Tg, l’Italia è il Paese dell’anno secondo The Economist

tg

I Tg dal 13 al 17 dicembre – Il peggioramento del quadro pandemico, con il picco venerdì di 28mila contagi, s’impone all’apertura di buona parte delle edizioni dei Tg di prima serata. Alla preoccupazione per le 7 regioni che da lunedì 20 passano in giallo, si alternano nei servizi i dati positivi sulle vaccinazioni, che da giovedì si allargano alla fascia dai 5 agli 11 anni. Numerosi gli appelli lanciati da Ministri e divulgatori, con Tg5 che, tra giovedì e venerdì, propone due interviste del giornalista Luciano Onder ai Professori Alberto Zangrillo e Beniamino Susi. Trasversalmente, presenti nei servizi gli appelli dei no-vax pentiti. La pagina dedicata al Covid è affollata dai preoccupanti dati della quarta ondata negli altri paesi europei, con il Regno Unito che registra un nuovo record storico di contagiati.

Draghi: difendere la normalità “con le unghie e con i denti

Ad imporsi in prima pagina tra mercoledì e giovedì ritorna (11 aperture) la politica con le dichiarazioni del Premier Mario Draghi, che al Consiglio Europeo ha ribadito la necessità delle nuove misure di screening ai confini, rivendicando la volontà di difendere “con le unghie e con i denti” la normalità conquistata dal nostro Paese e contenere il diffondersi della variante Omicron. Il successo dell’Italia di Draghi, incoronata (giovedì) “paese dell’annodal magazine Economist (in apertura giovedì per Tg2 e Tg5) si collega nei servizi al dibattito sul Quirinale, con il Presidente Mattarella che durante la visita dal Papa riafferma la sua indisponibilità ad un secondo mandato (apertura per Tg 2 e Tg3). Anche il Tg La7 illustra, venerdì, nei titoli la “trappola del plauso internazionale”, che obbliga i partiti a lasciare “Super Mario” al suo posto. Spazio per i Tg Mediaset agli incontri organizzati in settimana da Matteo Salvini, con la rassicurazione da parte del Tg4 che Silvio Berlusconi resta un candidato pienamente legittimo.

Leggi anche

L’informazione dà poco spazio allo sciopero generale

Poco spazio, nel complesso, allo sciopero generale di Cgil e Uil, che giovedì non ottiene alcuna apertura (titoli e servizi, comunque, nella prima parte delle edizioni) mentre guadagna la copertina del Tg5. Spazi ridotti anche ai leader sindacali, con Maurizio Landini che viene intervistato martedì dal Tg4. L’informazione non sembra dare grande peso alle mobilitazioni, ma segnalano che la critica dei sindacati alla manovra ha come obiettivo molto più le forze politiche che l’esecutivo.

Tg4 tuona all’invasione per le modifiche agli accordi di Schengen. Gli occhi di Tg La7 puntati su Lukashenko

Le ipotesi di modifiche degli accordi di Schengen sull’immigrazione, che potrebbero tradursi in maggiori oneri per i paesi di prima accoglienza guadagnano, giovedì, un’allarmata apertura del Tg4, mentre sono fuori dai titoli per le altre testate. Buoni approfondimenti sui migranti bloccati lungo i confini europei anche da parte di Tg1 e Tg2, con Tg3 che dedica un servizio ai salvataggi in mare. Il Tg4 torna, venerdì, a parlare di navi Ong, dando spazio agli interventi di Matteo Salvini nell’ambito del processo Open Arms. La7 si dimostra il Tg più attento verso il fronte dell’Europa orientale, titolando martedì sulla nuova sfida all’Europa del “dittatore Lukashenko”, e venerdì sulla sorprendente proposta russa di un trattato di pace con Usa e Nato, rimanendo sullo sfondo la situazione di tensione con l’Ucraina.

Ravanusa, sconcerto e commozione

La tragedia di Ravanusa, con l’esplosione che ha causato 9 vittime e più di 100 sfollati, raccoglie in settimana diverse titolazioni, con Tg3 che venerdì dedica l’apertura ai funerali. Sui temi economici, da segnalare l’intervento di lunedì del Tg4 che, parlando di “truffa delle ecotasse”, denuncia la disparità tra il numero dei balzelli per sostenere l’ambiente e il totale delle risorse che l’Italia investe concretamente in azioni di miglioramento del territorio. Un quadro più completo sulle voci della spesa pubblica viene proposto, lunedì, dal Tg La7 nel corso del Dataroom di Milena Gabanelli. Prosegue sul Tg2 l’interessante rubrica sui piccoli comuni italiani.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica