Fortnite: chi è Edoardo alias Carnifex, il campione italiano pagato per giocare

È pagato per giocare e lo fa per otto ore al giorno ‒ come accade in un lavoro “normale” ‒ dalla sua cameretta super tecnologica, dove ha allestito una postazione “spaziale”, anzi virtuale. Edoardo Badolato, nome di battaglia Carnifex (che in latino significa “tagliatore di teste”), ha 24 anni, è nato e vive in provincia di Bergamo ed è un campione di eSports. Il suo mondo è quello dei videogames: per giocare al livello professionistico ha lasciato il lavoro in uno studio grafico, ha convinto i genitori che la sua strada era diversa da quella che si erano immaginati, e si è immerso nel mondo dei combattimenti virtuali. Lo scorso mese di luglio ha portato a casa un bottino da 67mila e 500 dollari, arrivando sesto al Campionato del Mondo di Fortnite, che si è svolto a New York; è stato l’unico italiano a classificarsi ed è definito in Rete come uno dei DPS più talentuosi degli ultimi tempi. La vincita dagli States deve ancora arrivare ma Edoardo ha già destinato una parte per un viaggio in Egitto con la sua fidanzata, anche lei appassionata di videogames; il resto servirà per proseguire il suo percorso, convinto più che mai che i tornei dei giochi elettronici competitivi sono il suo futuro. Gioca professionalmente dal 2016, ha militato nella seconda squadra dei Morning Stars, i Black, ed attualmente gioca per i Samsung Morning Stars. Ma cos’è Fortnite e come si gioca? Domanda scontata per gli appassionati, meno per i “comuni mortali”. «Fortnite Battle Royal è un videogame all’interno del quale si combatte facendo fuoco contro qualsiasi cosa si muova, con l’obiettivo di essere gli ultimi a rimanere vivi. Ma il gioco prevede anche una novità: quella di combinare l’azione in combattimento con una meccanica adibita alle costruzioni», spiega Edoardo, che aggiunge: «Mi alleno 8 ore al giorno, utilizzo “mappe” costruite appositamente per esercitare alcune meccaniche del gioco ma utilizzo anche giochi “reali” per esercitare la mira». E l’allenamento fisico quanto è necessario? «Per far funzionare bene la mente è necessario stare bene anche con il corpo: rimango seduto e concentrato per molto tempo, quindi, per assumere posizioni corrette devo tenermi in movimento».
A giocare sono soprattutto ragazzi tra i 13 e i 18 anni, ma sono numerosi anche gli adulti. La maggioranza sono uomini, ma cresce anche la percentuale delle donne appassionate. Ciascuno si collega on line al gioco e incontra coloro che in quel momento stanno cercando una partita. «Non ci sono differenze di sesso, dietro al giocatore virtuale ci può essere chiunque. Anche i portatori di handicap possono giocare: conosco player che giocano con i piedi oppure con alcune parti del viso; oppure persone che sono sulla sedia a rotelle».
Per ottenere la migliore performance, Carnifex ha studiato una postazione personalizzata: «Ho fatto insonorizzare la mia camera in modo da non disturbare gli altri; ho fatto costruire un computer assemblando i pezzi migliori in commercio per ottenere il massimo delle prestazioni; lavoro con due monitor da 24 pollici, mouse e tastiera di gamma, tappetino da gaming molto grande, cuffia con microfono incorporato sedia da gioco, tipo quelle delle macchine da gara». Ma non c’è il rischio di isolarsi dal mondo? «Al contrario, quando sono in Rete sono in contatto con tutti quelli che conosco e che condividono la mia passione. Non mi sono mai sentito isolato perché questo è il mio mondo». Quanto guadagna un player professionista? «La media è intorno ai 2mila euro al mese di stipendio, poi ci sono le vincite e, eventualmente, gli sponsor». Ad organizzare i tornei, che sono generalmente divisi per continenti, sono i creatori dei giochi che detengono i brevetti e mettono in palio cifre, a volte astronomiche. I giocatori diventano professionisti quando vengono contrattualizzati dalle squadre che gestiscono i team: in Italia, quelle professionali sono meno di dieci.
Al momento, nel nostro Paese non esiste una regolamentazione giuridica degli eSports, né è stabilita una loro collocazione sotto l’egida di Istituzioni già esistenti, come hanno evidenziato anche Chiara Sambaldi e Andrea Strata, Direttori dell’Osservatorio permanente su Giochi, legalità e patologie dell’Eurispes, nel volume eSports, un universo oltre il videogioco. «Se gli eSports venissero riconosciuti e considerati sport a tutti gli effetti, l’intero settore potrebbe essere meglio regolamentato e normato. Tuttavia, personalmente mi interessa poco se la gente lo considera uno sport oppure no», commenta Edoardo Badolato.

Ultime notizie
Opinioni e commenti

La stortura dei processi a distanza: la giustizia penale in tempo di pandemia

È sotto gli occhi di tutti la estrema gravità dei problemi di ordine sociale, economico, creatasi a causa dell’esplosione, per larga parte...
di Nicola De Fuoco
Società

Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

La pirateria editoriale costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno. L’ultima frontiera delle frodi informatiche si è realizzata attraverso Telegram, con la creazione di canali sui quali scaricare quotidiani, riviste, musica e film.
di Ilaria Tirelli
Attualità

La lunga marcia verso le politiche

La lunga marcia verso le elezioni politiche del 2023, ha tagliato il primo traguardo del referendum costituzionale e delle regionali. Farà tappa a Roma nel giugno 2021, per assegnare la maglia di Primo cittadino della Capitale e dopo meno di un anno per scoprire il vincitore della corsa al Quirinale.
di Emilio Albertario
Attualità

Scuola, disabilità senza sostegno

Se la didattica a distanza è stata deleteria per molti studenti, ancora di più lo è stata per i ragazzi con disabilità....
di Ilaria Tirelli
Approfondimenti

Sharenting: cari genitori, prima di postare, pensate

Sharenting e troppe informazioni condivise sul web, quali sono i rischi di postare continuamente foto dei propri #figli? Siamo tutti potenzialmente degli over-sharer?
di Susanna Fara
Criminalità e contrasto

Giochi e Banche, tra etica e pubblica sicurezza

Alcune imprese del settore dei giochi lamentano un trattamento discriminatorio attuato dali Istituti di credito per quanto riguarda l’accesso ai finanziamenti con garanzie agevolate previsti dai decreti varati dal Governo.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
Economia

La sfida per ospitare il Tribunale Unificato dei Brevetti è aperta

Milano ci riprova. Dopo aver vinto la sfida nazionale, è ufficialmente la candidata italiana ad accogliere il Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB). I motivi per sostenere la canditatura sono molti.
di Giorgio Fedeli
Lavoro

Lavoro, infortuni e lockdown: in aumento le morti bianche

Gli infortuni, a volte gravi e nella peggiore dei casi anche mortali, costituiscono una delle evidenze più drammatiche dello stato di diffusa...
di Marco Omizzolo
Il punto a Mezzogiorno

Turismo in Calabria, una buona notizia

Il “tutti a casa” aveva fatto temere per il turismo in Calabria, che in questo territorio genera il 25% del Pil. Contro ogni previsione, la stagione, che sembrava compromessa e drammatica, non è stata negativa, anche se i dati parlano di presenze ben lontane dai numeri degli anni precedenti.
di Maurizio Lovecchio*
Attualità

Italia e Spagna: come si sceglie di raccontare una pandemia

Dalla fine del lockdown, in Spagna i media si sono occupati sempre meno dei bollettini quotidiani sulla progressione della pandemia. In Italia, invece, nonostante un numero inferiore di casi, l’attenzione mediatica è rimasta altissima. Il confronto tra due delle testate più importanti, El Paìs e Corriere della Sera, una nostrana e una spagnola, è indicativo di una narrazione diversa della pandemia.
di Roberta Rega