Il Conte bis alla prova dei Tg. L’esordio nell’informazione di primetime

Nella giornata di Giuseppe Conte e della crisi di Governo che si dipana, l’Osservatorio Tg dell’Eurispes e della Sapienza Università di Roma, saggia l’atteggiamento dei Tg di primetime. Come è stata accolta, giovedì 29 agosto, la decisione del Quirinale di affidare al Premier uscente, Giuseppe Conte, l’incarico per la formazione di un esecutivo M5S-Pd?

Partiamo dai numeri. Nella serata del 29 agosto i Tg (Studio Aperto non è andato in onda) hanno raccolto poco più di 12,2 milioni di spettatori. Si tratta di ascolti modesti ed in linea con i giorni precedenti (mercoledì 28 le 7 edizioni avevano fatto registrare 12,8 milioni di spettatori, di cui 570mila provenienti da Studio Aperto). I numeri del primetime risultano, infatti, sempre più in calo, e la stagione estiva è quella in cui tradizionalmente gli ascolti si assottigliano. Ciò nonostante, è interessante analizzare l’offerta dei Tg, in quanto esiste una discreta fetta di italiani che, non vivendo di “pane e politica”, si informa principalmente, se non esclusivamente, proprio attraverso gli schermi televisivi. Sempre in tema di ascolti, va segnalato che TgLa7 nei giorni scorsi ha conteso il terzo gradino del podio (dopo Tg1 e Tg5) ad un agguerrito Tg2; questo grazie all’“accanimento informativo” che contraddistingue la testata e l’intera Rete su cui Enrico Mentana dispiega le sue “maratone” (9,6% di share mercoledì 28, e ben il 10,8% giovedì 22).

Dai Tg della serata di giovedì, non emerge nulla fuori dall’ordinario: aperture per tutti sul conferimento dell’incarico a Giuseppe Conte, ma nessun editoriale. Ciascuna testata, ovviamente, ripropone le proprie posizioni tradizionali e risponde, almeno in qualche misura, ai rispettivi “editori di riferimento”. Se Tg1 dedica il secondo titolo alle dichiarazioni di Di Maio, giustapposte a quelle del Pd, Tg5 richiama in seconda battuta il “centrodestra unito contro il nuovo esecutivo” , dedicando la sua copertina più alle nuove opposizioni che alla nascente maggioranza giallo-rossa. Tg3, dopo lo spazio a Conte, propone nel secondo titolo le dichiarazioni della coppia Di Maio-Zingaretti, seguite da quelle di Salvini, mentre su Tg4 all’apertura segue il “caos poltrone” ed il “totonomi” dei ministri.

Curiosità particolare nell’osservare l’edizione del Tg2, ribattezzato nell’ultimo anno “TeleVisegrad”. Aspettative deluse, in quanto il taglio risulta molto istituzionale e compassato. Addirittura, il Tg diretto da Sangiuliano propone un’ampia pagina dedicata al nuovo/vecchio Premier, cui si riconoscono alcuni meriti. Presenti tre battute dal quotidiano affondo di Salvini, comunque inserite all’interno dei commenti dello schieramento di centrodestra. Da segnalare, anche in questa occasione, il livello di dettaglio di Tg La7, molto chiaro nello scandire i passaggi più perigliosi del probabile nuovo esecutivo.

Sugli altri temi, si registrano orientamenti noti. La risposta positiva dei mercati al nuovo Governo in formazione, con il calo dello spread, viene ripresa da tutti i Tg, con Tg3 e i Tg Mediaset che rimarcano, nei servizi, la diminuzione del fatturato industriale; mentre Tg1 propone il bicchiere mezzo pieno, dando risalto ai dati sull’occupazione. L’incidente sul lavoro costato la vita a due persone a Matera è nei titoli dei Tg Rai e viene ripreso da tutte le testate.
Altro tema al centro dell’attenzione l’immigrazione, con il caso della Mare Jonio: titolo per Tg3, ma coperture dettagliate per tutti, compreso Tg2. Su questo fronte, la testata di Sangiuliano ha dimostrato nel mese di agosto un atteggiamento meno spalmato sulle posizioni di Salvini, anche se il Ministro degli Interni uscente, giovedì 29, trova spazio proprio nel servizio dedicato alla nave Ong per il post su Facebook in cui prevede l’apertura di un’altra inchiesta ai suoi danni. Questo “shift”, per quanto minimo, sembra risentire della spaccatura registratasi nella redazione di Tg2 nella prima settimana di agosto, proprio per quella che è sembrata un’eccessiva accondiscendenza del direttore verso le posizioni di Matteo Salvini, che aveva generato la protesta di ben 60 redattori della testata.

Nel mutato quadro politico che si prospetta, il nostro Osservatorio sarà attento, fin dalle prossime settimane, a segnalare eventuali (probabili) sommovimenti e assestamenti nelle testate del Servizio Pubblico.

Ultime notizie
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale