Bonafede e la “pistola a salve” della crisi. Le baruffe della politica condiscono la ripartenza

Lo scontro politico, con la doppia mozione di sfiducia al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ed i successivi accesi scambi tra maggioranza ed opposizione, dominano tutte le edizioni tra martedì e giovedì. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 18 al 22 maggio.
L’atmosfera da presunta “crisi evitata” si riflette nelle diverse interviste ai leader, con Tg2 che interpella, giovedì, Vito Crimi e Tg3 che venerdì si confronta con Giorgia Meloni. Più di altri, Tg La7 entra nel vivo delle mosse dell’esecutivo, titolando, mercoledì, sull’intervista di Conte a Il Foglio con cui il premier apriva alle opposizioni, ma ospitando, giovedì, in studio il deputato M5S, Riccardo Ricciardi, il cui intervento sulla sanità lombarda ha “fatto saltare” (Tg5) qualunque possibile collaborazione (intervento sul quale lo stesso Mentana si era espresso negativamente sui social). Tg5 segnala fin dai titoli le critiche del Pd agli alleati di maggioranza. Tg3, venerdì, interpella il sociologo Ilvo Diamanti, che nel commentare gli scontri di giovedì sulla sanità lombarda illustra ed esplora lo stretto rapporto che ancora vincola la Lega alle sue origini “padane”.

Le prospettive e gli interrogativi legati alla ripartenza dominano comunque a livello di aperture: 19, contro le 14 dedicate alla politica. Numerosi gli appelli dei Ministri ripresi nei servizi, e lo stesso vale per i richiami dei governatori delle Regioni contro gli autori degli assembramenti non autorizzati. Spazio, per tutti, ai dati macro-economici della cassa integrazione, e ai “casi” Alitalia e di Fca. Tg5 dedica una copertina all’aumento della povertà in Italia, ed un focus sugli effetti del prolungato lockdown sulla socialità di bambini e studenti. Tg4 rilancia le manifestazioni di protesta di medici ed ambulanti.

L’anniversario della strage di Capaci, pur in assenza di celebrazioni pubbliche, ha incontrato già da mercoledì l’attenzione dei Tg Rai e Tg5. Interessante l’intervista di giovedì del Tg2 al procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi.

La proposta “a sorpresa” di Francia e Germania di un fondo da 500 miliardi per assistere la ripresa dei paesi più colpiti è in apertura, lunedì, per Tg La7; sempre lunedì Tg5 e Tg2 aprono sugli attacchi di Trump all’OMS, accusata di essere troppo influenzata dalla Cina. L’evoluzione del contagio negli Usa, ma anche i rapporti conflittuali con Russia e Cina, sono seguiti da tutti nel corso della settimana, con Tg3 e Tg La7 che evidenziano nei servizi le debolezze del sistema americano ed il calo dei consensi di Trump. Le nuove operazioni militari in Libia, con l’accusa rivolta alla Russia di aver fornito 8 aerei da caccia ad Haftar, sono assenti dai titoli e si ritrovano solo nei servizi dei Tg Rai di giovedì.

Da segnalare in chiusura la battaglia solitaria che Tg4 conduce contro le nuove piste ciclabili a Roma e, soprattutto, Milano, ritenute problematiche sia per la circolazione sia per gli interessi dei commercianti. Altre testate, tra cui Studio Aperto, invece, apprezzano l’aumento nell’uso della bicicletta da parte degli italiani.

 

Ultime notizie
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse