Sanità e turismo, col cappello in mano

 

La ricerca è stata vana. Nessun errore di stampa. Davanti al nove non c’era scritto uno e tantomeno due. I miliardi destinati al comparto Sanità e Salute, nella prima stesura del Recovery Plan, per ora, sono soltanto nove. Chi non crede ai propri occhi si stupisce – forse si indigna – quando qualcuno nel Governo mette una toppa peggiore del buco. Sì, nove miliardi non sono molti – davvero? – ma con una limatina qua e là, in altri capitoli, qualche milioncino esce fuori. Eppure, siamo ancora in piena emergenza Covid e alcuni virologi non escludono una terza ondata della pandemia che metterebbe definitivamente al tappeto le ormai esauste strutture sanitarie. Per arrivare ai 25 miliardi richiesti dal Ministro della Salute Speranza, come linea del Piave, la strada è lunga e tortuosa.

Basti pensare ai costi del piano di vaccinazione che prevede anche 16mila assunzioni di medici e infermieri, e resta ben poco per ristrutturare ospedali fatiscenti e ricostituire la Sanità territoriale con i suoi presìdi.

Volutamente sorvoliamo sui 37 miliardi del MES per essere, una volta tanto, fuori dal coro.

Pensavamo, leggendo il testo del Recovery Plan, in un errore di battitura del povero funzionario sotto stress, quando ci siamo imbattuti nei soli tre miliardi destinati al turismo. Secondo i calcoli il settore avrebbe perso solo UN QUINTO del suo fatturato.

In effetti un errore c’è: se solo il comparto alberghiero ha una voragine di 12 miliardi, la perdita è di QUATTRO QUINTI. Ma questo si potrà correggere facilmente.

Quando parliamo del turismo italiano ci riempiano la bocca dicendo che è il nostro petrolio, la nostra incomparabile “grande bellezza”. Per non magnificare poi le doti di accoglienza, il clima paradisiaco e il cibo degno solo degli dei, bla bla bla…

Sanità e turismo, sono col cappello in mano o, se preferite, con le toppe al fondoschiena.

E non serve la polemica politica, né le accuse di incompetenza. Bisogna rifare i conti e cambiare le cifre. In ogni caso il cenone di Natale si può fare anche con i fichi secchi, basta avere sullo sfondo il golfo di Sorrento e la splendida voce di Enrico Caruso.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
reati informatici
Senza categoria

Reati informatici e non solo, i rischi di stare in Rete

Sempre più diffusi i reati informatici, a rischio una buona parte della popolazione che naviga su internet e usa le nuove tecnologie. Nel 2022, quasi 3 italiani su 10 sono rimasti vittime di truffe informatiche (27,2%).
di Susanna Fara
reati informatici
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale