Metafore per l'Italia

Dominio delle coscienze: uno stato di guerra permanente per definire la mappa dei poteri

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.

Il rapporto informazione-formazione dell’opinione è strutturalmente legato alla teoria e alla prassi della democrazia. Sappiamo che i processi democratici e conseguentemente la libertà sono intrecciati con i processi informativi: una informazione distorta, condizionata o inquinata è il segno più inquietante del venir meno della democrazia e della libertà.

«L’esercizio delle libertà civili, il rafforzamento del costume democratico, l’elevazione della qualità della vita sociale e culturale si fondano su un sistema di informazioni libero, pluralistico, saldamente legato alla dialettica civile e sociale di un paese. Tra le varie funzioni svolte dalla comunicazione di massa appare dunque essenziale, sul piano politico, sociale e culturale, quella informativa, in quanto indispensabile a soddisfare i bisogni di conoscenza, le esigenze di partecipazione, i diritti e i doveri di controllo dei cittadini: è l’informazione che consente il contatto con la vita reale, il libero confronto delle idee, l’approfondimento del dibattito sui problemi comuni ed è l’informazione che fornisce il primo contributo all’educazione e alla promozione culturale. Per questo oggi, con lo sviluppo del sistema democratico, viene riconosciuto, accanto al diritto di informazione, il diritto dei cittadini ad essere informati» (A. Zanacchi).

Disporre di una informazione corretta significa disporre degli elementi essenziali che permettono un’attenta valutazione delle situazioni e favoriscono l’espressione di decisioni ragionevolmente fondate. Nel momento in cui ci troviamo a vivere nel “villaggio globale”, nel tempo che permette la diffusione planetaria e in tempo reale di tutte le conoscenze possibili, dovremmo essere in condizioni eccezionalmente favorevoli per operare le nostre decisioni. Tuttavia, è sempre più evidente l’intreccio tra il possesso di informazioni e la gestione del potere. «La conoscenza e i sistemi di comunica- zione non sono asettici o neutrali dal punto di vista del potere. Ogni “fatto” utilizzato negli affari, nella vita politica e nei rapporti umani di tutti i giorni deriva da altri “fatti” o assunti che sono stati foggiati, deliberatamente o no, dalla struttura di potere preesistente. Ogni “fatto” affonda quindi le sue radici nel potere passato e influisce su quello futuro: ha un impatto, grande o piccolo, sulla futura distribuzione del potere» (A. Toffler).

Per questa ragione il campo dell’informazione è in perenne stato di guerra, per ridefinire continuamente la mappa dei poteri a favore di questo o quel gruppo politico o economico, a seconda degli equilibri che via via si manifestano. Il risultato che con tale guerra si intende raggiungere è l’affermazione di un gruppo di potere e, conseguentemente, il dominio (presunto) delle coscienze.
(1995)

Ultime notizie
Attualità

Natale e tanta voglia di leggerezza

Fare shopping è la parola d’ordine nei primi giorni di cauta (ufficialmente: molto cauta) apertura di negozi ed esercizi commerciali. Il Natale...
di Angelo Perrone*
Cultura

Musica, la riscossa del vinile: cresce il mercato degli LP

Musica, il vecchio LP continua a registrare un interesse senza precedenti, tanto che nell’industria americana i ricavi degli album in vinile rappresentano il 62% dei ricavi totali dei supporti fisici, vale a dire 232 milioni di dollari.
di Ilaria Tirelli
Vincenzo Macrì

Maxi riclaggio da 500 miliardi di euro, come le mafie condizionano l’economia mondiale

  Il quotidiano on line Corriere della Calabria del 27 novembre scorso pubblica un articolo a firma Pablo Petrasso che riferisce i risultati...
di Vincenzo Macrì
Europa

Povertà: ancora troppo grande il numero di senzatetto, 700mila solo in Europa

700mila persone in Europa vivono in strada e ogni notte sono costrette a cercare ricoveri di fortuna,. Oggi la disponibilità nei centri di accoglienza è ridotta, a causa del distanziamento reso necessario dalle misure sanitarie in atto contro il Covid.
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Dov’è finito il Sud?

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.   Lo “spirito...
di Gian Maria Fara
Cosa vuol dire Mafia?

Cosa vuol dire Mafia? Dialogo con Marisa Manzini, procuratore aggiunto di Cosenza

Per cominciare a comprendere la complessità di un tessuto civile e sociale come quello calabrese, abbiamo dialogato con Marisa Manzini, Procuratore aggiunto della Procura di Cosenza. L’intervista è contenuta nella rubrica “Cosa vuol dire Mafia? Dialoghi sulla legalità” a firma di Sergio Nazzaro
di Sergio Nazzaro
Diritto

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Le multinazionali del Web godono di una non più ammissibile omessa tassazione dei loro miliardari profitti. Per affrontare fenomeni come quello della tassazione dell’economia digitale occorre adottare una nuova prospettiva.
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*