Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

Da sempre il mercato della pirateria musicale e video è uno dei business più fiorenti. Tuttavia, nel particolare periodo del lockdown, caratterizzato dalla chiusura forzata di tutto il Paese, ha conquistato uno spazio sempre maggiore il fenomeno della pirateria editoriale, diffuso in maniera capillare attraverso canali di messaggistica istantanea. Il ritorno alla normalità ha consentito l’avvio di indagini – ad opera della Polizia Postale e della Guardia di Finanza – che hanno portato alla chiusura di oltre 300 canali sui quali si trafficavano illecitamente quotidiani, e-book, riviste, nonché musica e film. Uno degli ultimi interventi, in ordine di tempo, è quello realizzato dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Gorizia, una maxi-operazione che ha permesso di oscurare altri 58 siti Web illegali e 18 canali Telegram. I canali erano forniti di svariati prodotti fruibili in maniera totalmente gratuita o quasi: non solo film in prima visione, riviste, musica, libri, quotidiani, ma anche eventi sportivi e abbonamenti a pay tv (come Netflix o Sky), per un traffico illecito che attraverso 80 milioni di accessi annuali rappresentava circa il 90% della pirateria audiovisiva ed editoriale in Italia. L’efficacia dell’operazione è stata possibile grazie ad una innovazione procedurale con la quale il team informatico del Comando Provinciale della GdF di Gorizia è riuscito a bloccare qualsiasi tipo di estensione che permetteva la rigenerazione automatica dai siti oscurati, in modo da eliminare per sempre dalla Rete i canali illegali. La legge sul diritto d’autore prevede, infatti, la confisca degli strumenti che vengono utilizzati per l’illecita diffusione e fruizione del servizio. In questo specifico caso, essendo il materiale diffuso mediante canali online, l’attività delle Forze dell’ordine si concentra sullo smantellamento e chiusura dei principali siti Web e canali Telegram, ultima frontiera della pirateria multimediale. Su questi canali si possono ricevere gratuitamente i pdf dei quotidiani appena usciti in edicola, scaricarli e diffonderli ulteriormente ai propri contatti. Una frode in piena regola, che è costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno[1]. Gli investigatori – che non hanno potuto contare su una fattiva collaborazione da parte di Telegram, che tutela l’anonimato dei propri utenti – sono riusciti, grazie a indagini finanziarie elettroniche, vale a dire incentrate sull’analisi delle tracce telematiche lasciate sulla Rete, ad arrivare agli amministratori dei canali (sicuramente solo alcuni). È proprio la reticenza e la mancata collaborazione di Telegram che rischia di favorire l’impunità dei responsabili, visto che ancora oggi basta aprire il canale di messaggistica per trovare almeno 8 canali di questo tipo. La Fieg ha fatto richiesta per il blocco dei canali e la rimozione delle testate rubate, facendo leva sulla violazione “reiterata e massiva” del copyright. Ma tutto questo sarà sufficiente? Non sono pochi quasi 600mila lettori al giorno solo su Telegram e significa che il problema reale risiede nell’esistenza di una domanda illecita. In questo comportamento, individuale e collettivo, è insito uno dei mali della nostra società, perché se è vero che l’informazione deve essere libera e accessibile a tutti è vero anche che si preferisce rischiare una multa da 10mila euro o più per un giornale che ne costa appena due in edicola (nel formato digitale anche meno). La resilienza con cui da mesi vengono individuati i canali pirata e denunciati i loro amministratori è un bell’esempio di come case editrici, giornalisti, ma anche gli stessi consumatori non sono stati lasciati soli. Il danno non riguarda solamente l’opera intellettuale del singolo individuo, ma l’intera filiera editoriale – dalla cartiera all’edicola, dalla tipografia alla casa editrice – con ripercussioni sul lavoro di migliaia di persone. Tutto perché si preferisce scaricare gratuitamente un giornale piuttosto che rinunciare a due caffè al giorno. Per arginare il furto delle informazioni c’è sicuramente bisogno dell’intervento della politica, non basta il lavoro delle Forze dell’ordine. Si potrebbe pensare ad una legge che permetta di applicare la direttiva con cui l’Europa ha chiesto ai paesi membri di tutelare il copyright all’interno dei propri confini non solo dai pirati dei canali di messaggistica, ma anche dai grandi colossi – come Google, Facebook, YouTube, solo per citare i più famosi. La direttiva europea si impegna a garantire che Internet rimanga uno spazio di libera espressione e che diritti ed obblighi del diritto d’autore si applichino anche online, con contratti più vantaggiosi per gli artisti. Il digitale è parte integrante della nostra quotidianità, come lo è pagare un caffè al bar; perché, allora, non dovrebbe esserlo pagare il pdf di un quotidiano?

[1] Sono le stime fornite da Agcom e Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali).

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili