Selfie mania, la follia dell’autoritratto compulsivo

Le ossessioni della società nell’era dei “bastoni per il selfie”: la mostra T’a vuó fá fá sta foto? organizzata presso la galleria Spazio 5 di Roma, racconta con leggerezza e ironia, attraverso le immagini, la follia dell’autoritratto compulsivo.
«Che la mania di immortalare noi stessi e tutto ciò che ci circonda, in maniera quasi compulsiva, sia dettata dalla necessità di appartenere a una collettività virtuale ora che quella reale sta scomparendo?», è la domanda che si sono posti gli autori, il fotografo romano Maurizio Riccardi e il vignettista padovano Federico Fred, prima di dar vita alla rassegna e a cui, però, hanno scelto di rispondere a modo loro.
La loro attenzione non si è concentrata sugli aspetti allarmanti generati dall’impellente necessità di ottenere maggiore visibilità grazie alla sovrapposizione di filtri ad uno scatto, ma, più semplicemente, sulla voglia di strappare un sorriso ai visitatori.
Obiettivo centrato. Nelle sale di Spazio 5 una serie di scatti e vignette in grado di offrire al pubblico, con estrema delicatezza, battute spassose e situazioni bizzarre. Rappresentazioni di pratiche e comportamenti sociali talvolta folli, talvolta preoccupanti, spesso già di per sé comici, portati all’eccesso per evidenziarne gli aspetti caricaturali, senza però tralasciare gli aspetti genuini e spontanei delle singole azioni. Fotografare un piatto di pastasciutta o cimentarsi in complicate movenze con un bastone allungabile per riuscire a individuare l’angolazione giusta e scattare un selfie, sono, in fin dei conti, gesti che celebrano un momento.
Trasporre sé stessi al centro di quel luogo e di quell’istante e catturarne l’attimo, non sono considerati atteggiamenti colpevoli, ma semplici manifestazioni di spensieratezza, che celano invece un’importanza comunicativa da non sottovalutare. L’abilità di Maurizio Riccardi e Federico Fred è proprio quella di riuscire a spingere l’osservatore a riconsiderare e rivalutare l’importanza del particolare.
Gli autori ci guidano attraverso una lettura più complessa delle singole immagini. Una volta alzato il velo della parodia, ci fanno dono di una riflessione potente sull’incapacità di controllare questo incessante scorrere di immagini all’interno della nostra timeline social. In chi guarda gli scatti e le vignette si fa spazio la considerazione che, ogni giorno, migliaia di immagini come queste rischiano di cadere nell’oblio, dopo essere state archiviate nella memoria di smartphone o di server situati dall’altra parte del mondo.
Con la loro estrema sensibilità, Riccardi e Fred pongono qui il fulcro centrale della loro rassegna: la velocità tramite cui siamo soliti scoprire, apprezzare e subito dopo dimenticare; ognuna di queste immagini, deriva dalla «perdita di importanza del particolare», come spiega Riccardi e «mette da parte il fattore umano» che sceglie e si innamora di quell’attimo. Gli autori riescono, insieme, a veicolare un semplice messaggio, che diventa un amichevole consiglio, un’indicazione da cogliere: valorizzare e custodire la memoria di quegli scatti, di quei momenti, per evitarne l’oblio e la caduta senza fine nel pozzo mai sazio delle piattaforme social.
La mostra resterà aperta al pubblico nei locali di Spazio 5 fino al prossimo 20 ottobre.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili