Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata.
Detta così, può sembrare un controsenso, ma, come vedremo, non lo è per nulla. La scissione del crimine organizzato colombiano in piccoli clan autosufficienti rende molto più difficile l’azione di contrasto da parte dello Stato. Mentre i clan di vecchio stampo come quello dell’attuale leader degli “Urabeños”, Dario Antonio Úsuga David, detto “Otoniel”, possono essere individuati e indeboliti, i piccoli clan, invece, pur se individuati e distrutti riescono a ricomporsi rapidamente con i clan satelliti che occupano immediatamente la posizione liberata e riprendono le attività criminali continuando i traffici illeciti del precedente gruppo. Tale nuova forma organizzativa funziona molto bene in Colombia e sta prendendo forma anche in Messico. Siamo di fronte a piccoli gruppi criminali intercambiabili rispetto a forze più grandi e di conseguenza più ingombranti e maggiormente visibili. Il crimine organizzato colombiano negli ultimi anni si è dimostrato non solo resistente, ma molto veloce nell’adattarsi alle mutevoli condizioni politiche, economiche e sociali, sfruttando le nuove opportunità con rapidità eccezionale, mentre, la magistratura e le Forze dell’ordine nazionali e internazionali perdono inesorabilmente terreno. È molto probabile che il crimine organizzato colombiano continui la diversificazione del suo portafoglio criminale rafforzandosi anche fuori dai confini nazionali.

In questo momento sta cercando nuovi mercati per la sua preziosissima cocaina, per cui è alla ricerca di nuovi alleati affidabili in Europa. I nuovi trafficanti internazionali di droga provenienti da Medellin, ad esempio, spesso indicati come “narco-juniors” sono i figli, se non addirittura i nipoti, dei trafficanti che un tempo lavoravano con Pablo Escobar. Hanno però un quid pluris rispetto ai loro antenati. Hanno frequentato le migliori scuole della Colombia e ora gestiscono i propri clan come vere e proprie imprese inserite nei mercati economici e finanziari internazionali. Negli anni passati gli strumenti più in voga nei clan erano le armi; oggi, invece, sono gli smartphone e i computer con programmi di crittografia e cifratura internazionali. I nuovi narcotrafficanti sono ben istruiti ed esperti al punto da riuscire ad amalgamare denaro pulito e sporco in un mix spesso irrintracciabile perché ritenuto lecito.
La nuova generazione, molto più esperta, ben finanziata e ben collegata rispetto ai loro predecessori, pur non sembrando, è molto più pericolosa della precedente. Sono questi nuovi clan che in questo momento gestiscono gran parte della cocaina della Colombia con nuovi modelli di azione che ripudiano la violenza. Raramente si sporcano le mani e proprio per questa nuova metamorfosi sono molto difficili da individuare e catturare.

L’unica mafia italiana che ha già avvertito questi cambiamenti e percepito l’esistenza di un nuovo mercato illegale di cocaina nelle Ande è la ’Ndrangheta. Gli uomini della ’Ndrangheta, hanno bruciato tutti sul tempo percependo al volo questo clima di cambiamento in Colombia. Si sono già inseriti nei nuovi equilibri formatisi. A dirla tutta, sono addirittura i nuovi cartelli colombiani a voler creare joint-venture con la ’Ndrangheta perché sanno che tale collaborazione sarà redditizia per entrambe le parti. Per proprio conto, la ’Ndrangheta rafforza la posizione di monopolio nei grandi traffici di cocaina in campo europeo. I colombiani, invece, ottengono dai nuovi soci la possibilità di entrare nel mercato europeo riducendo i rischi al minimo. Questa nuova alleanza, che si viene così a configurare come una cooperazione tra criminalità organizzata straniera e italiana, rappresenta un enorme pericolo per tutta l’Europa. Si ritorna ai vecchi tempi di Pablo Escobar, ma con un nuovo modello organizzativo e un nuovo canale privilegiato in cui gli uomini delle ’Ndrine hanno una posizione di primo piano rispetto a Cosa nostra, Camorra e Mafie pugliesi. Il motivo di questa posizione di privilegio è spiegato proprio dai nuovi “narco-juniors”: la’Ndrangheta è più affidabile perché gli ’ndranghetisti, “non parlano” e “non si pentono”. Il legame familistico li rende invulnerabili e affidabili agli occhi dei clan colombiani emergenti.
Riteniamo che questo nuovo rapporto privilegiato tra cartelli colombiani e ’Ndrine calabresi costituirà presto una grande minaccia criminale, perché nel tempo si consoliderà sempre di più, viste le enormi capacità produttive di stupefacenti dei colombiani che, di fatto, gioveranno agli ’ndranghetisti. Ci sarà, di conseguenza, convenienza reciproca a continuare e a rafforzare questa collaborazione proprio nel settore del traffico internazionale di sostanze stupefacenti.
I due sodalizi criminali, dunque, pur se caratterizzati da differenze, strutturali, storiche e comportamentali, a breve creeranno un nuovo modello criminale molto lucrativo – chi scrive ne è convinto – che, giovando a entrambe le organizzazioni, ne consentirà automaticamente l’evoluzione verso una struttura criminale stabile e globalizzata. Tutto ciò, inevitabilmente, metterà in crisi l’Europa e soprattutto il futuro della sua gioventù.

Vincenzo Musacchio, giurista, professore di diritto penale, associato al Rutgers Institute on Anti-Corruption Studies (RIACS) di Newark (USA) e ricercatore dell’Alta Scuola di Studi Strategici sulla Criminalità Organizzata del Royal United Services Institute di Londra. E’ stato anche allievo di Giuliano Vassalli e amico e collaboratore di Antonino Caponnetto.

Ultime notizie
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola