Europee, “telecampagna” elettorale con un assente eccellente: l’Europa

Una campagna elettorale “diesel” a lentissima accensione e un’agenda politica priva di grandi argomenti attorno ai quali dibattere; su tutti, un illustre assente: l’Europa, appunto. Dei temi marcatamente europei si è parlato poco o per nulla, nelle settimane precedenti al voto che, all’indomani del 26 maggio, ci consegnerà il rinnovo del Parlamento europeo.
È quanto emerge dall’analisi realizzata, in modo congiunto, dall’Osservatorio Tg dell’Eurispes e dall’Osservatorio Mediamonitor Politica del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza Università di Roma. La ricerca ha monitorato i temi di apertura dei Tg di primetime e l’informazione dei maggiori talk show, di approfondimento politico e di infotainment.
Le prime due settimane di campagna elettorale (29 aprile-12 maggio) sono state dominate dal “caso Siri” e da alcuni episodi di cronaca nera – la sparatoria di Napoli e il ferimento della piccola Noemi, i misfatti della baby gang di Manduria e il caso di violenza ai danni di una donna di 36 anni a Viterbo.
In particolare, il “caso Siri” è stato oggetto del contendere tra le due maggiori forze politiche. Uno scontro che idealmente si salda all’onnipresente tema “scontro Lega-M5S” e costituisce, almeno nell’agenda dei talk, il primo tema della puntata per quasi la metà delle occorrenze.
Per quanto riguarda la cronaca, il ferimento di Noemi – dopo un primo tentativo, da parte della politica, di trasformarlo in un tema da campagna elettorale – nel giro di qualche giorno ha perso peso ed è rientrato negli “altri casi di cronaca nera”, superato in numero di aperture dalla violenza sessuale perpetrata da due esponenti di CasaPound nei confronti di una donna di 36 anni a Viterbo; dal brutale omicidio di un pensionato da parte di una baby gang a Manduria; dalle declinazioni, in termini di accoglienza o respingimento, della vicenda della casa popolare di Casal Bruciato assegnata a una famiglia rom.
I risultati relativi alla terza settimana di campagna (13-19 maggio) offrono qualche speranza in più circa la qualità dell’informazione politica in televisione. La necessità di riempire il vuoto della polemica sul Sottosegretario leghista ai Trasporti, Armando Siri, consente, tanto nei Tg quanto nei talk, di gettare il seme di una discussione che diviene sempre più importante in termini di presenza nei titoli e nelle aperture delle trasmissioni di approfondimento: l’economia. Questo tema si declina, in particolare, nel dibattito sull’aumento dell’Iva e la copertura delle manovre economiche, come “quota 100” e “reddito di cittadinanza”.
Lo scandalo della “nuova Tangentopoli” ha orientato per diversi giorni l’agenda mediatica, e c’è stato il rischio che il “passo” della campagna elettorale venisse dettato dalle vicende giudiziarie che hanno interessato diverse Amministrazioni regionali e comunali. Ma il pericolo è stato, nei fatti, scongiurato. Il tema “corruzione”, che pure ha conservato una discreta importanza nelle aperture dei telegiornali, non si è tradotto in alcuna riflessione compiuta, ed ha finito con l’occupare un numero di coperture analoghe a quelle dedicate ai capricci del meteo di questo maggio atipico. La mancanza di una qualunque resipiscenza, da parte della politica quanto dell’informazione, la si avverte soprattutto nel talk, dove la riflessione sulla corruzione ha registrato presenze così basse da poter essere aggregata al macro-tema “politica interna”, insieme alle questioni relative a sicurezza e immigrazione; tematiche imperanti in altre stagioni, ma che nell’agenda televisiva di queste europee hanno chiaramente perso di centralità.
Pur in assenza di concreti riferimenti alle politiche europee o ai vincoli di cui l’economia nostrana dovrebbe tenere conto, la presenza significativa nel dibattito mediatico, di quelle che in letteratura sono policy issues ‒ questioni che riguardano direttamente l’applicazione delle politiche di Governo e gli effetti che queste possono avere in riferimento alla vita quotidiana dei cittadini – resta comunque un segno di buona salute dell’informazione televisiva. Si discute e si dibatte, ma l’agenda europea non si impone, se non attraverso le parole degli stessi leader che la evocano.

La posta in gioco: la strategia della personalizzazione
Resta sul tavolo un dato sensibile, riconducibile alla copertura mediale della figura di Matteo Salvini. Il Vicepremier non compare solo in riferimento al tema, ormai caratterizzante di questa tornata elettorale, dello scontro tra i due partiti di Governo su questioni politiche come di policy. Ma si declina in termini personalistici, sia nei Tg sia nei talk, in riferimento al rapporto tra la Lega e i sovranisti europei; legame di cui il Vicepremier è senza dubbio il driver, se non altro a livello simbolico. A questo si aggiunge, nei salotti televisivi, il cicaleccio bipartisan a commento del sedicente “movimento dei balconi”, e dell’ironia, soprattutto social, che ha accompagnato la diffusione di alcuni brani del libro-intervista a Salvini.
Il passaggio da una campagna giocata sulla lite di Governo a una campagna giocata sulla personalizzazione ‒ che sembra concretizzarsi in questi giorni nelle diverse strategie di “contro campagna” dal basso, giocate in occasione delle ultime tappe del tour elettorale di Salvini ‒ non avviene però senza conseguenze. In passato, porre la propria persona politica quale “posta in gioco” della campagna elettorale (il riferimento è alla ricerca condotta da Paolo Mancini sulle Politiche del 2006) ha portato buoni frutti. Nell’Italia che ha sostituito l’orientamento populista a quello antipolitico, quali effetti sortirà questa strategia ormai antica?

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città