Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

cina-africa-focac

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese. Fondato nel 2000, il FOCAC è alla sua terza grande conferenza internazionale dedicata alla cooperazione tra Africa e Cina verso un destino condiviso. Oltre mille rappresentanti di seicento imprese e istituti di ricerca hanno partecipato alla Conferenza degli imprenditori cinesi e africani per promuovere i rapporti nei campi dell’industrializzazione, del commercio e delle infrastrutture.
Gli investimenti cinesi nel continente africano sono stati massicci: 110 miliardi di dollari nei passati 10 anni. Adesso la Cina s’impegna con altri 60 miliardi nei prossimi tre anni, di cui 15 in crediti a tasso zero, 20 in crediti privilegiati, 10 per un fondo speciale di sviluppo, 5 per finanziare importazioni dall’Africa e 10 miliardi per sostenere investimenti da parte delle imprese cinesi in Africa. Gli scambi tra Africa e Cina hanno già raggiunto i 116 miliardi di dollari nel periodo gennaio-luglio 2018, con un aumento del 19% rispetto allo stesso periodo del 2017, e con la bilancia commerciale quasi in parità.
La grande novità sta nell’intenzione cinese di estendere il progetto infrastrutturale della “Nuova via della seta”, la cosiddetta Belt and Road Initiative, verso il continente africano. E’ stato, infatti, firmato un nuovo piano d’azione per integrare la Belt and Road, al suo quinto anniversario, con l’Agenda 2030 dell’ONU, con l’Agenda 2063 dell’Unione Africana e con i vari piani nazionali di sviluppo dei Paesi africani.
L’Occidente, e in particolare l’Europa, ha fallito miseramente nei rapporti con l’Africa, ancora troppo influenzati da logiche neocoloniali. La Cina, a suo modo, si è impegnata invece per lo sviluppo del continente africano. Certo non lo fa a titolo gratuito e molti aspetti della cooperazione potrebbero essere modificati e migliorati. Non di meno, essa è capace di coniugare gli investimenti con lo sviluppo. Non si tratta di mero accaparramento di terre e di materie prime.
Infatti, le infrastrutture e l’industria manifatturiera sono considerate i percorsi principali della crescita economica del continente. La Cina ha dato un grande contributo in tale direzione: dal 2000 ha costruito in Africa oltre 5mila chilometri di ferrovie e di strade.
Molti africani sostengono che, nell’ambito dell’ampliamento della “Nuova via della seta”, la cooperazione cinese-africana potrebbe affrontare e risolvere alcune sfide fondamentali a favore dello sviluppo e del benessere dei popoli. In Africa, dove 600 milioni di persone non hanno ancora accesso all’energia elettrica, il 40% dei prestiti cinesi già va nel settore della produzione di energia e il 30% nella modernizzazione delle infrastrutture.
L’Occidente, però, accusa la Cina di sfruttare le risorse del continente per attirare i leader africani nella “trappola del debito”, cioè di renderli dipendenti e sottomessi facendoli indebitare con le banche cinesi. In realtà l’UN Economic and Social Council ha recentemente documentato che, in media, i paesi africani hanno un tasso del 32% tra debito pubblico e Pil. Sarebbe del 40% per alcuni paesi produttori di petrolio; un tasso superiore a quello del 25% voluto dal FMI, ma ben al di sotto dei livelli dei paesi occidentali.
Il successo del summit del FOCAC dimostra che questi attacchi non hanno fatto presa. Al contrario.
Nel suo discorso, il presidente Xi ha affermato l’importanza di operare insieme per un mondo multipolare e ha anche affermato che la Cina intende cancellare i debiti di alcuni Stati poveri dell’Africa. Xu Jinghu, inviata speciale per gli affari africani, ha aggiunto che “la Cina non ha aumentato il fardello del debito africano”. Ci sono ragioni complesse dietro la crescita del debito africano, tra cui la caduta dei prezzi delle materie prima che ha ridotto le entrate degli Stati.
La Cina pone molta attenzione alle problematiche del debito dei paesi poveri e di quelli in via di sviluppo. L’autore ne è stato testimone, quando l’anno scorso a Shangai ha rappresentato l’Istituto Eurispes al Forum dei think tank dei paesi BRICS. In particolare, il documento presentato dal Laboratorio di Eurispes, che faceva riferimento alla proposta vaticana per un’iniziativa presso le Nazioni Unite sulla legittimità del debito dei paesi poveri, aveva trovato grande interesse e sostegno soprattutto da parte della rappresentanza cinese.
Molti africani si pongono la domanda: dove sono, invece, l’Europa e gli Stati Uniti quando si parla di investimenti nel continente e del suo futuro di sviluppo, libero dal fardello del debito?

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale