Sanità e turismo, col cappello in mano

 

La ricerca è stata vana. Nessun errore di stampa. Davanti al nove non c’era scritto uno e tantomeno due. I miliardi destinati al comparto Sanità e Salute, nella prima stesura del Recovery Plan, per ora, sono soltanto nove. Chi non crede ai propri occhi si stupisce – forse si indigna – quando qualcuno nel Governo mette una toppa peggiore del buco. Sì, nove miliardi non sono molti – davvero? – ma con una limatina qua e là, in altri capitoli, qualche milioncino esce fuori. Eppure, siamo ancora in piena emergenza Covid e alcuni virologi non escludono una terza ondata della pandemia che metterebbe definitivamente al tappeto le ormai esauste strutture sanitarie. Per arrivare ai 25 miliardi richiesti dal Ministro della Salute Speranza, come linea del Piave, la strada è lunga e tortuosa.

Basti pensare ai costi del piano di vaccinazione che prevede anche 16mila assunzioni di medici e infermieri, e resta ben poco per ristrutturare ospedali fatiscenti e ricostituire la Sanità territoriale con i suoi presìdi.

Volutamente sorvoliamo sui 37 miliardi del MES per essere, una volta tanto, fuori dal coro.

Pensavamo, leggendo il testo del Recovery Plan, in un errore di battitura del povero funzionario sotto stress, quando ci siamo imbattuti nei soli tre miliardi destinati al turismo. Secondo i calcoli il settore avrebbe perso solo UN QUINTO del suo fatturato.

In effetti un errore c’è: se solo il comparto alberghiero ha una voragine di 12 miliardi, la perdita è di QUATTRO QUINTI. Ma questo si potrà correggere facilmente.

Quando parliamo del turismo italiano ci riempiano la bocca dicendo che è il nostro petrolio, la nostra incomparabile “grande bellezza”. Per non magnificare poi le doti di accoglienza, il clima paradisiaco e il cibo degno solo degli dei, bla bla bla…

Sanità e turismo, sono col cappello in mano o, se preferite, con le toppe al fondoschiena.

E non serve la polemica politica, né le accuse di incompetenza. Bisogna rifare i conti e cambiare le cifre. In ogni caso il cenone di Natale si può fare anche con i fichi secchi, basta avere sullo sfondo il golfo di Sorrento e la splendida voce di Enrico Caruso.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento