50 anni dallo Statuto dei lavoratori

«Per capire il nostro tempo abbiamo bisogno di un punto di partenza; questo punto di partenza è il lavoro umano». Non ci stancheremo di tenere a mente le parole di Vittorio Foa – uomo della Resistenza e grande storico del sindacato – che risuonano attuali in una data importante come questa: il 20 maggio di 50 anni fa nasceva lo Statuto dei Lavoratori. La Costituzione entrava, così, in fabbrica: «Per la prima volta – commentò Gino Giugni insieme a Giacomo Brodolini, padre di questa grande operazione –, i giuristi non si limitarono a svolgere il loro ufficio di segretari del Principe, ma riuscirono ad operare come autentici specialisti della razionalizzazione sociale». La storia è nota, ed è stata rievocata dai media nazionali in questi giorni. Nessun amarcord – come correttamente ha fatto notare Michele Tiraboschi, giuslavorista allievo di Marco Biagi – piuttosto bisogna cogliere l’occasione per riflettere sulle nuove frontiere da presidiare e tutelare.

Il significato di quel vento di autentico riformismo arriva fino a noi, a distanza di tempo, da quell’Italia che stava cambiando volto. L’Autunno Caldo era stato solo l’anticipo di quel 1970 in cui tante cose sarebbero successe, come ha scritto ieri Guido Crainz su la Repubblica: la legge sul divorzio, l’istituzione sia delle Regioni sia dello strumento referendario – previsti dalla Costituzione, ma rimasti fino a quel momento inattuati –, il diritto di voto a 18 anni, il nuovo diritto di famiglia, la riforma penitenziaria, la riforma sanitaria, la regolamentazione dell’aborto, la “Legge Basaglia” sugli ospedali psichiatrici, l’assassinio di Mauro De Mauro (che avrebbe dato il via ad una scia terribile di sangue, inaugurando la “strategia della tensione”). Il decennio forse più carico di contrasti, ideali e ricadute della storia repubblicana avrebbe trovato la sua acme con la marcia dei 40mila a Torino, “epilogo-sconfitta” di un percorso che non si sarebbe mai più ripetuto.

Aspetto cruciale di quella stagione che è utile puntualizzare: il lavoro era al centro dei profondi rivolgimenti che avrebbero mutato in maniera irreversibile i costumi della società. Il ceto operaio, cerniera essenziale della catena produttiva, aveva già alle spalle tante storie di sofferenza accumulate, di difficoltà, di privazioni, che erano, poi, l’altra faccia del boom economico. Finalmente, qualcuno se ne occupava, passando dalla teoria alla prassi. Non dovremmo mai rimuovere questa centralità, tanto meno in questa delicata fase in cui il dibattito pubblico necessita di contenuti, di sostanza, di idee. Non c’è nessuna ripartenza senza il lavoro, il quale può battere il virus – come è stato detto – a condizione che venga affrontato questo tempo delle “mutazioni” con responsabilità, apertura mentale e capacità di visione.

Lo Statuto arrivava, finalmente – grazie allo sforzo di menti illuminate, pur tra mille inevitabili contraddizioni –, a porre argine alla tracotanza dei padroni: parlava di stabilità del posto di lavoro, di tutela, di reintegrazione, di “giusta causa” prima del licenziamento. Un vocabolario essenziale trovava spazio e non serviva ad apportare vuote innovazioni semantiche, ma a sollevare questioni forti, utili a ribadire una cosa essenziale e sacrosanta, spesso da tanti rimossa: una Repubblica fondata sul lavoro deve porsi il problema costante di garantire sempre questo diritto, in sicurezza, dignità, libertà, altrimenti non c’è né futuro né progresso

La crisi che stiamo vivendo porta con sé il rischio di un impatto enorme sul nostro sistema industriale. Inutile negarlo, sappiamo che la vertigine delle trasformazioni – soprattutto legate ai fenomeni di digitalizzazione già in corso – sta modificando i canoni del capitalismo. Bisogna intervenire subito per indirizzare una nuova “rivoluzione del lavoro”. Dobbiamo fare in modo che la diseguaglianza non si allarghi fino a diventare un baratro di netta cesura tra ricchi e poveri.
«Si apre – come ha osservato Enrico Letta nella prefazione del saggio appena pubblicato da Donzelli dal titolo Lavorare – una diversa centralità dei concetti di “lavoro” e di “sociale”, tutta da ripensare, da ricostruire». Occorre, in altri termini, risanare l’interpretazione errata di una flessibilità che ha precarizzato e stravolto lo spirito dello Statuto senza interpretare i tempi nuovi, agendo su un pericoloso equivoco che ha finito col tramutare l’idea della flessibilità in precarizzazione sistematica. In questa pericolosa deriva sono rimasti coinvolti i nuovi invisibili del mercato – vettori, rider, operatori dei call center, immigrati che svolgono lavori e compiti preziosi e sottopagati – le tipologie professionali di player creativi, ma senza tutele, che oscillano tra autonomia e dipendenza, difficili da intercettare nel quadro della tradizionale contrattazione. C’è, dunque, molto da operare. C’è molto da fare in un contesto che continua a sottostimare e a mortificare la componente femminile a tutti i livelli della vita organizzata.
Altro che De profundis per il Sindacato e per i corpi intermedi, che non sono morti ma piuttosto sollecitati ad agire per sciogliere i nodi di uno sviluppo senza progresso, di una globalizzazione che ha dimenticato l’uomo, di una tecnologia che deve tornare ad essere un mezzo non tramutandosi mai in fine, come gli ultimi scritti di Emanuele Severino ci hanno insegnato.

In questi giorni di forzato lockdown abbiamo scoperto un volto nuovo delle tecnologie. Nel confino forzato è rifluito un senso di comunità che è andato al di là dell’autismo che caratterizza la “società del selfie”. Forse, stiamo passando, per citare lo psicanalista Massimo Recalcati, dalla perversione dei social che portavano a un ritiro autistico dei legami a in recupero, attraverso la connettività, del mondo che sta fuori. Per negazione abbiamo riscoperto il valore del dialogo e dell’ascolto, del rispetto delle “ragioni dell’altro”. Dobbiamo ripartire da lì.
Governare il cambiamento vuol dire attribuire un significato al buio, continuando a battersi per i diritti universali dell’individuo. Da questo shock collettivo possiamo venire fuori più forti. Guardiamo sì agli anni Settanta, ma non con gli occhi appannati dalla nostalgia, bensì con lo spirito vibrante di chi crede che incidere per affermare i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori è, oggi, possibile oltre che assolutamente necessario, come prima, più di prima.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili