Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

Da sempre il mercato della pirateria musicale e video è uno dei business più fiorenti. Tuttavia, nel particolare periodo del lockdown, caratterizzato dalla chiusura forzata di tutto il Paese, ha conquistato uno spazio sempre maggiore il fenomeno della pirateria editoriale, diffuso in maniera capillare attraverso canali di messaggistica istantanea. Il ritorno alla normalità ha consentito l’avvio di indagini – ad opera della Polizia Postale e della Guardia di Finanza – che hanno portato alla chiusura di oltre 300 canali sui quali si trafficavano illecitamente quotidiani, e-book, riviste, nonché musica e film. Uno degli ultimi interventi, in ordine di tempo, è quello realizzato dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Gorizia, una maxi-operazione che ha permesso di oscurare altri 58 siti Web illegali e 18 canali Telegram. I canali erano forniti di svariati prodotti fruibili in maniera totalmente gratuita o quasi: non solo film in prima visione, riviste, musica, libri, quotidiani, ma anche eventi sportivi e abbonamenti a pay tv (come Netflix o Sky), per un traffico illecito che attraverso 80 milioni di accessi annuali rappresentava circa il 90% della pirateria audiovisiva ed editoriale in Italia. L’efficacia dell’operazione è stata possibile grazie ad una innovazione procedurale con la quale il team informatico del Comando Provinciale della GdF di Gorizia è riuscito a bloccare qualsiasi tipo di estensione che permetteva la rigenerazione automatica dai siti oscurati, in modo da eliminare per sempre dalla Rete i canali illegali. La legge sul diritto d’autore prevede, infatti, la confisca degli strumenti che vengono utilizzati per l’illecita diffusione e fruizione del servizio. In questo specifico caso, essendo il materiale diffuso mediante canali online, l’attività delle Forze dell’ordine si concentra sullo smantellamento e chiusura dei principali siti Web e canali Telegram, ultima frontiera della pirateria multimediale. Su questi canali si possono ricevere gratuitamente i pdf dei quotidiani appena usciti in edicola, scaricarli e diffonderli ulteriormente ai propri contatti. Una frode in piena regola, che è costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno[1]. Gli investigatori – che non hanno potuto contare su una fattiva collaborazione da parte di Telegram, che tutela l’anonimato dei propri utenti – sono riusciti, grazie a indagini finanziarie elettroniche, vale a dire incentrate sull’analisi delle tracce telematiche lasciate sulla Rete, ad arrivare agli amministratori dei canali (sicuramente solo alcuni). È proprio la reticenza e la mancata collaborazione di Telegram che rischia di favorire l’impunità dei responsabili, visto che ancora oggi basta aprire il canale di messaggistica per trovare almeno 8 canali di questo tipo. La Fieg ha fatto richiesta per il blocco dei canali e la rimozione delle testate rubate, facendo leva sulla violazione “reiterata e massiva” del copyright. Ma tutto questo sarà sufficiente? Non sono pochi quasi 600mila lettori al giorno solo su Telegram e significa che il problema reale risiede nell’esistenza di una domanda illecita. In questo comportamento, individuale e collettivo, è insito uno dei mali della nostra società, perché se è vero che l’informazione deve essere libera e accessibile a tutti è vero anche che si preferisce rischiare una multa da 10mila euro o più per un giornale che ne costa appena due in edicola (nel formato digitale anche meno). La resilienza con cui da mesi vengono individuati i canali pirata e denunciati i loro amministratori è un bell’esempio di come case editrici, giornalisti, ma anche gli stessi consumatori non sono stati lasciati soli. Il danno non riguarda solamente l’opera intellettuale del singolo individuo, ma l’intera filiera editoriale – dalla cartiera all’edicola, dalla tipografia alla casa editrice – con ripercussioni sul lavoro di migliaia di persone. Tutto perché si preferisce scaricare gratuitamente un giornale piuttosto che rinunciare a due caffè al giorno. Per arginare il furto delle informazioni c’è sicuramente bisogno dell’intervento della politica, non basta il lavoro delle Forze dell’ordine. Si potrebbe pensare ad una legge che permetta di applicare la direttiva con cui l’Europa ha chiesto ai paesi membri di tutelare il copyright all’interno dei propri confini non solo dai pirati dei canali di messaggistica, ma anche dai grandi colossi – come Google, Facebook, YouTube, solo per citare i più famosi. La direttiva europea si impegna a garantire che Internet rimanga uno spazio di libera espressione e che diritti ed obblighi del diritto d’autore si applichino anche online, con contratti più vantaggiosi per gli artisti. Il digitale è parte integrante della nostra quotidianità, come lo è pagare un caffè al bar; perché, allora, non dovrebbe esserlo pagare il pdf di un quotidiano?

[1] Sono le stime fornite da Agcom e Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali).

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia