Attualità

Scuola, disabilità senza sostegno

Se la didattica a distanza è stata deleteria per molti studenti, ancora di più lo è stata per i ragazzi con disabilità. Allontanati da compagni ed insegnanti, sono loro ad aver patito più di tutti i giorni del lockdown, imprigionati nelle loro stesse case. Il ritorno a scuola, già di per sé caratterizzato dalle mille carenze di cui abbiamo sentito parlare in questi giorni, ha fatto rinascere il dibattito relativo al sostegno scolastico. Come sostenuto dalla Ministra Azzolina: «I mali del sostegno vengono da lontano: chi vive la scuola lo sa» o, almeno, così dovrebbe.

Secondo un report presentato da Tuttoscuola il 59% degli alunni disabili – vale a dire sei su dieci – al ritorno in classe troverà insegnanti mai visti prima, con i quali bisognerà, per l’ennesima volta, costruire un rapporto di fiducia ed intesa, nonché avviare un percorso di apprendimento e di crescita. La continuità didattica ha un’influenza ben diversa per l’alunno disabile rispetto all’intera classe. Infatti, la perdita di questa continuità è rara nel caso del gruppo classe e si verifica generalmente con il ricambio dell’intero corpo dei docenti nel passaggio da un anno all’altro. Non si può dire che accada lo stesso con gli insegnanti di sostegno, spostati o cambiati anche più volte durante il corso dell’anno scolastico.

Certo, se si analizza più nel dettaglio il problema, questo aspetto sembra essere del tutto superficiale e trascurabile. Sì, perché ce n’è un altro ben più grave: quello relativo alla competenza dell’insegnante. Si potrebbe riassumere dicendo “l’insegnante giusto per il disabile giusto”, che significa affidare a ciascun ragazzo affetto da disabilità una persona che abbia la preparazione e le competenze necessarie per gestire la situazione. Invece, quello che purtroppo succede in molte realtà scolastiche, è l’assegnazione del tutto casuale del docente all’alunno.

Negli ultimi anni, vista la carenza di personale di sostegno qualificato, i dirigenti scolastici si sono visti costretti ad assegnare le cattedre anche a docenti di terza fascia privi del titolo necessario. È infatti possibile candidarsi per una supplenza come insegnante di sostegno semplicemente inviando alla scuola una domanda di messa a disposizione tramite l’apposita piattaforma. Ma questo non basta, perché ad aggravare la situazione del sostegno scolastico incide il mercato del lavoro. Sul Web è facile imbattersi in siti che propongono di diventare insegnante di sostegno senza specializzazione, l’importante è pagare la quota online.

Non è infrequente, quindi, che laureati privi dell’abilitazione per l’insegnamento delle proprie materie di indirizzo ripieghino su tale settore, spesso usandolo come trampolino di lancio per passare, successivamente, ad insegnare altro, per entrare nelle graduatorie o semplicemente per essere assegnati ad una scuola più vicina a casa. Il vero problema è che a farne le spese sono i ragazzi disabili.

Per avere un’idea di quanto il fenomeno del sostegno riguardi da vicino la scuola italiana, si devono prendere in considerazione alcuni numeri. La ripartizione dei docenti destinati agli studenti in grave difficoltà non è affatto proporzionale alla domanda. Stando ai dati del Miur per l’anno 2019 (Miur, Rapporto 2019 sulla disabilità nelle scuole) in Umbria vi erano 300 posti in meno rispetto ai posti spettanti, 1.086 in Toscana, 1.347 in Emilia Romagna, 2.792 in Lombardia. Dall’altro lato ce n’erano 785 in più in Sicilia, 1.020 nel Lazio, 1.350 in Puglia e 1.899 in Campania.

E la situazione non è certamente migliorata nel 2020, con il grave affollamento delle classi, la mancanza di docenti, il Covid-19. In questo panorama il numero di studenti disabili continua a crescere: da uno ogni 67 nell’anno scolastico 1997/1998, ad uno ogni 28 nell’anno scolastico 2019/2020. L’accelerazione degli ultimi decenni è davvero importante: da 181.177 a 282.595, con circa 185mila docenti di sostegno.

L’aumento di questi numeri si lega sicuramente ad una maggiore sensibilità nei confronti della disabilità, per cui sono state inserite in questa categoria una serie di patologie e disturbi che fino a venti anni fa non erano considerati come un handicap.

Tuttavia, nonostante questi progressi ancora oggi la scuola italiana, così come l’intero Paese, non ha superato un problema essenziale come può essere, ad esempio, quello delle barriere architettoniche, per cui l’83% delle scuole napoletane, il 91% di quelle salernitane, il 94% di quelle di Vibo Valentia non hanno l’ascensore, uno strumento fondamentale per tutti coloro che hanno problemi motori o visivi.

In questo momento la scuola non può assumersi solamente l’onere di arginare la potenziale diffusione del virus fra gli studenti, ma deve garantire il ripristino, per quanto possibile, della socialità e della didattica in presenza (in particolar modo per i disabili), mostrandosi come un luogo di interazione e aggregazione sicuro. Spetta alla scuola rassicurare le famiglie dei ragazzi più fragili, proprio perché se potrebbe essere difficile per un bambino affrontare il virus o una quarantena, quanto potrebbe esserlo per un ragazzo con handicap?

Ultime notizie
Attualità

Fuga… da mezzanotte

Non è certo il coprifuoco di Parigi e dintorni, ma allo scoccare della mezzanotte dobbiamo immediatamente uscire dal nostro amato ristorante, con il conto pagato, e senza aver preso dolce o caffè.
di Emilio Albertario
Informazione

Sui Tg si torna ai “bollettini” dei contagi

L’aumento vertiginoso dei contagi impone la pandemia come tema dominante. Aperture obbligate per tutti, ad eccezione di Tg4 che – come la...
di Eurispes e Coris Sapienza
Crescita

RELEASE G-20: per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un'iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.
di Roberto Ridolfi*
Metafore per l'Italia

Impegni inderogabili. Alla natura si comanda ubbidendole

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api. «Nell’attuale scenario...
di Gian Maria Fara
Ambiente

Rigenerazione urbana, le città si (ri)fanno belle

Con l’arrivo del bando per i progetti di rigenerazione urbana e di recupero delle periferie, il “restyling” delle città torna ad essere al centro dell’attenzione. Il recupero delle aree degradate passa sempre più attraverso l’impegno degli stessi cittadini, che danno vita ad un crescente fenomeno di “associazionismo urbano” per la riqualificazione degli spazi pubblici.
di Ilaria Tirelli
Attualità

2020, la teoria della cospirazione

    Una notizia postata sui social che parla di cospirazione, locale o planetaria, viene letta sei volte di più di qualsiasi altra, con...
di Emilio Albertario
Intervista

Il Presidente Luca Zaia all’Eurispes: “Il Covid insegna: più autonomia ai territori”

    A più di mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, guarda al...
di redazione
Informazione

Tg: aperture concentrate sui contagi, l’informazione torna in lockdown

L’impennata dei contagi domina sul prime time, con 25 aperture dedicate alla crescita dei positivi ed agli appelli della politica. L’agenda mediatica...
di Eurispes e Coris Sapienza
International

The COVID-19 pandemic and the role of SMEs as innovators of sustainable inclusive employment

The Importance of SMEs as Innovators of Sustainable Inclusive Employment in Times of Pandemic and Beyond. New Evidence from Regional and Local...
di Ronald McQuaid and Aleksandra Webb*
Crescita

Covid-19, Pmi come innovatori di occupazione inclusiva e sostenibile

Le grandi sfide economiche globali dovute alla pandemia Covid-19 hanno creato uno stato di insicurezza. Grazie alla loro adattabilità e alla rapidità del processo decisionale, le Piccole e Medie Imprese (PMI) potrebbero essere idonee a guidare il cambiamento in questo contesto in dinamica evoluzione.
di Ronald McQuaid e Aleksandra Webb*