Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

150

Bellezza, arte, pelle e scienza. Poker d’assi per raccontare come siamo nell’epoca del web e dei social.

La pelle come una tela pittorica, che racconta tutto sul nostro vissuto, sulla nostra identità, come un’interfaccia tra l’io e il mondo che dobbiamo imparare a curare per migliorare la qualità della vita e il benessere dell’ecosistema.
Si parlerà di questo tema a Roma il 21 e 22 settembre prossimo in occasione della decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione.

Affascinante la location: si tratta del WE GIL, da poco restaurato, storico palazzo che sorge a Trastevere realizzato nel 1933 da Luigi Moretti, testimonianza dell’architettura razionalista. L’originalità di un appuntamento ormai consolidato che mette in campo una community di studiosi di caratura internazionale è individuabile nel binomio tra arte e dermatologia. «La Pelle ‒ spiega il direttore scientifico e curatore della manifestazione Massimo Papi, dermatologo che per tanti anni ha operato presso l’IDI di Roma, Istituto riconosciuto come un’eccellenza mondiale del settore ‒ è come una tela che racconta il nostro tessuto esistenziale. Così come i pittori studiano a fondo l’anatomia per sviluppare un motore narrativo e trasmettere un messaggio che possa restare eterno, alla stessa maniera chi si occupa di malattie della pelle, non può fare a meno di conoscere quella sintassi dell’immagine che ha reso celebri i grandi esponenti della storia dell’arte se vuole migliorare la qualità e la precisione delle sue diagnosi. DermArt coltiva proprio questo incrocio di saperi nella costante ricerca di un codice universale di studio e di comunicazione».

Ospite d’eccezione: Samir Zeki che con i suoi studi ha aperto la strada della Neuroestetica. Tra i pionieri degli studi moderni sul cervello visivo, docente di neurobiologia all’Università di Londra, Zeki sarà intervistato da Ludovica Lumer, su un tema intrigante: il rapporto tra scienza e bellezza. Lo scienziato che ha pubblicato in Italia per Bollati Boringhieri La visione dall’interno e con la stessa Lumer La bella e la bestia: arte e neuroscienze (ed. Laterza) cercherà di far comprendere a un pubblico, negli anni sempre più numeroso, di medici, ricercatori, studenti ed appassionati, quanti passi avanti dovrà ancora fare la ricerca per comprendere la fitta trama di connessioni che lega mente, cervello e fisiologia della visione. «Ci continuiamo a illudere di vedere con gli occhi ‒ commenta il settantasettenne studioso nato in Turchia ‒ in realtà è tutto molto più complesso di quello che pensiamo. Vermeer, Michelangelo, le celebri “pipe” surreali di Magritte, richiedono una valutazione neurobiologica; oltre all’estasi della visione c’è uno studio analitico dei gangli cerebrali che presiedono all’attività dello sguardo responsabili della produzione di quel senso di estasi che ci fa dire: questo è un capolavoro!». A pensarci bene, di fronte alla Pietà o a una tela del Caravaggio, i meccanismi che si innescano nell’osservatore mettono in moto fatti organici, ma anche spirituali e metafisici difficili da valutare e misurare.

E la dermatologia in questo magmatico àmbito di ricerca? È la scienza che si muove in questo territorio stimolante e accidentato di forme, simboli e colori, dove nessuna risposta può essere definitiva. Se consideriamo l’esposizione costante dei corpi (denunciata molto bene in un saggio di Giorgio Agamben L’uso dei corpi, ed. Neri Pozza) alla straripante moda, diffusa soprattutto tra i più giovani, dei tatuaggi (cui sarà dedicata una sessione di studi) “artistico arredo singolare della nudità”, dettati da un bisogno di riaffermare un’identità, possiamo comprendere l’utilità e l’efficacia di un approccio multidisciplinare aperto, tollerante, flessibile, in cui il medico dialoga con lo storico dell’arte e le neuroscienze, per ampliare il fronte delle conoscenze.

L’edizione di quest’anno darà molto spazio alla dermatologia sul web, una vera sfida per gli operatori del settore incentrata sul confronto tra le procedure tradizionali e quelle praticate utilizzando i nuovi strumenti tecnologici. «Oggi – precisa Papi – spesso viene richiesto dai pazienti di fare delle diagnosi su malattie della pelle, su immagini inviate tramite WhatsApp. Bisogna avere dimestichezza con lo strumento per rispondere con tempestività e competenza». Uno spazio importante sarà dedicato all’eye tracking in dermatologia e ai segni della violenza sulla pelle trattati attraverso alcune testimonianze. L’attualità sbatte in faccia corpi offesi e sacrificati, che si mescolano a superfici vellutate e accattivanti. La fisicità viene oltraggiata fino al sacrificio o, in totale contraddizione, innalzata come un vessillo nella ricerca dell’eterna giovinezza. Dalla morte di Aylan disteso su una spiaggia turca alla farfalla di Belen, amore e morte, si mescolano in una oscillazione drammatica che contiene tutto il declino di un Occidente in crisi di valori.

DermArt cercherà di stimolare una riflessione a partire dai segnali che arrivano dall’attualità della cronaca. Toccherà a Vittorio Maria De Bonis, storico dell’Arte conosciuto dal grande pubblico per le sue lezioni televisive, riassumere nel suo intervento “tracce”, “temi” e “soggetti” a valle della due giorni che vuole, almeno negli intendimenti degli organizzatori, risultare utile anche in termini di proposta al decisore politico. È infatti evidente che la prevenzione, insieme alla conoscenza più approfondita delle patologie della pelle, potrà aiutare a correggere tanti comportamenti scorretti, consentendo di attuare un’azione di saving e di riduzione dei costi in àmbiti strategici come la Sanità e il diritto alla Salute.

Ultime notizie
Osservatori

Farmaci e prestazioni inutili, colpa della medicina difensiva. Ma è davvero così?

Malasanità ed errori sanitari: a due anni dall'entrata in vigore della legge Gelli abbiamo raccolto l'opinione dell'avvocato Franco Di Maria, membro dell'Osservatorio Salute, Legalità e Previdenza dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione