Quel vento del web che spinge la “Popolocrazia”

Il vento del populismo sta cambiando il profilo della democrazia occidentale. Nel futuro un nuovo orizzonte si farà strada: “La Popolocrazia”. Per cominciare a navigare dentro questo concetto- contenitore può sicuramente tornare utile la lettura del saggio di Ilvo Diamanti, docente di Scienza Politica dell’Università di Urbino Carlo Bo e di Marc Lazar, presidente della School of Government della Luiss di Roma e docente di Storia e Sociologia politica presso l’Istituto Science Po di Parigi (Popolocrazia, ed. Laterza, E.15.00, pagg. 163).

Populismo e populisti sono le due parole-chiave che si stanno imponendo un po’ ovunque nel mondo, in particolare dopo la vittoria di Donald Trump negli Stati Uniti. In Europa vengono impiegate di continuo per rievocare la Brexit e definire le forze antisistema, quali il M5S Italia, il Front Nazional e la France Insoumise in Francia, Syriza in Grecia, Podemos in Spagna. Un “Pantheon” di soggetti che si allarga a dismisura in questa fase di profondo mutamento degli equilibri politici. La Popolocrazia esprime una tendenza verso la democrazia immediata, un vero e proprio passo “di lato” rispetto alla democrazia diretta, che presenta rischi, ma anche opportunità.

La nuova prospettiva ha determinato un tonfo clamoroso per l’istituto della rappresentanza, che già Rousseau, il celebre filosofo autore del Contratto Sociale (cui non a caso il M5S ha idealmente intitolato la piattaforma web) aveva criticato, stigmatizzando la democrazia anglosassone, pronta a riconoscere la piena sovranità ai cittadini al momento di eleggere i parlamentari, per poi spogliarli di qualsiasi potere una volta eletti: da quel momento decideranno per loro. Così, per evitare che la storia si ripeta, l’obiettivo che i populisti cercano di perseguire è molto chiaro: accorciare lo scarto tra la collettività e il ceto dirigente, tra Demos e Kratos. Il ribaltamento di prospettiva che ne consegue risulta già molto visibile anche in Italia. Il primo tratto distintivo della “popolocrazia” è la personalizzazione, che implica un’”incarnazione” tra la leadership e il popolo, concepito come un unicum privo di differenze.

Il secondo elemento che segna il passaggio dalla democrazia alla popolocrazia riguarda i metodi e i canali di comunicazione. Internet è per i populisti il punto di osservazione privilegiato che consente di registrare i processi di trasformazione che attraversano la società. I partiti tradizionali pagano lo scotto più alto, perché responsabili di non aver saputo leggere e interpretare quello che stava avvenendo in un corpo collettivo, spossato dal costante avanzamento della soglia di povertà oltre che indebolito da una disuguaglianza sociale e territoriale che nel caso dell’Italia sta riproponendo la spaccatura tra il Nord ricco ed evoluto e un Mezzogiorno fatalmente condannato a un drammatico e irreversibile declino.

E veniamo al terzo aspetto che connota la popolocrazia: l’adattamento di tutti gli attori politici al linguaggio e alle rivendicazioni dei populisti, fenomeno che ha contrassegnato gli ultimi appuntamenti elettorali in Olanda, in Austria, in Francia, e in Italia, dove abbiamo assistito ad una progressiva torsione demagogica del dibattito pubblico sulle questioni più vicine alla “pancia” degli elettori: xenofobia, paura degli immigrati, chiusura delle frontiere, antieuropeismo strisciante. Tutti temi su cui, se guardiamo in casa nostra, si andranno a misurare gli spazi di un possibile accordo tra la Lega e il M5S, forze che hanno come tratto comune di porsi in antitesi alle “caste”, ma che mantengono evidenti differenze identitarie e programmatiche destinate probabilmente a pesare come un macigno sugli equilibri politici ancora tutti da bilanciare.

Se, in conclusione, dovremo abituarci a considerare il populismo come cifra sociale e culturale dominante la contemporaneità, bisognerà capire, e su questo hanno ragione ad insistere gli autori, come andare “oltre”, facendo in modo che “i partigiani della democrazia”, la definizione è degli autori, sappiano offrire ai cittadini le tutele che essi attendono rifondando i pilastri del patto sociale. Altrimenti si farebbe per noi concreto il rischio di trovarsi di fronte a una classe dirigente miope e imbelle, capace, di fronte allo spaesamento, solo di affermare come ben rappresentato in una gustosa vignetta di Altan: “Il popolo non ci capisce? Poco male, cambiamo il popolo”.

Ultime notizie
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze
scuola e università
Istruzione

Scuola e Università per il futuro dell’Italia, investire in formazione e digitale

Scuola e Università per il futuro dell’Italia è il tema dell’incontro promosso dall’Osservatorio sulle Politiche educative dell’Eurispes, che ha avuto luogo a Roma nella giornata di ieri. Emerge il ruolo fondamentale della scuola, della formazione degli educatori, del digitale; attenzione alla prospettiva occupazionale e umana legata all’istruzione e alla possibilità di usare i fondi europei per colmare lacune e divario territoriale.
di Susanna Fara
scuola e università