Bonafede e la “pistola a salve” della crisi. Le baruffe della politica condiscono la ripartenza

Lo scontro politico, con la doppia mozione di sfiducia al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ed i successivi accesi scambi tra maggioranza ed opposizione, dominano tutte le edizioni tra martedì e giovedì. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 18 al 22 maggio.
L’atmosfera da presunta “crisi evitata” si riflette nelle diverse interviste ai leader, con Tg2 che interpella, giovedì, Vito Crimi e Tg3 che venerdì si confronta con Giorgia Meloni. Più di altri, Tg La7 entra nel vivo delle mosse dell’esecutivo, titolando, mercoledì, sull’intervista di Conte a Il Foglio con cui il premier apriva alle opposizioni, ma ospitando, giovedì, in studio il deputato M5S, Riccardo Ricciardi, il cui intervento sulla sanità lombarda ha “fatto saltare” (Tg5) qualunque possibile collaborazione (intervento sul quale lo stesso Mentana si era espresso negativamente sui social). Tg5 segnala fin dai titoli le critiche del Pd agli alleati di maggioranza. Tg3, venerdì, interpella il sociologo Ilvo Diamanti, che nel commentare gli scontri di giovedì sulla sanità lombarda illustra ed esplora lo stretto rapporto che ancora vincola la Lega alle sue origini “padane”.

Le prospettive e gli interrogativi legati alla ripartenza dominano comunque a livello di aperture: 19, contro le 14 dedicate alla politica. Numerosi gli appelli dei Ministri ripresi nei servizi, e lo stesso vale per i richiami dei governatori delle Regioni contro gli autori degli assembramenti non autorizzati. Spazio, per tutti, ai dati macro-economici della cassa integrazione, e ai “casi” Alitalia e di Fca. Tg5 dedica una copertina all’aumento della povertà in Italia, ed un focus sugli effetti del prolungato lockdown sulla socialità di bambini e studenti. Tg4 rilancia le manifestazioni di protesta di medici ed ambulanti.

L’anniversario della strage di Capaci, pur in assenza di celebrazioni pubbliche, ha incontrato già da mercoledì l’attenzione dei Tg Rai e Tg5. Interessante l’intervista di giovedì del Tg2 al procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi.

La proposta “a sorpresa” di Francia e Germania di un fondo da 500 miliardi per assistere la ripresa dei paesi più colpiti è in apertura, lunedì, per Tg La7; sempre lunedì Tg5 e Tg2 aprono sugli attacchi di Trump all’OMS, accusata di essere troppo influenzata dalla Cina. L’evoluzione del contagio negli Usa, ma anche i rapporti conflittuali con Russia e Cina, sono seguiti da tutti nel corso della settimana, con Tg3 e Tg La7 che evidenziano nei servizi le debolezze del sistema americano ed il calo dei consensi di Trump. Le nuove operazioni militari in Libia, con l’accusa rivolta alla Russia di aver fornito 8 aerei da caccia ad Haftar, sono assenti dai titoli e si ritrovano solo nei servizi dei Tg Rai di giovedì.

Da segnalare in chiusura la battaglia solitaria che Tg4 conduce contro le nuove piste ciclabili a Roma e, soprattutto, Milano, ritenute problematiche sia per la circolazione sia per gli interessi dei commercianti. Altre testate, tra cui Studio Aperto, invece, apprezzano l’aumento nell’uso della bicicletta da parte degli italiani.

 

Ultime notizie
Sicurezza

Vendette digitali e sicurezza sul web

Il revenge porn è parte di un più ampio fenomeno, quello della pornografia non consensuale che non si esaurisce nelle “vendette di...
di redazione
Attualità

Giudici politicizzati, l’esempio americano a confronto con il modello italiano

La scomparsa del giudice (la funzione è al maschile, indipendente dal genere) Ruth Bader Ginsburg, la seconda donna nella storia americana a...
di Angelo Perrone*
Cultura

Piccoli editori, il grande problema della distribuzione

La distribuzione è uno dei nodi fondamentali dell’editoria odierna, non solo perché in continua evoluzione (anche il colosso Amazon è entrato recentemente...
di Roberta Rega
Criminalità e contrasto

Direttore ADM, Marcello Minenna: “Un patto con le Istituzioni contro l’illegalità”

  Dal lavoro dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli svolto durante l’emergenza Covid alla continua sinergia con le Forze dell’ordine con l’unico obiettivo...
di redazione
Video

Direttore ADM, Marcello Minenna: “Un patto con le Istituzioni contro l’illegalità”

  Dal lavoro dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli svolto durante l’emergenza Covid alla continua sinergia con le Forze dell’ordine con l’unico obiettivo...
di Emilio Albertario
Salute

Vaccini: una corsa a ostacoli tra sfiducia e facili entusiasmi

La corsa all’oro di questo 2020 è senz’altro quella in atto, in tutto il mondo, per arrivare al vaccino per il nuovo...
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Viaggio di uno yankee in Italia

Una delle questioni non risolte che accompagnano l’Italia sin dall’Unità nazionale, è quella della Giustizia. In un interessante pamphlet dal titolo non...
di Gian Maria Fara
Approfondimenti

Obesità infantile: quando il cibo abbonda

I tassi di obesità infantile nel nostro Paese sono considerati tra i più alti: il sovrappeso in Italia interessa circa 1 bambino...
di redazione
Opinioni e commenti

La stortura dei processi a distanza: la giustizia penale in tempo di pandemia

È sotto gli occhi di tutti la estrema gravità dei problemi di ordine sociale, economico, creatasi a causa dell’esplosione, per larga parte...
di Nicola De Fuoco
Società

Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

La pirateria editoriale costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno. L’ultima frontiera delle frodi informatiche si è realizzata attraverso Telegram, con la creazione di canali sui quali scaricare quotidiani, riviste, musica e film.
di Ilaria Tirelli