Sanità e turismo, col cappello in mano

 

La ricerca è stata vana. Nessun errore di stampa. Davanti al nove non c’era scritto uno e tantomeno due. I miliardi destinati al comparto Sanità e Salute, nella prima stesura del Recovery Plan, per ora, sono soltanto nove. Chi non crede ai propri occhi si stupisce – forse si indigna – quando qualcuno nel Governo mette una toppa peggiore del buco. Sì, nove miliardi non sono molti – davvero? – ma con una limatina qua e là, in altri capitoli, qualche milioncino esce fuori. Eppure, siamo ancora in piena emergenza Covid e alcuni virologi non escludono una terza ondata della pandemia che metterebbe definitivamente al tappeto le ormai esauste strutture sanitarie. Per arrivare ai 25 miliardi richiesti dal Ministro della Salute Speranza, come linea del Piave, la strada è lunga e tortuosa.

Basti pensare ai costi del piano di vaccinazione che prevede anche 16mila assunzioni di medici e infermieri, e resta ben poco per ristrutturare ospedali fatiscenti e ricostituire la Sanità territoriale con i suoi presìdi.

Volutamente sorvoliamo sui 37 miliardi del MES per essere, una volta tanto, fuori dal coro.

Pensavamo, leggendo il testo del Recovery Plan, in un errore di battitura del povero funzionario sotto stress, quando ci siamo imbattuti nei soli tre miliardi destinati al turismo. Secondo i calcoli il settore avrebbe perso solo UN QUINTO del suo fatturato.

In effetti un errore c’è: se solo il comparto alberghiero ha una voragine di 12 miliardi, la perdita è di QUATTRO QUINTI. Ma questo si potrà correggere facilmente.

Quando parliamo del turismo italiano ci riempiano la bocca dicendo che è il nostro petrolio, la nostra incomparabile “grande bellezza”. Per non magnificare poi le doti di accoglienza, il clima paradisiaco e il cibo degno solo degli dei, bla bla bla…

Sanità e turismo, sono col cappello in mano o, se preferite, con le toppe al fondoschiena.

E non serve la polemica politica, né le accuse di incompetenza. Bisogna rifare i conti e cambiare le cifre. In ogni caso il cenone di Natale si può fare anche con i fichi secchi, basta avere sullo sfondo il golfo di Sorrento e la splendida voce di Enrico Caruso.

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione