11 milioni di italiani con meno cure. Sanità non è solo fermare il Covid

«La prima ondata della pandemia ha causato importanti disagi e ripercussioni a carico degli undici milioni di cittadini affetti dalle patologie di nostro interesse, cioè i pazienti oncologici, ematologici e cardiologici. Questa situazione rischia concretamente di ripresentarsi in forma ancora più grave ora, nel corso della seconda ondata. Ogni anno circa 413.000 cittadini in Italia muoiono per malattie cardiovascolari, oncologiche e oncoematologiche e 153.000 per altre patologie (respiratorie, neurologiche, endocrino-metaboliche, psichiche, gastrointestinali ed infettive), per un totale di 566.000 decessi. Il Covid ha determinato finora 45.000 morti, e per evitare che aumenti la mortalità per patologie non Covid è fondamentale garantire la continuità delle cure in totale sicurezza». Così il Prof. Francesco Cognetti, Presidente di FOCE, la Federazione degli oncologi, cardiologi e ematologi a margine dell’incontro fra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, e il Direttivo della Federazione che ha dato il via ad un Tavolo Tecnico per garantire ai pazienti più fragili la continuità di cura in emergenza Covid.

Abbiamo raggiunto il Prof. Cognetti chiedendogli di approfondire il fenomeno delle malattie gravi dimenticate a causa della pandemia, e le questioni legate al momento di stress del nostro Sistema sanitario.

Professor Cognetti, il 15 giugno – sei mesi fa – Lei, attraverso l’Eurispes Magazine, ma non solo, lanciava un allarme: tanti malati oncologici o cardiologici non venivano più curati a causa dell’emergenza Covid. Finalmente siete riusciti a mettere sulla strada giusta la loro assistenza.

Stiamo partendo con una serie di progetti e proposte che abbiamo già esaminato insieme con il Presidente del Consiglio ed il Ministro della Salute perché la situazione ci preoccupa molto, in quanto già durante la prima ondata si è realizzata una serie di disguidi e anche di danni ai pazienti cardiologi e oncologici, che sono stati già ben descritti in una nostra analisi. Tra i più rilevanti la sospensione e cancellazione di interventi chirurgici importanti per effetto dell’intasamento delle terapie intensive, il blocco degli screening e, per quanto riguarda il settore cardiologico, sono arrivati alle terapie intensive meno infarti – la metà – e si è già registrato l’aumento consistente della mortalità per infarto del miocardio. Adesso noi ci troviamo di fronte alla seconda ondata, nel frattempo non c’è stata una grande previsione di azioni atte a ridurre l’impatto su questi malati che, sostanzialmente, subiscono un duplice danno: se contraggono il Covid hanno un esito peggiore e hanno una mortalità maggiore rispetto ad altri pazienti, e non vengono trattati in modo adeguato alla patologia di cui sono portatori. Quindi, c’è la possibilità che la mortalità aumenti per queste patologie, ben oltre la mortalità indotta dal Covid.

Secondo Lei Professore c’è molta gente che ha smesso di curarsi per la paura del Covid?

Sì, o perché lo ha deciso – le devo dire la minoranza – o perché non ha trovato risposte adeguate. Consideri che sono stati persi complessivamente 4/5 milioni di esami e non tutti sono stati recuperati, o sono stati recuperati in parte. Molti hanno poi comportato la comparsa di tumori nella fase più tardiva. Se è vero come è vero che la diagnosi precoce dei tumori è in grado di abbattere la mortalità. Avremo tumori più avanzati e, quindi, un aumento della mortalità.

Quando pensa si potranno ricominciare a fare gli screening sia quelli oncologici che per le malattie cardiovascolari?

È un problema di organizzazione, è un problema anche di risorse. Abbiamo stimolato il Governo anche al reperimento di posti immediatamente fruibili per la sanità; altra problematica che abbiamo sollevato è quella della rifondazione della medicina territoriale, che l’ho già accennato, è uno degli elementi principali che ha prodotto questi danni e la medicina va completamente rifondata con la collaborazione, anzi la strutturazione organica dei medici di medicina generale insieme con gli specialisti. I medici di medicina generale non possono essere assenti e quello che sta succedendo anche nel Lazio con il ricorso al TAR è una cosa spiacevole.

Professore, ma in questo suo incontro ai massimi livelli, c’era il Ministro della Salute e c’era soprattutto il Presidente del Consiglio, si è mai parlato del MES?

Non abbiamo affrontato il problema del MES. Sappiamo bene che è un argomento molto caldo dal punto di vista politico. Abbiamo solo rilevato e naturalmente sollevato il problema che questi fondi devono essere ingenti e di notevole entità, perché non si tratta di salvare il Sistema Sanitario Nazionale, si tratta di ristrutturarlo profondamente e devono essere immediatamente fruibili, poi è il Governo che deve decidere su quali fondi attingere, non è un problema che riguarda noi, c’è questa vulgata che il MES è un sistema rapido, immediatamente fruibile e che da un punto di vista economico è vantaggioso, però non siamo noi a doverlo valutare. Noi possiamo solo registrare la necessità dell’acquisizione di questi fondi.

Prima di salutarla vorrei chiederle, secondo lei, che Natale sarà?

Ma, guardi, questo discorso del natale lo trovo un po’ fuori dalla misura. Noi oggi ci stiamo confrontando con una pandemia importantissima con problemi strutturali seri che poi sfocerà nella sanità e poi in problemi socio economici ancora più seri. Il natale è fra un mese e io non penso che usciremo da questa vicenda per cui il natale lo passeremo privilegiando aspetti che riguardano la dimensione religiosa e i gli affetti familiari di poche persone dobbiamo insomma in qualche modo se si ingigantisce questo problema quando il problema è già grosso francamente il prossimo natale andrà così, per i successivi mi auguro molto meglio.

Ultime notizie
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Le nostre abitudini sono state stravolte. Non è bastato. Ci ha turbato il senso di confusione provocato dal continuo mutamento delle regole....
di Angelo Perrone *
Ambiente

Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Le rinnovabili in Italia In Italia continua a crescere l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili (FER): in questo senso, per consumi totali il nostro...
di redazione
Innovazione

Le innovazioni scientifiche e tecnologiche nella lotta al Covid

Il mondo è ancora immerso nel caos provocato dalla diffusione del Covid-19 e molte rimangono le incertezze riguardanti le conseguenze e le...
di Silvia Muscas
Economia

Mercato del lavoro, non solo Covid. La crisi è strutturale

Il XXII Rapporto del CNEL sul mercato del lavoro e della contrattazione collettiva, mette in luce alcune problematiche non originate dal Covid-19 ma da una persistente fragilità del Paese.
di Marco Omizzolo*
Opinioni e commenti

La politica della ignoranza

Prima del tragico assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio, il presidente Joe Biden aveva scritto: «L’America è tornata ed è pronta a...
di Luciano Maria Teodori
Recensioni

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

Ezio Cesarini – Italiano Antifascista Giornalista è il titolo dell’ultimo libro di Claudio Santini (Minerva Edizioni), che ripercorre, in poco più di...
di Ilaria Tirelli
Cultura

Il mondo del libro regge all’onda d’urto della pandemia

Il mondo del libro regge nell’anno più buio per molti settori chiave dell’economia. Dopo un anno passato per lo più tra le...
di Roberta Rega
Video

La città del quarto d’ora

  La città del quarto d’ora, come tante promesse elettorali, poteva rimanere in un cassetto, ma la Sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, vuole...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Cittadelle mummificate

Rimanere ancorati a modelli economici formalmente perfetti serve solo a salvaguardare le cittadelle mummificate dei soloni dell'economia ufficiale e a tutelare il diritto dinastico all’interno di corporazioni alla deriva in un mondo che non solo esse non riescono a interpretare, ma neanche a comprendere nelle sue strutture più elementari.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Traffico di farmaci: la frontiera in una fiala

Dopo armi e droga, i farmaci sono uno dei traffici illegali più redditizi. Non a caso la criminalità organizzata opera da tempo in questo settore con una capacità di penetrazione che tocca tutti i livelli del sistema.
di Sergio Nazzaro