Il Covid19 si riprende le aperture dei Tg

L’epidemia di Covid-19, con nuovi dati sull’aumento dei contagi, scala in settimana l’agenda del prime time, raccogliendo in 5 giorni 42 riferimenti nelle titolazioni, con doppio titolo ricorrente per i Tg delle 20; il record degli oltre 2.500 contagi di giovedì si impone in apertura su tutte le testate. Di fronte a “livelli da pieno lockdown”, i toni nei servizi restano però calmi, con l’attenzione rivolta ai provvedimenti nelle singole regioni. Molto presente il ministro Speranza, intervistato giovedì dal Tg1 (nei titoli per gli altri); Tg3 visita la fabbrica di Anagni dove sarà prodotto il vaccino sviluppato in collaborazione con l’Università di Oxford. Aumentano nei titoli anche i riferimenti all’andamento del contagio nel mondo, che ha ormai mietuto più di un milione di vittime; Tg4 presta, più di altri, attenzione ai danni prodotti dall’epidemia a molti settori economici. Attenzione per tutti all’impatto che il Covid sta avendo sulla ripartenza del campionato di calcio. Questi alcuni dei dati più importanti che emergono dall’analisi dell’Osservatorio Tg EurispesCoRiS Sapienza nella settimana che va dal 28 settembre al 2 ottobre.

Con l’epidemia che torna al centro dell’attenzione mediatica, aumentano gli approfondimenti che, nel periodo del lockdown, avevano caratterizzato l’offerta di un prime time orfano della consueta “politica dei partiti”. Interessante il servizio di News Mediaset di martedì sull’aumento delle patologie psichiche dovuto agli stress conseguenti alla pandemia. Tg La7 propone, lunedì, un dettagliato report sull’origine del contagio, con la coppia Gabanelli-Mentana che condannano le omissioni della Cina e la “sudditanza” dei paesi europei, incapaci di far da contraltare alla potenza asiatica.

Le contorsioni generate dalla débâcle dei 5 Stelle sono molto seguite dai Tg Mediaset e Tg La7, che tra giovedì e venerdì rilanciano le dichiarazioni di Di Battista. Le polemiche sullo stipendio del Presidente Inps, Pasquale Tridico, infiammano le edizioni di lunedì e martedì. Ma è un fuoco di paglia, dato che scompaiono già da mercoledì. L’udienza che sabato, a Catania, vede al centro l’operato di Salvini per la vicenda dei migranti bloccati sulla nave ong Open Arms, incontra spaurite menzioni nei titoli, e viene ripresa dai Tg Rai e delle 20 di venerdì senza particolari ricostruzioni.

La pagina degli esteri è dominata dalle presidenziali Usa, o meglio dalla figura del presidente Trump, che già lunedì svetta nei titoli per una faccenda di tasse federali non pagate (ripresa in più edizioni dal Tg3, con l’intervento di alcuni commentatori). Il primo confronto tra Trump e Biden, mercoledì, “delude tutti” per la natura scurrile e sconnessa degli interventi. «Mai visto nulla di paragonabile allo schifo di questa notte» il commento a fine servizio di Mentana. Tg5 è il solo a proporre l’intervento di un editorialista, interpellando il direttore di la Repubblica, Maurizio Molinari. L’annuncio che Trump e sua moglie risultano positivi al Covid occupa, venerdì, le aperture dei Tg delle 20 e di Tg2, con i Tg Rai che si spendono in giudizi opposti. Se il Tg di Sangiuliano rilancia le manifestazioni di vicinanza dei supporters di Trump, sia Tg3 che Tg1 muovono un duro giudizio sul comportamento del Presidente degli Stati Uniti sulla lotta alla pandemia: come Johnson e Bolsonaro, Trump ora rientra tra i leader populisti che, dopo aver ripetutamente sottostimato l’impatto del morbo, ne sono stati a loro volta contagiati. Le proteste in Bielorussia e lo scontro tra Germania e Russia sul caso Navalny, che accusa apertamente Putin del suo avvelenamento, ricevono alcuni titoli e l’attenzione dei Tg Rai e Tg5.

Cronaca violenta, incetta di titoli. Tg4 punta i riflettori sui pescatori in ostaggio di Haftar. Sansonetti: la stampa non sta facendo il suo dovere.

Molto spazio alle vicende di cronaca, con l’arresto del sospettato del delitto di Lecce che si assicura, martedì, le aperture di Studio Aperto, Tg3 e Tg5. Titoli e servizi nella prima parte delle edizioni anche per la sentenza d’appello del caso Vannini. L’ulteriore aggressione con movente xenofobo da parte di un branco di adolescenti a Marsala trova, invece, spazio ridotto, giovedì, con titoli solo per Tg3 e Tg5.

Da segnalare l’attenzione data, giovedì, dal Tg4 alla vicenda dei due equipaggi di pescatori italiani attualmente detenuti in Libia dalle forze di Haftar con delle accuse non chiare, e per i quali il generale avrebbe proposto al nostro Governo uno “scambio” con dei noti scafisti. La vicenda è affrontata con l’avvocato dei nostri cittadini sequestrati e con l’editorialista de Il Riformista Sansonetti, che ha sottolineato la scarsa attenzione data finora da tutta la stampa a questa vicenda.

Passando ai temi economici, tutte le testate segnalato i rincari previsti in ottobre sulle tariffe di luce e gas e, venerdì, i dati Istat poco confortanti del secondo trimestre. Martedì, si registra poi un “cortocircuito” rispetto all’incontro tra il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e gli industriali guidati da Bonomi, giudicato positivo da quasi tutte le testate. Tg4 è il solo a parlare nei titoli di un “Bonomi che sferza l’esecutivo”, ma mercoledì si ritrova ospite proprio il leader di Confindustria che ribadisce che «Il governo ha condiviso le nostre proposte».

Ultime notizie
Attualità

Fuga… da mezzanotte

Non è certo il coprifuoco di Parigi e dintorni, ma allo scoccare della mezzanotte dobbiamo immediatamente uscire dal nostro amato ristorante, con il conto pagato, e senza aver preso dolce o caffè.
di Emilio Albertario
Attualità

Sui Tg si torna ai “bollettini” dei contagi

L’aumento vertiginoso dei contagi impone la pandemia come tema dominante. Aperture obbligate per tutti, ad eccezione di Tg4 che – come la...
di Eurispes e Coris Sapienza
Economia

RELEASE G-20: meccanismo flessibile per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un'iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.
di Roberto Ridolfi*
Metafore per l'Italia

Impegni inderogabili. Alla natura si comanda ubbidendole

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api. «Nell’attuale scenario...
di Gian Maria Fara
Attualità

Rigenerazione urbana, le città si (ri)fanno belle

Con l’arrivo del bando per i progetti di rigenerazione urbana e di recupero delle periferie, il “restyling” delle città torna ad essere al centro dell’attenzione. Il recupero delle aree degradate passa sempre più attraverso l’impegno degli stessi cittadini, che danno vita ad un crescente fenomeno di “associazionismo urbano” per la riqualificazione degli spazi pubblici.
di Ilaria Tirelli
In primissimo piano

2020, la teoria della cospirazione

    Una notizia postata sui social che parla di cospirazione, locale o planetaria, viene letta sei volte di più di qualsiasi altra, con...
di Emilio Albertario
Territorio

Il Presidente Luca Zaia all’Eurispes: “Il Covid insegna: più autonomia ai territori”

    A più di mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, guarda al...
di redazione
Osservatori

Tg: aperture concentrate sui contagi, l’informazione torna in lockdown

L’impennata dei contagi domina sul prime time, con 25 aperture dedicate alla crescita dei positivi ed agli appelli della politica. L’agenda mediatica...
di Eurispes e Coris Sapienza
International

The COVID-19 pandemic and the role of SMEs as innovators of sustainable inclusive employment

The Importance of SMEs as Innovators of Sustainable Inclusive Employment in Times of Pandemic and Beyond. New Evidence from Regional and Local...
di Ronald McQuaid and Aleksandra Webb*
Crescita

Covid-19, Pmi come innovatori di occupazione inclusiva e sostenibile

Le grandi sfide economiche globali dovute alla pandemia Covid-19 hanno creato uno stato di insicurezza. Grazie alla loro adattabilità e alla rapidità del processo decisionale, le Piccole e Medie Imprese (PMI) potrebbero essere idonee a guidare il cambiamento in questo contesto in dinamica evoluzione.
di Ronald McQuaid e Aleksandra Webb*