Metafore per l'Italia

Dominio delle coscienze: uno stato di guerra permanente per definire la mappa dei poteri

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.

Il rapporto informazione-formazione dell’opinione è strutturalmente legato alla teoria e alla prassi della democrazia. Sappiamo che i processi democratici e conseguentemente la libertà sono intrecciati con i processi informativi: una informazione distorta, condizionata o inquinata è il segno più inquietante del venir meno della democrazia e della libertà.

«L’esercizio delle libertà civili, il rafforzamento del costume democratico, l’elevazione della qualità della vita sociale e culturale si fondano su un sistema di informazioni libero, pluralistico, saldamente legato alla dialettica civile e sociale di un paese. Tra le varie funzioni svolte dalla comunicazione di massa appare dunque essenziale, sul piano politico, sociale e culturale, quella informativa, in quanto indispensabile a soddisfare i bisogni di conoscenza, le esigenze di partecipazione, i diritti e i doveri di controllo dei cittadini: è l’informazione che consente il contatto con la vita reale, il libero confronto delle idee, l’approfondimento del dibattito sui problemi comuni ed è l’informazione che fornisce il primo contributo all’educazione e alla promozione culturale. Per questo oggi, con lo sviluppo del sistema democratico, viene riconosciuto, accanto al diritto di informazione, il diritto dei cittadini ad essere informati» (A. Zanacchi).

Disporre di una informazione corretta significa disporre degli elementi essenziali che permettono un’attenta valutazione delle situazioni e favoriscono l’espressione di decisioni ragionevolmente fondate. Nel momento in cui ci troviamo a vivere nel “villaggio globale”, nel tempo che permette la diffusione planetaria e in tempo reale di tutte le conoscenze possibili, dovremmo essere in condizioni eccezionalmente favorevoli per operare le nostre decisioni. Tuttavia, è sempre più evidente l’intreccio tra il possesso di informazioni e la gestione del potere. «La conoscenza e i sistemi di comunica- zione non sono asettici o neutrali dal punto di vista del potere. Ogni “fatto” utilizzato negli affari, nella vita politica e nei rapporti umani di tutti i giorni deriva da altri “fatti” o assunti che sono stati foggiati, deliberatamente o no, dalla struttura di potere preesistente. Ogni “fatto” affonda quindi le sue radici nel potere passato e influisce su quello futuro: ha un impatto, grande o piccolo, sulla futura distribuzione del potere» (A. Toffler).

Per questa ragione il campo dell’informazione è in perenne stato di guerra, per ridefinire continuamente la mappa dei poteri a favore di questo o quel gruppo politico o economico, a seconda degli equilibri che via via si manifestano. Il risultato che con tale guerra si intende raggiungere è l’affermazione di un gruppo di potere e, conseguentemente, il dominio (presunto) delle coscienze.
(1995)

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione