Bonafede e la “pistola a salve” della crisi. Le baruffe della politica condiscono la ripartenza

Lo scontro politico, con la doppia mozione di sfiducia al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ed i successivi accesi scambi tra maggioranza ed opposizione, dominano tutte le edizioni tra martedì e giovedì. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 18 al 22 maggio.
L’atmosfera da presunta “crisi evitata” si riflette nelle diverse interviste ai leader, con Tg2 che interpella, giovedì, Vito Crimi e Tg3 che venerdì si confronta con Giorgia Meloni. Più di altri, Tg La7 entra nel vivo delle mosse dell’esecutivo, titolando, mercoledì, sull’intervista di Conte a Il Foglio con cui il premier apriva alle opposizioni, ma ospitando, giovedì, in studio il deputato M5S, Riccardo Ricciardi, il cui intervento sulla sanità lombarda ha “fatto saltare” (Tg5) qualunque possibile collaborazione (intervento sul quale lo stesso Mentana si era espresso negativamente sui social). Tg5 segnala fin dai titoli le critiche del Pd agli alleati di maggioranza. Tg3, venerdì, interpella il sociologo Ilvo Diamanti, che nel commentare gli scontri di giovedì sulla sanità lombarda illustra ed esplora lo stretto rapporto che ancora vincola la Lega alle sue origini “padane”.

Le prospettive e gli interrogativi legati alla ripartenza dominano comunque a livello di aperture: 19, contro le 14 dedicate alla politica. Numerosi gli appelli dei Ministri ripresi nei servizi, e lo stesso vale per i richiami dei governatori delle Regioni contro gli autori degli assembramenti non autorizzati. Spazio, per tutti, ai dati macro-economici della cassa integrazione, e ai “casi” Alitalia e di Fca. Tg5 dedica una copertina all’aumento della povertà in Italia, ed un focus sugli effetti del prolungato lockdown sulla socialità di bambini e studenti. Tg4 rilancia le manifestazioni di protesta di medici ed ambulanti.

L’anniversario della strage di Capaci, pur in assenza di celebrazioni pubbliche, ha incontrato già da mercoledì l’attenzione dei Tg Rai e Tg5. Interessante l’intervista di giovedì del Tg2 al procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi.

La proposta “a sorpresa” di Francia e Germania di un fondo da 500 miliardi per assistere la ripresa dei paesi più colpiti è in apertura, lunedì, per Tg La7; sempre lunedì Tg5 e Tg2 aprono sugli attacchi di Trump all’OMS, accusata di essere troppo influenzata dalla Cina. L’evoluzione del contagio negli Usa, ma anche i rapporti conflittuali con Russia e Cina, sono seguiti da tutti nel corso della settimana, con Tg3 e Tg La7 che evidenziano nei servizi le debolezze del sistema americano ed il calo dei consensi di Trump. Le nuove operazioni militari in Libia, con l’accusa rivolta alla Russia di aver fornito 8 aerei da caccia ad Haftar, sono assenti dai titoli e si ritrovano solo nei servizi dei Tg Rai di giovedì.

Da segnalare in chiusura la battaglia solitaria che Tg4 conduce contro le nuove piste ciclabili a Roma e, soprattutto, Milano, ritenute problematiche sia per la circolazione sia per gli interessi dei commercianti. Altre testate, tra cui Studio Aperto, invece, apprezzano l’aumento nell’uso della bicicletta da parte degli italiani.

 

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili