L'opinione

Pagamenti: dal contante al digitale. Anche l’Italia si adegua

85

Sul fronte dei pagamenti elettronici, l’Italia è ancora indietro rispetto al resto d’Europa a causa di un ricorso ancora molto elevato al denaro contante che caratterizza il nostro Paese. Basti pensare che, nel 2009, il 90% delle transazioni degli italiani erano in cash a fronte di una media europea del 70% e che questa percentuale in Italia si è ridotta all’87% nel 2012, contro una media comunitaria del 60%. C’è dunque un ritardo ancora significativo nell’utilizzo di strumenti alternativi al contante che è indispensabile colmare, anche perché dal più ampio utilizzo di contante discendono maggiori costi sociali, minore velocità e trasparenza degli scambi.

Il contante, secondo Banca d’Italia, costa agli italiani tra i 12 e i 15 miliardi l’anno, includendo non solo i costi di emissione e gestione del denaro, ma anche i costi dei portavalori, i costi per gli istituti di credito di gestione degli Atm, i bancomat, i costi di vigilanza e, in fondo ma non ultimi per incidenza, i costi delle rapine.

Diversi studi hanno sottolineato come in Italia permangano ancora delle diffidenze nei confronti dell’e-commerce e dei pagamenti online per l’acquisto di beni o servizi. Di contro, nelle analisi delle abitudini di pagamento, sta emergendo l’importanza della generazione 2.0 – i Millenial, per i quali è normale essere on-line e connettersi per giocare, per informarsi, per condividere e dialogare, ma anche per effettuare i propri acquisti. Sono proprio le nuove generazioni quelle che saranno sempre più parte attiva di questo cambiamento dal punto di vista dei consumi e della fruizione dei servizi.

L’industria bancaria italiana sta quindi ripensando la propria offerta di strumenti di pagamento, investendo fortemente nella digitalizzazione. Seguendo tale trend, e sulla scorta dell’esperienza internazionale, le banche italiane hanno sviluppato un nuovo servizio di pagamento on line dei bollettini (es. bollette, ticket sanitari, multe e tasse). Si tratta del servizio CBILL (www.cbill.it), messo a punto dal Consorzio CBI ed offerto da 525 banche italiane sui propri internet banking, per permettere ai cittadini di consultare e pagare on line le bollette.

I servizi di pagamento online offerti fino ad oggi dalle banche consentono ai cliente di pagare online solo le bollette delle aziende o PA che hanno sottoscritto specifici accordi con il proprio istituto di credito, mentre con il nuovo servizio basterà che una persona si colleghi al proprio internet banking per consultare e pagare i bollettini di qualsiasi azienda e PA che lo abbiano adottato. Ad oggi è possibile pagare ENEL, WIND, Consorzi ed ASL locali, RAI ed Equitalia, per un totale di oltre 30 aziende, a cui se ne aggiungeranno molte altre a breve.

Tra i vantaggi del servizio, c’è anche il calcolo automatico degli eventuali interessi di mora in caso di ritardo nel pagamento, funzionale ad esempio per chiudere la propria posizione relativa ad un bollettino emesso da Equitalia. Il cittadino potrà quindi pagare con CBILL tutti i bollettini emessi da Equitalia, come quelli aventi ad oggetto le somme iscritte a ruolo (avvisi e cartelle di pagamento in caso di tributi, contributi e tasse non pagate), anche dopo la loro scadenza con verifica dell’importo corretto in tempo reale.

Il cittadino troverà semplice ed estremante accessibile il pagamento: basterà accedere al proprio internet banking, scegliere, nella sezione pagamenti selezionando CBILL, l’azienda fatturatrice di interesse, ed inserire negli appositi campi il codice identificativo del bollettino e l’importo dovuto riportati sul bollettino. Al termine dell’operazione, infine, il sistema rilascerà in automatico la ricevuta di avvenuto pagamento.

Dalla sua attivazione il servizio CBILL ad oggi ha fatto registrare oltre 1 milione di operazioni, per un controvalore di oltre 150 milioni di euro, ciascuna del valore medio di circa 160 euro.

Una soluzione in più di pagamento in tema di utenze, tasse, ticket e molto altro, per un cittadino sempre più digitale, grazie anche alla propria banca.

 

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Protesta del latte, Governo “equilibrista” alla vigilia delle Regionali in Sardegna

A meno di una settimana dalle Regionali in Sardegna, continua la protesta dei pastori sardi che negli ultimi mesi hanno visto il prezzo del latte crollare a meno di 60 centesimi a litro, a fronte di un costo medio variabile di produzione, stimato da ISMEA, di 74 centesimi.
di Mario Serpillo
Economia

Spazio mediterraneo “bene comune”: entro il 2050, 300mln di giovani nel mercato del lavoro

Lo spazio mediterraneo è un bene comune che appartiene a tutti gli stati della UE ed a tutti gli stati della sponda sud ed est. La sfida è tutelarlo, valorizzarlo e gestirlo.
di Marco Ricceri
Economia

Flat tax su reddito “incrementale”: la proposta della Lega per l’emersione del sommerso

Una flat tax “corretta” per superare il problema dello “scalino” e agevolare l'emersione del sommerso. La Lega, negli scorsi giorni, ha presentato un progetto di legge.
di Giovambattista Palumbo
Informazione

Menu “a la carta”: la realtà è “un’opzione”, a seconda della convenienza

Realtà e apparenza, reale e virtuale: nel saggio di apertura della sezione Realtà-Rappresentazione del RI 2019, Alberto Baldazzi ricostruisce le differenti definizioni di "realtà" che hanno caratterizzato la modernità. La versione integrale.
di redazione
Europa

L’Europa verso l’Unione Bancaria. “Manca una politica di bilancio pubblica unica”. Parte seconda

Dopo aver spiegato cosa sono il sistema bancario italiano e i suoi meccanismi, cos'è una crisi bancaria e come si affronta, il professor Giampaolo Gabbi parla dei prossimi passi in direzione dell'Unione Bancaria europea. Intervista parte seconda
di Alberto Mattiacci
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini