Politica

Quel vento del web che spinge la “Popolocrazia”

147

Il vento del populismo sta cambiando il profilo della democrazia occidentale. Nel futuro un nuovo orizzonte si farà strada: “La Popolocrazia”. Per cominciare a navigare dentro questo concetto- contenitore può sicuramente tornare utile la lettura del saggio di Ilvo Diamanti, docente di Scienza Politica dell’Università di Urbino Carlo Bo e di Marc Lazar, presidente della School of Government della Luiss di Roma e docente di Storia e Sociologia politica presso l’Istituto Science Po di Parigi (Popolocrazia, ed. Laterza, E.15.00, pagg. 163).

Populismo e populisti sono le due parole-chiave che si stanno imponendo un po’ ovunque nel mondo, in particolare dopo la vittoria di Donald Trump negli Stati Uniti. In Europa vengono impiegate di continuo per rievocare la Brexit e definire le forze antisistema, quali il M5S Italia, il Front Nazional e la France Insoumise in Francia, Syriza in Grecia, Podemos in Spagna. Un “Pantheon” di soggetti che si allarga a dismisura in questa fase di profondo mutamento degli equilibri politici. La Popolocrazia esprime una tendenza verso la democrazia immediata, un vero e proprio passo “di lato” rispetto alla democrazia diretta, che presenta rischi, ma anche opportunità.

La nuova prospettiva ha determinato un tonfo clamoroso per l’istituto della rappresentanza, che già Rousseau, il celebre filosofo autore del Contratto Sociale (cui non a caso il M5S ha idealmente intitolato la piattaforma web) aveva criticato, stigmatizzando la democrazia anglosassone, pronta a riconoscere la piena sovranità ai cittadini al momento di eleggere i parlamentari, per poi spogliarli di qualsiasi potere una volta eletti: da quel momento decideranno per loro. Così, per evitare che la storia si ripeta, l’obiettivo che i populisti cercano di perseguire è molto chiaro: accorciare lo scarto tra la collettività e il ceto dirigente, tra Demos e Kratos. Il ribaltamento di prospettiva che ne consegue risulta già molto visibile anche in Italia. Il primo tratto distintivo della “popolocrazia” è la personalizzazione, che implica un’”incarnazione” tra la leadership e il popolo, concepito come un unicum privo di differenze.

Il secondo elemento che segna il passaggio dalla democrazia alla popolocrazia riguarda i metodi e i canali di comunicazione. Internet è per i populisti il punto di osservazione privilegiato che consente di registrare i processi di trasformazione che attraversano la società. I partiti tradizionali pagano lo scotto più alto, perché responsabili di non aver saputo leggere e interpretare quello che stava avvenendo in un corpo collettivo, spossato dal costante avanzamento della soglia di povertà oltre che indebolito da una disuguaglianza sociale e territoriale che nel caso dell’Italia sta riproponendo la spaccatura tra il Nord ricco ed evoluto e un Mezzogiorno fatalmente condannato a un drammatico e irreversibile declino.

E veniamo al terzo aspetto che connota la popolocrazia: l’adattamento di tutti gli attori politici al linguaggio e alle rivendicazioni dei populisti, fenomeno che ha contrassegnato gli ultimi appuntamenti elettorali in Olanda, in Austria, in Francia, e in Italia, dove abbiamo assistito ad una progressiva torsione demagogica del dibattito pubblico sulle questioni più vicine alla “pancia” degli elettori: xenofobia, paura degli immigrati, chiusura delle frontiere, antieuropeismo strisciante. Tutti temi su cui, se guardiamo in casa nostra, si andranno a misurare gli spazi di un possibile accordo tra la Lega e il M5S, forze che hanno come tratto comune di porsi in antitesi alle “caste”, ma che mantengono evidenti differenze identitarie e programmatiche destinate probabilmente a pesare come un macigno sugli equilibri politici ancora tutti da bilanciare.

Se, in conclusione, dovremo abituarci a considerare il populismo come cifra sociale e culturale dominante la contemporaneità, bisognerà capire, e su questo hanno ragione ad insistere gli autori, come andare “oltre”, facendo in modo che “i partigiani della democrazia”, la definizione è degli autori, sappiano offrire ai cittadini le tutele che essi attendono rifondando i pilastri del patto sociale. Altrimenti si farebbe per noi concreto il rischio di trovarsi di fronte a una classe dirigente miope e imbelle, capace, di fronte allo spaesamento, solo di affermare come ben rappresentato in una gustosa vignetta di Altan: “Il popolo non ci capisce? Poco male, cambiamo il popolo”.

Ultime notizie
Sicurezza

Malaffare e politica, Franco Roberti: “Legame con la mafia ancora profondo”

Dal grande progetto di “videosorvegliare” Napoli e le sue periferie, al macrotema dell’immigrazione, a quello sulla legittima difesa; e poi il terrorismo e i pericoli per l’Italia. Intervista a 360 grandi a Franco Roberti
di Valentina Renzopaoli
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Immigrazione

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo