di legge “Madia” in materia di delega per la riforma della Pubblica amministrazione. Tra le novità all’attenzione dell’Aula si segnala la norma in materia di società partecipate da enti pubblici: verranno ridotte e per quelle che gestiscono servizi pubblici si prevede un numero massimo di bilanci in rosso dopo cui scatta la liquidazione. Si apre anche al commissariamento. Si punta inoltre a diminuire il numero di pratiche e adempimenti connessi alla realizzazione di “grandi opere”. Un taglio della burocrazia, al fine di semplificare ed accelerare, fino al dimezzamento dei tempi, le operazioni in caso di rilevanti insediamenti produttivi, opere di interesse generale o di interventi con effetti positivi sull’occupazione.

 

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili