Guy Standing: precarietà, combattere “otto Giganti”. Il reddito di base in tempo di pandemia

Viaggio nella precarietà sociale: sociologi a confronto. Il pensiero di Guy Standing

Per il sociologo inglese Guy Standing* gli effetti devastanti della pandemia configurano una crisi che ha tutto il potenziale per trasformarsi in una vera e propria depressione pandemica. La profondità della crisi riflette la fragilità del sistema economico che è stato forgiato in quattro decenni di globalizzazione, meglio descritto come il capitalismo dei redditieri (rentier capitalism). Ciò ha reso il sistema globale particolarmente fragile di fronte agli shock ed è destinato a peggiorare notevolmente le conseguenze economiche della pandemia.

Il capitalismo dello stato sociale secondo Polanyi

Standing sostiene questo suo giudizio anche con un richiamo di carattere storico: «La società nel suo insieme si trova in un momento chiave di trasformazione che ci ricorda la tesi sulla grande trasformazione dell’economista Karl Polanyi, quanto mai attuale nella situazione odierna. Polanyi sosteneva che nel XIX secolo e nella prima parte del XX secolo il capitalismo internazionale era dominato dalla finanza e, più specificamente, dal capitale finanziario; che questa situazione aveva avviato un processo di crescenti disuguaglianze e insicurezze la quale avrebbe comportato, come conseguenza, un’autentica minaccia di annientamento della civiltà, sui cui avrebbe influito in particolare la netta distinzione e demarcazione tra economia e società. Secondo Karl Polanyi un’autentica “grande trasformazione” della società, sarebbe stata possibile soltanto perseguendo l’obiettivo di incorporare nuovamente l’economia nel più ampio processo del progresso sociale e di organizzare un capitalismo dello stato sociale, in grado di moderare la portata delle situazioni di insicurezza e disuguaglianza». Questo modello di capitalismo, che si è in parte realizzato nei decenni successivi, sottolinea Standing, è sostanzialmente crollato durante gli anni Settanta del secolo scorso con l’avvio di una trasformazione internazionale diffusa segnata dalla costruzione della cosiddetta economia del mercato globale, promossa e dominata anche culturalmente e politicamente dai neoliberisti e dalla loro agenda di “libero mercato”.

Leggi anche

Il capitalismo del redditiere

«La mia argomentazione – afferma Guy Standing – è che da quel periodo in poi, l’intero processo evolutivo del sistema economico globale si è basato su una grande falsità; cioè sul tentativo di creare un’economia di libero mercato. Il risultato lo dimostra perché in effetti, nella situazione attuale, abbiamo un sistema di economia di mercato che risulta essere il meno libero di quelli mai sperimentati al mondo in precedenza e che può essere definito il capitalismo del redditiere (rentier capitalism)».

Un modello di capitalismo basato su un progressivo sgretolamento della struttura dello stato sociale, fino al limite della sua dissoluzione in certi casi, con il venir meno delle principali forme di protezione dei cittadini; ovvero con il collegamento delle prestazioni di assistenza a metodi orientati al controllo dei comportamenti sociali (ad esempio, assistenza sociale accompagnata da test comportamentali, introduzione di sanzioni punitive nei regimi di welfare, introduzione e/o aumenti delle tariffe di servizio).

Il fatto è che il capitalismo dei redditieri ha creato un sistema economico globale assai fragile, privo di robustezza e resilienza di fronte al ripetersi delle crisi finanziarie. In questo contesto, la pandemia Covid-19 è destinata ad avere un impatto enorme e diffuso a lungo termine sull’economia globale.

La necessità dell’adozione del reddito di base

Per correggere questa situazione e riprendere l’obiettivo di incorporare nuovamente l’economia nel più ampio processo del progresso sociale, per Standing una proposta da sostenere riguarda l’adozione del reddito di base universale come misura in grado di ripristinare condizioni efficaci di uguaglianza sociale, economica ed etica. Un reddito di base inteso come una somma anche modesta ma finalizzata a costruire condizioni minime di sicurezza, consegnata a tutti, uomini e donne, senza vincoli o test o controlli particolari, senza dir loro che cosa fare o non fare. Un tale strumento, che in passato era giustificato da princìpi sostanzialmente etici di solidarietà umana, nell’attuale situazione di radicali trasformazioni indotte dalla crisi pandemica si giustifica piuttosto con i princìpi del progresso economico diffuso, avanzamento sociale, giustizia e libertà.

Agire contro gli “otto Giganti”

Per operare la grande correzione dell’attuale sistema e creare nuove condizioni di progresso equilibrato nei suoi aspetti economici e sociali, secondo Guy Standing è necessario agire contro i Giganti che segnano le grandi debolezze sociali create dal capitalismo dei redditieri. Standing ne individua otto: disuguaglianza, insicurezza, debito degli Stati e delle famiglie, stress, precarietà sociale, automazione, minaccia di estinzione e populismo.

  1. La diseguaglianza: intesa sia come disuguaglianza di ricchezza che disuguaglianza di reddito, considerando che il rapporto tra ricchezza e reddito è aumentato di molto a favore della prima, come dimostra, per esempio, il fatto che la ricchezza finanziaria in possesso di gruppi ristretti di operatori privati sia arrivata a corrispondere anche al 100% del reddito nazionale totale di diversi Stati.
  2. L’insicurezza: quando diventa cronica, come nel caso di una situazione pandemica, è in grado di ridurre l’orizzonte mentale delle persone e la loro capacità di agire. È un fattore corrosivo, che gli Stati hanno il compito di ridurre se vogliono che i cittadini si comportino in modo responsabile.
  3. Il debito degli Stati e delle famiglie: il debito senza precedenti raggiunto in questi anni, risultato non accidentale di un sistema basato sul capitale finanziario, è un elemento che genera comportamenti irrazionali. Milioni di persone oggi vivono sull’orlo di un debito insostenibile: non a caso, infatti, nel 2020 in molti stati il debito delle famiglie era quasi il 200% del reddito pubblico nazionale.
  4. Lo stress: una condizione in cui vivono molte persone durante le crisi, che produce tumori e malattie di vario tipo e, su un altro fronte, genera comportamenti sociali negativi e controproducenti, danneggiando di conseguenza la tenuta del sistema sociale.
  5. La precarietà sociale: non riguarda solo i problemi del lavoro instabile o occasionale, è un fenomeno più ampio che riguarda il sistema dei diritti fondamentali. Si tratta infatti di una falla sociale che non permette alle persone di avere, esercitare, usufruire dei diritti civili, culturali, sociali, economici e politici.
  6. L’automazione: l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale e della robotica sta portando ad un aumento delle disuguaglianze, un effetto che potrebbe essere corretto soltanto attraverso un controllo degli Stati sulle questioni etiche legate all’IA.
  7. La minaccia di estinzione: altra condizione di stress legata alla precaria situazione ambientale, il cui degrado rischia di far perdere valori e beni di grande importanza.
  8. Il populismo: il “mostro politico” incentivato e promosso da una società in cui il precariato e il senso di insicurezza sono diffusi, dove le persone sono stressate, frustrate per le condizioni di disuguaglianza e preoccupate per la loro sopravvivenza.

Secondo Standing: «il reddito di base non rappresenta l’unica soluzione a tutti i problemi precedentemente illustrati e segnati da quella che abbiamo definito come la lotta contro gli otto Giganti ma è una componente essenziale di una nuova agenda lungimirante che, per i prossimi anni, definisca i termini e le condizioni per un reale ed equilibrato avanzamento della società».

Leggi l’articolo in inglese

 *Guy Standing, Professore, SOAS Università di Londra. Co-Presidente Onorario Rete Mondiale sul Reddito di Base (BIEN). Riferimento: Rete Europea SUPI sulla Precarietà Sociale 2022 (Berlino-Roma).  

 **Ida Nicotera, Dipartimento Internazionale Eurispes.  

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città