Scollegati e scappa. I guru dei Social: “diffidate del mondo che abbiamo creato”

“Se non stai pagando per un prodotto, allora il prodotto sei tu”, nell’era dei social network e degli onnipresenti smartphone tra le mani ci è stato ripetuto fino alla noia. Ma finora era mancato uno sguardo dall’interno di una tecnologia tanto rivoluzionaria, lo stesso sguardo raccontato su Netflix dal documentario del momento, The Social Dilemma. Presente sulla piattaforma online dai primi di settembre, The Social Dilemma raccoglie opinioni, racconti e punti di vista di chi ha contribuito a creare la realtà che oggi domina e sovrasta il reale, svelandocene storture, dilemmi etici, pericolosità e potere. È incredibile come un gruppo esiguo di persone che lavorano per Google, Instagram, Facebook, Pinterest prenda decisioni che incidono sulla vita di milioni di utenti nel mondo. La verità è che, pur disegnando dinamiche che già si intuivano da anni, The Social Dilemma mette a nudo l’influenza che questi mezzi esercitano in maniera sempre più evidente a livello sociale, politico, ideologico, finanche psicologico su intere generazioni di individui. Janor Lanier, un pioniere della realtà virtuale, nel corso del documentario spiega che il prodotto in vendita non siamo noi, bensì la nostra percezione della realtà: «è il graduale, impercettibile cambiamento del tuo comportamento e della tua percezione a essere il prodotto. È questo il prodotto, è l’unico prodotto possibile. (…)Cambiare quello che fai, il modo in cui pensi, chi sei. Il cambiamento è graduale e lieve. Loro possono andare da qualcuno e dire “dammi dieci milioni di dollari e io riuscirò a indirizzare l’un per cento del mondo nella direzione che vuoi”». Una presa di posizione del genere, proveniente da chi è stato per anni nel giro delle grandi aziende hi-tech della Silicon Valley, non poteva che creare scalpore e far riflettere, o per lo meno cambiare il rapporto con i social di molti utenti.

Il terremoto provocato da un documentario dove l’inventore del “Like” ci spiega come ciò manipoli la nostra mente, non è passato inosservato sulla stampa italiana e internazionale.

Il 25 settembre – un po’ in ritardo rispetto al tam tam già in atto dagli Stai Uniti – la Repubblica definisce gli utenti dei social “Sedotti e ingannati: un documentario svela la trappola dei social. Su Netflix The Social Dilemma, con i guru della tecnologia che mettono in guardia dagli strumenti che hanno creato”. Il giorno dopo, il Corriere della Sera titola “The Social Dilemma, limiti e punti di forza del documentario di Netflix”, raccontando in un lungo articolo anche criticità e passaggi che peccano di superficialità, ma affermandone senza dubbio l’efficacia. Per GQ Italia, è “il documentario choc che cambierà per sempre il tuo modo di vedere i social” (24/09/20), mentre Rivista Studio lo definisce un fallimento: “Il documentario di Jeff Orlowski dà un’immagine di Facebook spaventosa, ma non spiega nulla di quello che dovrebbe spiegare” (23/09/20). Open di Enrico Mentana, già il 17 settembre pubblicava un articolo dove spiegava “perché The Social Dilemma è il documentario da guardare prima di mettere il prossimo like su Instagram”, mentre Dario Salvelli su l’Espresso (13/09/20) evidenzia che “è forse la prima volta che chi ha lavorato alle piattaforme digitali fa coming-out per spiegare che la tecnologia è stata usata per manipolare le abitudini e la mente di tutti noi per trarne profitto”. Il Giornale titola “Ossessioni, denaro, fake: il lato oscuro dei social” (22/09/20), a firma Matteo Ghidoni, e anche l’Avvenire ne parla senza farsi trascinare dai facili entusiasmi, definendo il documentario “un processo tv ai social con troppe mancanze” (18/09/20) e affermando: “Il limite di Social Dilemma è che è realizzato più per lanciare allarmi che per costruire; più per spaventarci che per aiutarci ad avere una visione completa del fenomeno e soprattutto indicarci le possibili soluzioni a minacce, eccessi e storture del mondo digitale”.

Volgendo lo sguardo alla stampa estera, El Paìs ne parla citando un ironico paragone con Lola Flores: “non sa cantare né ballare, ma non perdetevela” (19/09/20). Ben diversi i toni di The Guardian, decisamente duri, che non lasciano spazio a dubbi sugli effetti nefasti delle reti sociali con un titolo che mette in relazione l’escalation dei social network col cambiamento climatico: “A climate change-scale problem: how the internet is destroying us” (8/09/20). The Guardian ospita anche un editoriale del regista del documentario Jeff Orlowski (27/09/20), nel quale si afferma il bisogno di ripensare ai social network “prima che sia troppo tardi”. Oltreoceano, secondo la canadese CBC il documentario sbaglia perché “confonde il sintomo con la causa” (27/09/20), ma il titolo più eloquente è senza dubbio del New York Times (9/09/20): “scollegati e scappa”, non senza aver prima spiegato che i problemi di dipendenza e le violazioni della privacy sono caratteristiche intrinseche, e non semplici bug, delle piattaforme social.

 

 

Ultime notizie
pandemic
Futuro

Beyond the pandemic, an innovative American experience

The pandemic certainly has exasperated situations in balance. Positive psychology can help people and affect the sphere of economy and work, most of all young people and students affected by pandemic consequences on mental health.
di Laura Dryjanska
pandemic
civil aviation
Ambiente

“Green flights”: the cooperation model between Italy and China in civil aviation

The participation in the video-conference by the ambassadors of the respective countries, Luca Ferrari for Italy and Li Junhua for China, is...
di Marco Ricceri*
civil aviation
aviazione civile
Rapporti

“Voli green”: il modello di cooperazione tra Italia e Cina nell’aviazione civile

La partecipazione alla video-conferenza degli ambasciatori dei rispettivi paesi, Luca Ferrari per l’Italia e Li Junhua per la Cina, è un indice...
di Marco Ricceri*
aviazione civile
turismo di lusso
Economia

Il turismo di lusso non conosce crisi ed è già ai livelli del 2019

Il turismo di lusso ha sofferto meno la crisi del 2020, per la possibilità di offrire esperienze esclusive e in condizioni di sicurezza lontane dall’affollamento del turismo di massa e dei voli low cost. Sembra infatti che il settore sia ritornato già ai livelli pre-pandemia del 2019.
di Roberta Rega
turismo di lusso
Unione europea
Economia

Piano nazionale di ripresa, strategie territoriali per massimizzare l’impatto degli interventi

Ue, per massimizzare l’impatto degli interventi è importante agire in modo strategico e coordinato dalla fase di programmazione a quella di attuazione, e contribuendo a rafforzare gli obiettivi di addizionalità propri della coesione, in particolare nelle aree marginali del nostro Paese.
di Claudia Bugno*
Unione europea
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato