Eurozona, l’Italia lanci tavolo globale per conciliare pro e contro

L’Unione monetaria europea è nata senza una trattativa che affrontasse tutti i vantaggi e gli svantaggi che ricadono su ciascun Paese, nei vari settori di intervento, consentendo così di ripartire equamente i rischi. «Non abbiamo mai fatto un vero contratto globale, l’Italia si muova adesso con questa prospettiva». A Maurizio Franzini, ordinario di Politica economica alla Sapienza è toccato il compito di provocare il dibattito, al seminario di lavoro organizzato ieri dall’Eurispes presso il Cnel su “I limiti dell’Eurozona e le proposte per superarla”. Coordinati da Carmelo Cedrone, che guida il Laboratorio Europa dell’Istituto di ricerca, e che ha invitato tutti alla massima unità possibile, una trentina fra economisti, diplomatici ed esperti, coadiuvati da esponenti politici, come Pier Paolo Baretta, già sottosegretario all’Economia del governo Gentiloni, e la senatrice del Pd Laura Garavini, hanno discusso per quasi quattro ore attorno al tema.

L’idea di Franzini ha suscitato alcune riflessioni. Quella, ad esempio, dell’ambasciatore Ferdinando Nelli Feroci, che per molti anni ha rappresentato l’Italia presso l’Unione europea. «Negli altri Paesi approccio e temi sono altri – ha osservato –. Non dimentichiamoci poi che l’Italia ha goduto dal 2012 di iniezioni di liquidità apportate dalla Bce. Occorre completare la governance economica e monetaria». Raffaele Morese, una vita nella contrattazione come sindacalista della Cisl, oggi presidente dell’Associazione Nuovi Lavori, ha definito prioritaria una lotta ai paradisi fiscali che si annidano in Europa, e, quanto al contratto, ha osservato. «Non possiamo presentarci però battendo i pugni sul tavolo, senza un impegno a ridurre il nostro debito».

Nella replica finale, il professor Franzini ha insistito. Ci sono regole che l’Europa si è data, ma che alcuni Paesi non rispettano, come quella del surplus tra esportazioni e Prodotto interno lordo, che non dovrebbe superare il 6 per cento. Germania, Danimarca, Svezia sono invece all’8 per cento, l’Olanda addirittura al 9. Queste infrazioni non consentono ad altri Paesi, come il nostro, di esportare di più, migliorando i conti economici. Non si può essere intransigenti soltanto verso la spesa pubblica. «Per questo – ha concluso l’economista – è preferibile una prospettiva contrattuale ampia, che metta insieme le singole questioni, e non il metodo di affrontarle una alla volta. Solo così si uscirà da una posizione di stallo. Non siamo credibili? Nemmeno la Germania lo è».

I temi del confronto sono stati estesi al cosiddetto “Pilastro dei diritti sociali”, da Luciano Monti, docente alla Luiss di Politiche dell’Unione europea e condirettore scientifico della Fondazione Bruno Visentini. Monti ha ricordato l’iniziativa in questa direzione del Presidente Junker, presa nel settembre del 2015. È importante riconoscere reciprocamente qualifiche e titoli di studio, per favorire un’equa mobilità, o affermare il principio della solidarietà con meccanismi di redistribuzione a favore dei disoccupati, causati dalla crisi. Il docente ha elogiato la proposta del governo italiano di introdurre un sussidio europeo di disoccupazione. Ne ha suggerito però alcune modifiche tecniche, come quella di riferirsi non al tasso di disoccupazione ma a quello di occupazione.

L’accenno alla proposta italiana ha dato a Pier Paolo Baretta l’occasione di ricordarla e riproporla, accogliendo senz’altro le modifiche migliorative: il lancio avvenne nel semestre italiano, resistendo all’opposizione di alcuni Paesi del Nord. «Abbiamo anche costruito un fondo per le vittime da reato bancario – ha ricordato l’ex sottosegretario all’Economia –. Ne abbiamo affidato l’arbitraggio all’Anac, perché la nostra Giustizia è troppo lenta». Baretta si è chiesto se l’attuale Governo abbia intenzione di raccogliere il testimone. «Ma è importante incalzare la discussione, con un gruppo autonomo come il Laboratorio Europa che l’Eurispes ha costruito».

Una relazione ricca di dati e di spunti è stata presentata da Umberto Triulzi, che insegna Politica Economica a Roma Uno. «In Europa sono in calo gli investimenti in infrastrutture, il 20 per cento più bassi rispetto al periodo pre crisi. Ancora peggiore il quadro italiano: tra il 2005 e il 2015, gli investimenti fissi lordi in Italia sono crollati del 26,3 per cento, per un importo pari a oltre 90 miliardi di euro. Gravissimo anche il nostro tasso di disoccupazione: conta poco che oggi sia calato al 10,9 per cento rispetto all’11,5 del 2017, se pensiamo che nel 2007 era del 6,1 per cento. Solo Grecia e Spagna ci battono».

«Ma non c’è solo la quantità degli investimenti, che è bassa: pesano anche qualità e ritardi. È necessario un grande sforzo di risorse umane, per migliorare tecnicamente la progettazione e bisogna intervenire sulle diverse strozzature temporali. Occorre poi abbandonare il modello di crescita basato sull’indebitamento e raccogliere invece capitali sul mercato interno e internazionale: circa il 15 per cento degli investimenti australiani e canadesi sono realizzati così. In Italia la Cassa depositi e prestiti si è dichiarata d’accordo a coinvestire con la Banca europea degli investimenti».

Enzo Cannizzaro, che insegna Diritto dell’Unione europea alla Sapienza, è stato lapidario: «C’è una sola strada per legittimare l’Eurozona: rivitalizzare il tanto bistrattato Parlamento europeo». Il docente ha parlato del diverso approccio tra Macron e la Merkel sui vari temi dell’Unione, e si è detto preoccupato per il feroce contrasto tra la Cancelliera e il suo Ministro dell’Interno, Seehofer, per esempio sui temi dell’immigrazione (il ministro vuole che la Germania respinga tutti quelli che giungono da altri Paesi dell’Unione). Se il contrasto degenererà in crisi del governo di Berlino, addio Europa. Un brivido, questo, che ha percorso i partecipanti al seminario dell’Eurispes, conclusosi, però, con l’impegno di rivedersi ancora.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento