Italia domani: la centralità delle riforme previste dal PNRR

Non soltanto investimenti. Per incrementare stabilmente l’equità, l’efficienza e la competitività del Paese, oltre all’utilizzo delle risorse, le riforme rappresentano una parte cruciale per l’attuazione del Piano. Come affermato nel PNRR, “i Piani Nazionali di Ripresa e Resilienza sono innanzitutto piani di riforma”. Poiché il Dispositivo di Ripresa e Resilienza non è abbastanza cospicuo da contrappesare i bilanci nazionali, vi è un forte accento sulle riforme, senza le quali la spesa rischia di limitarsi a una spinta temporanea dell’economia con basso effetto moltiplicatore.

Il ruolo delle riforme come spinta agli investimenti

Sta proprio nella capacità di attuare tali riforme la possibilità di avere un impatto significativo e duraturo sul tasso di crescita dell’economia: l’occasione di ripartenza deve mirare, infatti, al superamento di alcuni blocchi e ostacoli all’efficienza e al potenziale di tutto il Sistema Paese, in chiave di riforme sistemiche che in primis l’Europa ci richiede.
Basti pensare al crollo degli investimenti esteri in Italia: la crisi ha infatti generato il peggior crollo degli investimenti diretti esteri dal 2005, portando globalmente il loro valore al di sotto del trilione di dollari[1].

Stabilità giuridica e fiscale: un importante incentivo per investire nel nostro Paese

La stabilità – giuridica e fiscale – costituisce un importante incentivo per investire in un Paese: il privato investe se può contare su un assetto regolatorio chiaro, definito nelle regole del gioco, e su un apparato amministrativo autorevole in grado di bilanciare gli obiettivi di rischio e rendimento ricercati da un investitore privato con le relative grandi responsabilità. In tal senso, aspetti come i costi elevati delle procedure amministrative e di natura fiscale, la lentezza riscontrata nei procedimenti della giustizia civile e amministrativa, l’elevata incidenza della fiscalità sul costo del lavoro, le disparità regionali, la carenza di infrastrutture e di reti, il persistere di fenomeni illeciti quali la corruzione e la criminalità organizzata, rappresentano ancora fattori che ostacolano una significativa accelerazione nei flussi di investimenti nel nostro Paese.

Leggi anche

Il superamento di questi ampi divari rispetto agli altri paesi europei accrescerebbe l’efficienza dell’allocazione delle risorse nel settore produttivo, incentivando anche l’investimento in strumenti finanziari emessi dalle imprese. Come riportato dal Ministro delle Infrastrutture e mobilità, Enrico Giovannini, «Uno Stato sta nel mercato come un’impresa: i risparmiatori investono su un’azienda indebitata purché questa dimostri di essere resiliente, di avere una prospettiva e per questa via di essere in grado di restituire il suo debito». 
È quindi evidente come la piena realizzazione delle riforme previste dal Piano contribuirà inevitabilmente a rilanciare da un lato le attività della Pubblica amministrazione, e dall’altro la catena di investimenti.

Le riforme orizzontali, abilitanti, settoriali previste dal PNRR

Il PNRR prevede tre tipologie di azioni, per un totale di 63 riforme:

  • le riforme orizzontali, trasversali alla struttura del Piano, possono essere definite come innovazioni strutturali dell’ordinamento per migliorare il clima economico del Paese;
  • le riforme abilitanti, che garantiscono l’efficacia e l’operatività del Piano rimuovendo gli ostacoli amministrativi, regolatori e procedurali per le attività economiche e i servizi erogati a cittadini e imprese;
  • le riforme settoriali, specifiche delle Missioni, che hanno lo scopo di efficientare i rispettivi ambiti di azione.

Altre misure devono poi essere considerate per il raggiungimento degli obiettivi generali del Piano, anche se non direttamente ricomprese all’interno del testo, ovvero le cosiddette riforme di accompagnamento, quali ad esempio gli interventi per la razionalizzazione e l’equità del sistema fiscale e per l’estensione e il potenziamento della rete di protezione sociale dei lavoratori.

Il Governo stima un aumento del tasso di crescita potenziale dell’economia italiana dello 0,8%

Rispetto alle 63 riforme previste dal Piano, 22 devono essere approvate o iniziare l’iter entro la fine del 2021, in base al cronoprogramma inviato alla Commissione per l’approvazione del PNRR, a cui il Governo ha aggiunto ulteriori 20 scadenze al fine di facilitare il raggiungimento degli obiettivi. Tramite le riforme e gli investimenti prospettati, il Governo ha stimato un aumento del tasso di crescita potenziale dell’economia italiana di 0,8 punti percentuali (0,5 punti per effetto della maggiore spesa e 0,3 punti percentuali per effetto delle riforme).

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS

[1] Dall’intervento del Ministro dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, durante la Cabina di Regia per l’Internazionalizzazione lo scorso 20 aprile 2021.

Ultime notizie
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane