Campagna elettorale e scuola nella settimana sui Tg

Il prime time diviso tra scuola ed elezioni. Von Der Leyen: supereremo Dublino. Bielorussia, Tg2 “copre” l’astensione della Lega. Caivano e Como, nei Tg la cronaca che interroga le coscienze.

I Tg dal 14 al 18 settembre – La settimana dell’informazione presenta un quadro assai variegato nelle aperture. Il clima di campagna elettorale, con il doppio appuntamento del 20-21 settembre, non condiziona più di tanto le edizioni: solo 5 aperture, e primo titolo venerdì per Tg1, Tg5 e Studio Aperto. Molto presenti, comunque, i principali leader dei partiti, con News Mediaset che venerdì interpella Di Maio, mentre Tg La7 raccoglie in settimana gli interventi dei maggiori esponenti, chiudendo con una doppia intervista a Salvini e Zingaretti.

La ripresa della scuola in 13 regioni ha raccolto, nel complesso, maggiore interesse rispetto all’appuntamento elettorale: 5 le aperture di lunedì, e numerosi servizi ed interventi nel corso della settimana che indagano l’evolversi di una situazione complessa, tra denunce e soluzioni inventive.

Tra martedì e giovedì l’attenzione del prime time si è concentrata sui temi europei, con lo scontro sul Mes e la presentazione del “piano italiano di ripresa e resilienza” per accedere al Recovery Fund. Il lungo discorso della presidente Von Der Leyen è, mercoledì, titolo per tutti, con News Mediaset che intervista “in differita” la leader europea, anche se solamente il Tg3 enfatizza fin dai titoli le novità avanzate dalla Presidente della Commissione, che ha prospettato il superamento del trattato di Dublino. Su un altro fronte, il voto del Parlamento Europeo di giovedì che approva le sanzioni contro la Bielorussia guidata da Lukashenko, è nei titoli per Tg3, Tg1 e Tg La7, e nei servizi per il Tg2, che a differenza delle altre testate “sorvola” sul fatto che la Lega si sia astenuta sulla risoluzione, di fatto rifiutando di sostenere la condanna al dittatore. Per la testata di Sangiuliano, giovedì è invece meritevole di titolo l’aumento dell’occupazione statunitense. 

L’andamento dei contagi, con la forte crescita in Francia, Regno Unito e con Israele che torna in lockdown, preoccupa le testate e torna ad occupare alcune aperture. A scuotere il pubblico del prime time come la scorsa settimana sono state, però, due ulteriori vicende di cronaca che hanno visto nella loro trattazione l’emergere degli orientamenti delle testate. I fatti di Caivano, dove un fratello ha investito sua sorella causandone la morte, per punirla per una relazione con un transessuale, sono stati seguiti da tutti, ed in apertura per Tg3 e Tg La7, con le testate Mediaset che hanno intervistato il compagno della vittima. Più in basso nelle scalette, ma comunque presente, l’omicidio di don Roberto Malgesini a Como, ad opera di un migrante tunisino affetto da disturbi psichici, con Tg2 che vi dedica due aperture tra martedì e venerdì. Prosegue nei servizi l’attenzione al caso di Willy Monteiro, con i Tg Mediaset che denunciano come i membri del branco sono risultati beneficiari anche del reddito di cittadinanza, mentre Tg3 propone venerdì le manifestazioni della comunità degli italiani di origine africana in ricordo della vittima. In ultimo, le inchieste che hanno coinvolto commercialisti vicini alla Lega restano oggetto di alcune titolazioni di Tg3 e Tg La7, e sono presenti nei servizi dei Tg Rai (Tg2 compreso). Solo Tg4 segnala in settimana le evoluzioni sul caso Palamara, che sabato è stato espulso dall’Anm.

Il tema migrazioni è stato assente nei titoli. Le operazioni di soccorso in mare che hanno riguardato diversi barconi, e le scene drammatiche dei 70 migranti che giovedì, dopo giorni di permanenza sulla Sea Watch, si sono gettati in mare nel tentativo di raggiungere le coste palermitane, figurano solo nei servizi dei Tg Rai. Le annunciate dimissioni del premier libico Serraj, che prospettano un’ulteriore modifica di scenario, non sono state oggetto di alcuna attenzione.

 

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse