Selfie mania, la follia dell’autoritratto compulsivo

Le ossessioni della società nell’era dei “bastoni per il selfie”: la mostra T’a vuó fá fá sta foto? organizzata presso la galleria Spazio 5 di Roma, racconta con leggerezza e ironia, attraverso le immagini, la follia dell’autoritratto compulsivo.
«Che la mania di immortalare noi stessi e tutto ciò che ci circonda, in maniera quasi compulsiva, sia dettata dalla necessità di appartenere a una collettività virtuale ora che quella reale sta scomparendo?», è la domanda che si sono posti gli autori, il fotografo romano Maurizio Riccardi e il vignettista padovano Federico Fred, prima di dar vita alla rassegna e a cui, però, hanno scelto di rispondere a modo loro.
La loro attenzione non si è concentrata sugli aspetti allarmanti generati dall’impellente necessità di ottenere maggiore visibilità grazie alla sovrapposizione di filtri ad uno scatto, ma, più semplicemente, sulla voglia di strappare un sorriso ai visitatori.
Obiettivo centrato. Nelle sale di Spazio 5 una serie di scatti e vignette in grado di offrire al pubblico, con estrema delicatezza, battute spassose e situazioni bizzarre. Rappresentazioni di pratiche e comportamenti sociali talvolta folli, talvolta preoccupanti, spesso già di per sé comici, portati all’eccesso per evidenziarne gli aspetti caricaturali, senza però tralasciare gli aspetti genuini e spontanei delle singole azioni. Fotografare un piatto di pastasciutta o cimentarsi in complicate movenze con un bastone allungabile per riuscire a individuare l’angolazione giusta e scattare un selfie, sono, in fin dei conti, gesti che celebrano un momento.
Trasporre sé stessi al centro di quel luogo e di quell’istante e catturarne l’attimo, non sono considerati atteggiamenti colpevoli, ma semplici manifestazioni di spensieratezza, che celano invece un’importanza comunicativa da non sottovalutare. L’abilità di Maurizio Riccardi e Federico Fred è proprio quella di riuscire a spingere l’osservatore a riconsiderare e rivalutare l’importanza del particolare.
Gli autori ci guidano attraverso una lettura più complessa delle singole immagini. Una volta alzato il velo della parodia, ci fanno dono di una riflessione potente sull’incapacità di controllare questo incessante scorrere di immagini all’interno della nostra timeline social. In chi guarda gli scatti e le vignette si fa spazio la considerazione che, ogni giorno, migliaia di immagini come queste rischiano di cadere nell’oblio, dopo essere state archiviate nella memoria di smartphone o di server situati dall’altra parte del mondo.
Con la loro estrema sensibilità, Riccardi e Fred pongono qui il fulcro centrale della loro rassegna: la velocità tramite cui siamo soliti scoprire, apprezzare e subito dopo dimenticare; ognuna di queste immagini, deriva dalla «perdita di importanza del particolare», come spiega Riccardi e «mette da parte il fattore umano» che sceglie e si innamora di quell’attimo. Gli autori riescono, insieme, a veicolare un semplice messaggio, che diventa un amichevole consiglio, un’indicazione da cogliere: valorizzare e custodire la memoria di quegli scatti, di quei momenti, per evitarne l’oblio e la caduta senza fine nel pozzo mai sazio delle piattaforme social.
La mostra resterà aperta al pubblico nei locali di Spazio 5 fino al prossimo 20 ottobre.

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer