Eurozona, l’Italia lanci tavolo globale per conciliare pro e contro

L’Unione monetaria europea è nata senza una trattativa che affrontasse tutti i vantaggi e gli svantaggi che ricadono su ciascun Paese, nei vari settori di intervento, consentendo così di ripartire equamente i rischi. «Non abbiamo mai fatto un vero contratto globale, l’Italia si muova adesso con questa prospettiva». A Maurizio Franzini, ordinario di Politica economica alla Sapienza è toccato il compito di provocare il dibattito, al seminario di lavoro organizzato ieri dall’Eurispes presso il Cnel su “I limiti dell’Eurozona e le proposte per superarla”. Coordinati da Carmelo Cedrone, che guida il Laboratorio Europa dell’Istituto di ricerca, e che ha invitato tutti alla massima unità possibile, una trentina fra economisti, diplomatici ed esperti, coadiuvati da esponenti politici, come Pier Paolo Baretta, già sottosegretario all’Economia del governo Gentiloni, e la senatrice del Pd Laura Garavini, hanno discusso per quasi quattro ore attorno al tema.

L’idea di Franzini ha suscitato alcune riflessioni. Quella, ad esempio, dell’ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci, che per molti anni ha rappresentato l’Italia presso l’Unione europea. «Negli altri Paesi approccio e temi sono altri – ha osservato –. Non dimentichiamoci poi che l’Italia ha goduto dal 2012 di iniezioni di liquidità apportate dalla Bce. Occorre completare la governance economica e monetaria». Raffaele Morese, una vita nella contrattazione come sindacalista della Cisl, oggi presidente dell’Associazione Nuovi Lavori, ha definito prioritaria una lotta ai paradisi fiscali che si annidano in Europa, e, quanto al contratto, ha osservato. «Non possiamo presentarci però battendo i pugni sul tavolo, senza un impegno a ridurre il nostro debito».

Nella replica finale, il professor Franzini ha insistito. Ci sono regole che l’Europa si è data, ma che alcuni Paesi non rispettano, come quella del surplus tra esportazioni e Prodotto interno lordo, che non dovrebbe superare il 6 per cento. Germania, Danimarca, Svezia sono invece all’8 per cento, l’Olanda addirittura al 9. Queste infrazioni non consentono ad altri Paesi, come il nostro, di esportare di più, migliorando i conti economici. Non si può essere intransigenti soltanto verso la spesa pubblica. «Per questo – ha concluso l’economista – è preferibile una prospettiva contrattuale ampia, che metta insieme le singole questioni, e non il metodo di affrontarle una alla volta. Solo così si uscirà da una posizione di stallo. Non siamo credibili? Nemmeno la Germania lo è».

I temi del confronto sono stati estesi al cosiddetto “Pilastro dei diritti sociali”, da Luciano Monti, docente alla Luiss di Politiche dell’Unione europea e condirettore scientifico della Fondazione Bruno Visentini. Monti ha ricordato l’iniziativa in questa direzione del Presidente Junker, presa nel settembre del 2015. È importante riconoscere reciprocamente qualifiche e titoli di studio, per favorire un’equa mobilità, o affermare il principio della solidarietà con meccanismi di redistribuzione a favore dei disoccupati, causati dalla crisi. Il docente ha elogiato la proposta del governo italiano di introdurre un sussidio europeo di disoccupazione. Ne ha suggerito però alcune modifiche tecniche, come quella di riferirsi non al tasso di disoccupazione ma a quello di occupazione.

L’accenno alla proposta italiana ha dato a Pier Paolo Baretta l’occasione di ricordarla e riproporla, accogliendo senz’altro le modifiche migliorative: il lancio avvenne nel semestre italiano, resistendo all’opposizione di alcuni Paesi del Nord. «Abbiamo anche costruito un fondo per le vittime da reato bancario – ha ricordato l’ex sottosegretario all’Economia –. Ne abbiamo affidato l’arbitraggio all’Anac, perché la nostra Giustizia è troppo lenta». Baretta si è chiesto se l’attuale Governo abbia intenzione di raccogliere il testimone. «Ma è importante incalzare la discussione, con un gruppo autonomo come il Laboratorio Europa che l’Eurispes ha costruito».

Una relazione ricca di dati e di spunti è stata presentata da Umberto Triulzi, che insegna Politica Economica a Roma Uno. «In Europa sono in calo gli investimenti in infrastrutture, il 20 per cento più bassi rispetto al periodo pre crisi. Ancora peggiore il quadro italiano: tra il 2005 e il 2015, gli investimenti fissi lordi in Italia sono crollati del 26,3 per cento, per un importo pari a oltre 90 miliardi di euro. Gravissimo anche il nostro tasso di disoccupazione: conta poco che oggi sia calato al 10,9 per cento rispetto all’11,5 del 2017, se pensiamo che nel 2007 era del 6,1 per cento. Solo Grecia e Spagna ci battono».

«Ma non c’è solo la quantità degli investimenti, che è bassa: pesano anche qualità e ritardi. È necessario un grande sforzo di risorse umane, per migliorare tecnicamente la progettazione e bisogna intervenire sulle diverse strozzature temporali. Occorre poi abbandonare il modello di crescita basato sull’indebitamento e raccogliere invece capitali sul mercato interno e internazionale: circa il 15 per cento degli investimenti australiani e canadesi sono realizzati così. In Italia la Cassa depositi e prestiti si è dichiarata d’accordo a coinvestire con la Banca europea degli investimenti».

Enzo Cannizzaro, che insegna Diritto dell’Unione europea alla Sapienza, è stato lapidario: «C’è una sola strada per legittimare l’Eurozona: rivitalizzare il tanto bistrattato Parlamento europeo». Il docente ha parlato del diverso approccio tra Macron e la Merkel sui vari temi dell’Unione, e si è detto preoccupato per il feroce contrasto tra la Cancelliera e il suo Ministro dell’Interno, Seehofer, per esempio sui temi dell’immigrazione (il ministro vuole che la Germania respinga tutti quelli che giungono da altri Paesi dell’Unione). Se il contrasto degenererà in crisi del governo di Berlino, addio Europa. Un brivido, questo, che ha percorso i partecipanti al seminario dell’Eurispes, conclusosi, però, con l’impegno di rivedersi ancora.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili