Ambiente: Recovery Plan, il principio di do no significant harm (DNSH)

Il regolamento che istituisce il Recovery and Resilience Facility (RRF) prevede che nessuna misura finanziata dai PNRR nazionali comporti un danno significativo all’ambiente (Regolamento UE 241/2021, art. 18).

Il principio di do no significant harm (DNSH) ricalca quello in uso nel sistema di tassonomia delle attività ecosostenibili indicato all’articolo 17 del Regolamento (UE) 2020/852. Oltre a costituire uno dei fondamenti del Recovery Plan italiano, è anche una delle principali sfide che la macchina amministrativa si troverà ad affrontare nei prossimi mesi.

Il principio DNSH e gli àmbiti di valutazione

Il principio DNSH trova la sua ragion d’essere negli obiettivi ambientali individuati nel Green Deal Europeo del 2019, che prevede sei àmbiti di valutazione del possibile danno ambientale arrecato da un investimento:

  1. la mitigazione dei cambiamenti climatici, se porta a significative emissioni di gas serra (GHG);
  2. l’adattamento ai cambiamenti climatici, se determina un maggiore impatto negativo del clima attuale e futuro, sull’attività stessa o sulle persone, sulla natura o sui beni;
  3. l’uso sostenibile o la protezione delle risorse idriche e marine, se è dannosa per il buono stato dei corpi idrici (superficiali, sotterranei o marini) determinandone il loro deterioramento qualitativo o la riduzione del potenziale ecologico;
  4. l’economia circolare, inclusa la prevenzione, il riutilizzo ed il riciclaggio dei rifiuti, se porta a significative inefficienze nell’utilizzo di materiali recuperati o riciclati, ad incrementi nell’uso diretto o indiretto di risorse naturali, all’incremento significativo di rifiuti, al loro incenerimento o smaltimento, causando danni ambientali significativi a lungo termine;
  5. la prevenzione e riduzione dell’inquinamento, se determina un aumento delle emissioni di inquinanti nell’aria, nell’acqua o nel suolo;
  6. la protezione e il ripristino di biodiversità e degli ecosistemi, se è dannosa per le buone condizioni e resilienza degli ecosistemi o per lo stato di conservazione degli habitat e delle specie, comprese quelle di interesse per l’Unione europea.

 

L’adesione al principio del DNSH

Gli Stati membri hanno dovuto illustrare la conformità di ogni misura con il principio del DNSH in sede di predisposizione del PNRR, mediante schede di auto-valutazione. Per quel che riguarda le spese rendicontate, sarà necessario dichiararne la rispondenza a specifici requisiti di sostenibilità ambientale, pena la loro inammissibilità.

Il principio aiuta a comprendere quanto l’aspetto ambientale, generalmente identificabile con il concetto di transizione verde, sia alla base del NGEU: se da un lato vi è un obbligo di spesa per le componenti green (il requisito di allocare una quota d’investimento minima dei PNRR verso progetti green, pari al 37%), dall’altro tale aspetto entra trasversalmente in ogni componente, attraverso la rendicontazione dell’impatto ambientale previsto ed effettivamente prodotto.

Leggi anche

La guida operativa della Ragioneria di Stato

Il principio DNSH ha connotato la progettazione e la stesura stessa dei PNRR. Si delinea ora, in fase di attuazione, la necessità di dimostrare la sua rispondenza in itinere, compito non facile se pensiamo alla miriade di Enti attuatori e di Amministrazioni coinvolte sino al 2026.

Gli impegni assunti dovranno essere tradotti in precise avvertenze e monitorati dai primi atti di programmazione della misura fino al collaudo/certificato di regolare esecuzione degli interventi. Per garantire il rispetto del principio, sarà dunque necessario:

  1. un indirizzo nella stesura dei progetti su come dovrà essere dimostrata la corretta adesione al principio;
  2. un monitoraggio del rispetto delle indicazioni nella fase di realizzazione;
  3. una rendicontazione da parte dei soggetti attuatori e il controllo da parte degli organi che dovranno poi trasferire le informazioni alla Commissione Europea, per la fase di verifica e controllo della spesa e delle relative procedure a monte.

Per rispondere a tale bisogno, la Ragioneria di Stato ha pubblicato lo scorso 30 dicembre 2021 una circolare comprendente una specifica guida operativa per assistere le Amministrazioni titolari e i soggetti attuatori degli interventi nel processo di indirizzo, raccolta di informazioni e verifica.

 

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS. 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento