Conte contro Salvini e Meloni, ma il 90% delle aperture dei Tg è per i bollettini

La settimana appena passata è stata caratterizzata dal riesplodere delle tensioni tra i partiti. Gli scontri, già accesi martedì attorno al Cura Italia ed al nuovo decreto per le imprese da 400 miliardi, si fanno al “calor bianco” dopo l’esito del vertice europeo, e si consumano in “diretta nazionale” con l’intervento del premier Conte che, di fronte ad un pubblico di oltre 10 milioni di telespettatori, ha accusato Meloni e Salvini, di “dire falsità”. L’analisi del’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 6 al 10 aprile.
La gravità di questi scambi, che portano persino Mentana a commentare che avrebbe «volentieri non mandato in onda» quella parte del messaggio, non hanno però al momento modificato l’impostazione dei Tg, con le aperture che restano fisse (30 su 35) sui bollettini della Protezione civile, i cui trend in calo fanno ben sperare. Il ritorno della politica dei partiti ottiene solo 10 presenze nei titoli. Mediaset, sembra procedere su un doppio binario, con la testata di Rete 4 che è l’unica a demolire l’operato del Governo e a sostenere gli attacchi di Meloni e Salvini, e il Tg diretto da Clemente Mimun che risulta assai più conciliante, forse sulla scia delle posizioni di Forza Italia.

Anche sul tema dell’Europa, su cui si sono consumati gli scontri politici più accesi, non si manifestano prese di posizione particolarmente critiche. Il “fallimento” senza se e senza ma del vertice europeo rimane appannaggio dell’opposizione, e non dei Tg. L’unica voce veramente polemica anche in questo caso è quella di Tg4 che, dopo aver derubricato i decreti del Governo a “promesse non mantenute”, venerdì apre sullo “schiaffo dell’Europa” al nostro Paese. Tg4 offre comunque spazio a chi, come il deputato Iv, Gennaro Migliore, rifiuta questo giudizio, invitando a distinguere tra i risultati già ottenuti dalle Istituzioni dell’Unione, e il lavoro che ancora manca. Comunque, l’effetto complessivo sembra essere quello di una Unione europea distante dai problemi reali, come emerge dal sondaggio del Tg La7 di lunedì, che vede un calo nella fiducia delle Istituzioni comunitarie, dal record del 42% del 2019 al 27% del 2020.

L’impegno fondamentale del prime time anche la scorsa settimana rimane quello di contribuire a ridurre il contagio. “Restiamo a casa” è l’invito pressante che ciascuna testata declina attraverso voci sia istituzionali che espressione della società civile. News Mediaset invia i suoi giornalisti per le strade di Milano, a denunciare gli assembramenti, i mancati controlli e persino a compiere alcuni “agguati” ai passanti che non rispettano le ordinanze. La vocazione del prime time alla “cronaca di guerra” è tale che il crollo del ponte ad Aulla, che in altre fasi sarebbe stata notizia d’apertura per tutti, mercoledì sera non conquista le edizioni (titoli bassi, e apertura per il solo Tg2), per poi sparire dai servizi già nelle giornate successive.

Le vittime tra il personale sanitario continuano a ricevere attenzioni ed elogi, con i Tg Rai e Tg5 che giovedì dedicano servizi alla figura del centesimo medico caduto nella guerra al Covid-19. Altre morti, quelle degli anziani nelle Rsa della Lombardia, vengono ampiamente riprese e discusse, con la sorprendente eccezione del Tg4, che tra martedì e venerdì ne fa menzioni sporadiche. Molto spazio per i Tg Rai e Tg La7 al caso del Pio Albergo Trivulzio, ma anche alle indagini riferibili all’ospedale di Alzano, nella bergamasca, quasi assenti dai Tg Mediaset. La7 segnala giovedì i dati Istat che riportano un drammatico aumento dei decessi in diversi piccoli centri del Nord Italia, dovuti quasi certamente alla diffusione del Covid, e che quindi interrogano sulla validità dei dati ufficiali finora forniti.

Tg5, giovedì, dedica la copertina ai primi 31 giorni di misure restrittive, mentre Tg2 propone in apertura, venerdì, la testimonianza di alcune suore di clausura, per le quali pressoché nulla è cambiato; Tg1 sceglie, giovedì, di ringraziare le tante professioni “invisibili” (cassieri, netturbini, trasportatori, ecc.) che permettono al nostro Paese di funzionare anche in piena crisi.

Il tema dei migranti – dominante nel palcoscenico della comunicazione della precedente stagione politica – ha perso chiaramente di centralità, tanto più in tempi di pandemia, fino al punto che la decisione in settimana di dichiarare “porti non sicuri” gli approdi italiani e chiudere allo sbarco dei migranti, non crea dibattito politico, e tanto meno riceve attenzione nel prime time: solo una menzione nei titoli del Tg4 e pochi servizi, sempre per le testate Mediaset (maggiori spazi nel corso del weekend per tutti).

 

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu