Italia domani: la centralità delle riforme previste dal PNRR

Non soltanto investimenti. Per incrementare stabilmente l’equità, l’efficienza e la competitività del Paese, oltre all’utilizzo delle risorse, le riforme rappresentano una parte cruciale per l’attuazione del Piano. Come affermato nel PNRR, “i Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza sono innanzitutto piani di riforma”. Poiché il Dispositivo di Ripresa e Resilienza non è abbastanza cospicuo da contrappesare i bilanci nazionali, vi è un forte accento sulle riforme, senza le quali la spesa rischia di limitarsi a una spinta temporanea dell’economia con basso effetto moltiplicatore.

Il ruolo delle riforme come spinta agli investimenti

Sta proprio nella capacità di attuare tali riforme la possibilità di avere un impatto significativo e duraturo sul tasso di crescita dell’economia: l’occasione di ripartenza deve mirare, infatti, al superamento di alcuni blocchi e ostacoli all’efficienza e al potenziale di tutto il Sistema Paese, in chiave di riforme sistemiche che in primis l’Europa ci richiede.
Basti pensare al crollo degli investimenti esteri in Italia: la crisi ha infatti generato il peggior crollo degli investimenti diretti esteri dal 2005, portando globalmente il loro valore al di sotto del trilione di dollari[1].

Stabilità giuridica e fiscale: un importante incentivo per investire nel nostro Paese

La stabilità – giuridica e fiscale – costituisce un importante incentivo per investire in un Paese: il privato investe se può contare su un assetto regolatorio chiaro, definito nelle regole del gioco, e su un apparato amministrativo autorevole in grado di bilanciare gli obiettivi di rischio e rendimento ricercati da un investitore privato con le relative grandi responsabilità. In tal senso, aspetti come i costi elevati delle procedure amministrative e di natura fiscale, la lentezza riscontrata nei procedimenti della giustizia civile e amministrativa, l’elevata incidenza della fiscalità sul costo del lavoro, le disparità regionali, la carenza di infrastrutture e di reti, il persistere di fenomeni illeciti quali la corruzione e la criminalità organizzata, rappresentano ancora fattori che ostacolano una significativa accelerazione nei flussi di investimenti nel nostro Paese.

Leggi anche

Il superamento di questi ampi divari rispetto agli altri paesi europei accrescerebbe l’efficienza dell’allocazione delle risorse nel settore produttivo, incentivando anche l’investimento in strumenti finanziari emessi dalle imprese. Come riportato dal Ministro delle Infrastrutture e mobilità, Enrico Giovannini, «Uno Stato sta nel mercato come un’impresa: i risparmiatori investono su un’azienda indebitata purché questa dimostri di essere resiliente, di avere una prospettiva e per questa via di essere in grado di restituire il suo debito». 
È quindi evidente come la piena realizzazione delle riforme previste dal Piano contribuirà inevitabilmente a rilanciare da un lato le attività della Pubblica amministrazione, e dall’altro la catena di investimenti.

Le riforme orizzontali, abilitanti, settoriali previste dal PNRR

Il PNRR prevede tre tipologie di azioni, per un totale di 63 riforme:

  • le riforme orizzontali, trasversali alla struttura del Piano, possono essere definite come innovazioni strutturali dell’ordinamento per migliorare il clima economico del Paese;
  • le riforme abilitanti, che garantiscono l’efficacia e l’operatività del Piano rimuovendo gli ostacoli amministrativi, regolatori e procedurali per le attività economiche e i servizi erogati a cittadini e imprese;
  • le riforme settoriali, specifiche delle Missioni, che hanno lo scopo di efficientare i rispettivi ambiti di azione.

Altre misure devono poi essere considerate per il raggiungimento degli obiettivi generali del Piano, anche se non direttamente ricomprese all’interno del testo, ovvero le cosiddette riforme di accompagnamento, quali ad esempio gli interventi per la razionalizzazione e l’equità del sistema fiscale e per l’estensione e il potenziamento della rete di protezione sociale dei lavoratori.

Il Governo stima un aumento del tasso di crescita potenziale dell’economia italiana dello 0,8%

Rispetto alle 63 riforme previste dal Piano, 22 devono essere approvate o iniziare l’iter entro la fine del 2021, in base al cronoprogramma inviato alla Commissione per l’approvazione del PNRR, a cui il Governo ha aggiunto ulteriori 20 scadenze al fine di facilitare il raggiungimento degli obiettivi. Tramite le riforme e gli investimenti prospettati, il Governo ha stimato un aumento del tasso di crescita potenziale dell’economia italiana di 0,8 punti percentuali (0,5 punti per effetto della maggiore spesa e 0,3 punti percentuali per effetto delle riforme).

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS

[1] Dall’intervento del Ministro dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, durante la Cabina di Regia per l’Internazionalizzazione lo scorso 20 aprile 2021.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa