Il lavoro non è più un approdo

lavoro precarietà

I tanti significati della parola “precarietà”

Non avremmo immaginato che sarebbe diventata una parola sulla bocca di tutti, e con nuovi significati. È quanto accaduto a lei, la “precarietà”, una volta lemma linguistico confinato al mondo del lavoro, inusuale per la maggioranza degli stessi occupati, messi al riparo – con il tempo indeterminato – della variabilità del mercato. Poi il termine è assurto al centro del dibattito pubblico con la globalizzazione (che ha ridotto i posti in gran parte dei paesi europei), e, infine, la pandemia.

Leggi anche

Quando il lavoro c’è, è precario

Se due anni fa, prima del flagello Covid, si registrava la perdita di un milione di posti di lavoro per via delle delocalizzazioni senza regole, alla fine dell’anno scorso con il parziale ritorno alla normalità post pandemica ne erano stati recuperati circa la metà (550 mila), un segno del “rimbalzo” positivo che tutta l’economia italiana sta registrando negli ultimi tempi. Ma, questa la nota dolente, la maggior parte delle nuove assunzioni (circa 80%) è fatta di contratti precari o instabili.

I più penalizzati, nei processi di marginalizzazione sociale, ancora una volta sono le donne e i giovani. Le prime, dopo i periodi di lockdown, scontano la difficoltà a rientrare al lavoro per la mancanza di welfare, gli altri pagano la rottura del patto generazionale da parte degli adulti per l’assenza di politiche del lavoro. Le ricerche più recenti (Fondazione Di Vittorio della Cgil) segnalano che i precari in senso stretto in Italia sono circa tre milioni, mentre una quota quasi analoga (2,7 milioni) ha occupazioni parziali e instabili (part-time involontari) e vivono una condizione analoga.

Questi dati abbassano la media salariale italiana rispetto a quella europea: troppo alta la quota di lavoro povero, sottopagato, occasionale o temporaneo, in generale poco garantito e protetto. La conclusione in termini economici è che 5 milioni di lavoratori hanno salari ai limiti della soglia di povertà (perché inferiore ai 10mila euro lordi). La situazione riflette certo una fase di transizione, ma gli sviluppi sono incerti, e poco chiari.

La sfida delle nuove professioni

Si è indubbiamente a cavallo di un passaggio epocale perché già nei prossimi mesi saranno necessarie nuove professionalità, quelle che servono alla transizione ecologica o alla diffusione del digitale, oppure ancora altre suggerite dalla lotta alla pandemia: sono le attività sanitarie e di assistenza alla persona o alla famiglia che il PNRR dovrebbe attivare a breve. La scommessa aperta però è quella di riuscire a superare l’attuale mismatch, il divario tra le competenze di chi cerca lavoro e quelle richieste da chi lo offre.

È troppo forte lo scollamento fra il mondo della scuola e quello del lavoro, inesistenti i meccanismi per orientare i giovani a studiare materie effettivamente richieste dal mercato, infine per indirizzarli proficuamente una volta terminati gli studi. Ci sono oltre due milioni di disoccupati, ma spesso le aziende non riescono a trovare personale, perché il sistema è inceppato e le responsabilità possono essere equamente distribuite tra tutti gli operatori. Gli stessi aspiranti, poco solleciti ad acquisire nuove competenze, lo Stato indietro nella modernizzazione dei centri per gli impieghi, le stesse aziende, che pur lamentandosi non hanno imparato a muoversi a dovere.

Imprese, la difficoltà di assumere a tempo indeterminato

In ogni caso, la difficoltà di assumere a tempo indeterminato è un segnale di incertezza sui tempi e le stesse possibilità di cambiamento nella società. Molte imprese italiane – non solo chi cerca lavoro – sono impreparate ad affrontare il cambio di mentalità (avverte il Word Economic Forum): diverse figure tradizionali di tipo amministrativo o manifatturiero non supereranno la prova del tempo. Secondo l’ultimo rapporto McKinsey Global Institute, servirà a breve un nuovo mix tra occupazioni e competenze, sarà questo l’impatto maggiore della pandemia sul mondo del lavoro con la ripresa dell’auspicata normalità.

In Italia, una metà degli occupati svolge oggi compiti destinati, entro il 2030, a scomparire del tutto a seguito dell’innovazione tecnologica e dell’automazione (si pensi al settore bancario dove già il cassiere è sostituito dallo sportello automatico, o al campo turistico e commerciale in cui non serviranno più certi intermediari – come agenti di viaggio o di commercio – dopo l’affermazione delle piattaforme digitali di beni e servizi, da Amazon a Booking, a Airbnb). Quanto agli studenti, i bambini, una volta terminati gli studi, affronteranno in larga misura (65%) un lavoro che ancora non esiste e che non siamo in grado di immaginare.

L’era dell’incertezza

Elementi molteplici concorrono a cambiare le condizioni del lavoro e a trasformarne il senso nella vita degli individui, allargando a dismisura il concetto di precarietà. Non solo il lavoro è precario perché non vi sono margini finanziari per trasformarlo in definitivo, e perché la pandemia rende incerto il futuro e condiziona gli investimenti. Ma è (quasi) inevitabilmente, precario, nella società moderna, se essa non è capace di rinnovarsi e di porsi al passo con i tempi.

Il lavoro moderno, almeno per come lo abbiamo conosciuto e praticato, tende ad essere per sé stesso mutevole e provvisorio: difficile – salvo certe mansioni istituzionali – continuare a svolgere le stesse mansioni per sempre, perché le esigenze cambiano e i mutamenti le rendono superflue o irrilevanti. Come non tener conto di questo capovolgimento di orizzonte? Come anche non provare a valutarne le potenzialità?

Non tutto il male viene per nuocere: serve in questa fase imparare a cogliere le novità, saper intravedere il nuovo che nasce e che possiamo volgere a nostro vantaggio. Il lavoro di domani non è più un approdo, un punto d’arrivo dal quale spaziare lo sguardo con serenità o magari con troppa pigrizia. Sarà evenienza auspicabile ed anzi necessaria alla sopravvivenza il posto di lavoro, ma sempre un ponte verso un futuro il cui volto dipenderà dagli altri ma anche da noi. Il nuovo dovrà trovare persone pronte a coglierne le opportunità.

La sicurezza del lavoro nella società di domani rimane un obiettivo imprescindibile ma si dovrà coltivare e rafforzare nella mutevolezza delle situazioni. Obiettivo complicato senza un welfare che dia garanzie, non impossibile, comunque una sfida inevitabile. La nozione di precarietà ha cambiato significati oltre che dimensioni. Si è estesa a molti settori della produzione e dell’economia, indotta dai cambiamenti climatici e dallo stravolgimento da Covid.

L’importanza del capitale umano

Difficile non riconoscere che abbia anche cambiato senso, abbandonando la connotazione lavoristica e diventando condizione esistenziale. È maturata – per necessità – una nuova postura del soggetto verso la realtà. Può darsi che tutto ciò abbia contribuito a rendere credibile la previsione di studiosi come Zygmunt Bauman circa la trasformazione della nostra identità in qualcosa di fluido, di liquido. Però si può andare oltre l’astrattezza di certe definizioni teoriche e coglierne facilmente la concretezza.

Già ora, entrano a far parte del nostro biglietto da visita, insieme ai tradizionali suffissi (dr., prof., ing.), altre informazioni un tempo sottovalutate. Ricerche sui criteri attuali di selezione del personale mostrano che spesso non contano tanto le conoscenze già acquisite, il già definito nel patrimonio culturale del soggetto, ma quelle che si è in grado di fare in futuro. Le potenzialità espressive. La preferenza nelle assunzioni dipende da fattori come la capacità di affrontare problemi nuovi e di farlo interagendo con i collaboratori, non importa se in presenza o da remoto.

Valenze poco significative, quali quelle emergenti dai lavoretti svolti da ragazzi per mantenerci negli studi o da esperienze altruistiche di volontariato, potrebbero trovare sorprendente riconoscimento, perché utili per dimostrare l’attitudine a muoversi in contesti articolati. L’incertezza che soffriamo per via del precariato è notevole ma può riservarci qualche sorpresa positiva. Archiviati molti idoli del passato, il lavoro potrebbe trasformarsi da appiglio esistenziale per la sopravvivenza in occasione di crescita personale, e di instaurazione di nuovi rapporti con gli altri.

*Angelo Perrone, è giurista e scrittore. È stato pubblico ministero e giudice. Si interessa di diritto penale, politiche per la giustizia, tematiche di democrazia liberale. È autore di pubblicazioni, monografie, articoli.

Ultime notizie
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Storia

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day