L'opinione

Pagamenti: dal contante al digitale. Anche l’Italia si adegua

93

Sul fronte dei pagamenti elettronici, l’Italia è ancora indietro rispetto al resto d’Europa a causa di un ricorso ancora molto elevato al denaro contante che caratterizza il nostro Paese. Basti pensare che, nel 2009, il 90% delle transazioni degli italiani erano in cash a fronte di una media europea del 70% e che questa percentuale in Italia si è ridotta all’87% nel 2012, contro una media comunitaria del 60%. C’è dunque un ritardo ancora significativo nell’utilizzo di strumenti alternativi al contante che è indispensabile colmare, anche perché dal più ampio utilizzo di contante discendono maggiori costi sociali, minore velocità e trasparenza degli scambi.

Il contante, secondo Banca d’Italia, costa agli italiani tra i 12 e i 15 miliardi l’anno, includendo non solo i costi di emissione e gestione del denaro, ma anche i costi dei portavalori, i costi per gli istituti di credito di gestione degli Atm, i bancomat, i costi di vigilanza e, in fondo ma non ultimi per incidenza, i costi delle rapine.

Diversi studi hanno sottolineato come in Italia permangano ancora delle diffidenze nei confronti dell’e-commerce e dei pagamenti online per l’acquisto di beni o servizi. Di contro, nelle analisi delle abitudini di pagamento, sta emergendo l’importanza della generazione 2.0 – i Millenial, per i quali è normale essere on-line e connettersi per giocare, per informarsi, per condividere e dialogare, ma anche per effettuare i propri acquisti. Sono proprio le nuove generazioni quelle che saranno sempre più parte attiva di questo cambiamento dal punto di vista dei consumi e della fruizione dei servizi.

L’industria bancaria italiana sta quindi ripensando la propria offerta di strumenti di pagamento, investendo fortemente nella digitalizzazione. Seguendo tale trend, e sulla scorta dell’esperienza internazionale, le banche italiane hanno sviluppato un nuovo servizio di pagamento on line dei bollettini (es. bollette, ticket sanitari, multe e tasse). Si tratta del servizio CBILL (www.cbill.it), messo a punto dal Consorzio CBI ed offerto da 525 banche italiane sui propri internet banking, per permettere ai cittadini di consultare e pagare on line le bollette.

I servizi di pagamento online offerti fino ad oggi dalle banche consentono ai cliente di pagare online solo le bollette delle aziende o PA che hanno sottoscritto specifici accordi con il proprio istituto di credito, mentre con il nuovo servizio basterà che una persona si colleghi al proprio internet banking per consultare e pagare i bollettini di qualsiasi azienda e PA che lo abbiano adottato. Ad oggi è possibile pagare ENEL, WIND, Consorzi ed ASL locali, RAI ed Equitalia, per un totale di oltre 30 aziende, a cui se ne aggiungeranno molte altre a breve.

Tra i vantaggi del servizio, c’è anche il calcolo automatico degli eventuali interessi di mora in caso di ritardo nel pagamento, funzionale ad esempio per chiudere la propria posizione relativa ad un bollettino emesso da Equitalia. Il cittadino potrà quindi pagare con CBILL tutti i bollettini emessi da Equitalia, come quelli aventi ad oggetto le somme iscritte a ruolo (avvisi e cartelle di pagamento in caso di tributi, contributi e tasse non pagate), anche dopo la loro scadenza con verifica dell’importo corretto in tempo reale.

Il cittadino troverà semplice ed estremante accessibile il pagamento: basterà accedere al proprio internet banking, scegliere, nella sezione pagamenti selezionando CBILL, l’azienda fatturatrice di interesse, ed inserire negli appositi campi il codice identificativo del bollettino e l’importo dovuto riportati sul bollettino. Al termine dell’operazione, infine, il sistema rilascerà in automatico la ricevuta di avvenuto pagamento.

Dalla sua attivazione il servizio CBILL ad oggi ha fatto registrare oltre 1 milione di operazioni, per un controvalore di oltre 150 milioni di euro, ciascuna del valore medio di circa 160 euro.

Una soluzione in più di pagamento in tema di utenze, tasse, ticket e molto altro, per un cittadino sempre più digitale, grazie anche alla propria banca.

 

Altre opinioni dell'Autore
Rapporto Italia

RItalia 2020. Inizia il viaggio verso il 32° Rapporto Italia

Rapporto Italia è, da oltre trent’anni, una delle più efficaci narrative del Paese.È un ragionamento complesso, che ogni anno assume la forma...
di Alberto Mattiacci
Economia

Minibot, l’Italia gioca a poker. Ecco la verità nascosta

Dei minibot smetteremo presto di sentir parlare, accantonati in quel simpatico ripostiglio di “perle” assolute della politica contemporanea. Ma perché mai gli estensori di questa proposta si sono lanciati in una mossa (apparentemente) suicida e autolesionista? La riflessione di Alberto Mattiacci.
di Alberto Mattiacci
Cultura

La cultura dell’innovazione, unico antidoto contro la crisi del sistema

L’innovazione è un termine complesso, che presenta mille sfaccettature. Roberto Panzarani, docente di Innovation Management, nel suo ultimo saggio sottolinea che l'innovazione non è mai stata così al centro dell’attenzione: «Dalla tecnologia al marketing, alla definizione dei piani di business, nulla si potrebbe ottenere in assenza di questo motore».
di Massimiliano Cannata
Economia

Lotta al contante, 60 mld di cash nelle cassette di sicurezza in Italia. La proposta per far emergere il sommerso

Se in Italia aumentassero i pagamenti digitali e diminuissero le transazioni regolate in contanti si ridurrebbe l’incidenza dell’economia sommersa e dell’Iva evasa rispetto al Pil, fino a toccare valori, rispettivamente, compresi tra l’11,8% e l’8,8% e l’1,6% e lo 0,4%. Le proposte dell'Osservatorio sulle Politiche Fiscali dell'Eurispes per far emergere il sommerso.
di Giovambattista Palumbo
Immigrazione

La fabbrica della paura. Amnesty International: “Paese in preda a paure e rancori”

La politica italiana sull'immigrazione, la “salute” dei diritti umani nel nostro Paese, il fenomeno del caporalato e il “nuovo razzismo”; ma anche la questione della legittima difesa e lo stato dell'arte sul “caso Regeni”. Intervista con Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.
di Marco Omizzolo
Gioco

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette