Il prime time compatto contro “l’anti-scienza”

prime time

I Tg dal 15 al 19 novembre – L’avanzare della quarta ondata continua a dominare il prime time delle edizioni dei Tg, e raccoglie in settimana ben 27 aperture. Con l’aumento allarmante dei contagi, che anche in Italia raggiungono la quota dei 10 mila giornalieri, l’informazione si concentra sugli scenari delle diverse Regioni e sulla campagna vaccinale, nella speranza che il Paese non debba passare un altro Natale blindato. Altissimi per tutti gli appelli del Presidente Sergio Mattarella, che, venerdì, invita ad ingaggiar battaglia contro “l’anti-scienza” dei no vax. Spazi anche alla voce dei Governatori e degli esperti, con Tg5 che venerdì intervista il Direttore dello Spallanzani di Roma, Francesco Vaia.

Attenzione del prime time per le chiusure in Austria e Germania

A parziale mitigazione delle emergenti preoccupazioni, alcune testate puntualizzano che, da un confronto con lo scenario primaverile, le morti si sono assai ridotte e che la situazione nelle terapie intensive rimane gestibile. Spazio per tutti, martedì, al comunicato dell’Istituto Superiore di Sanità che rafforza questa lettura, parlando di 12 mila vittime evitate grazie ai vaccini. A preoccupare maggiormente sono così gli scenari internazionali, con il nuovo record dei contagi raggiunto in Germania e l’Austria che da lunedì ritornerà in lockdown. Spazio sulle testate Mediaset alle pressioni degli ambienti industriali per l’obbligo vaccinale, mentre diverse Amministrazioni spingono per ulteriori misure di contenimento, soprattutto nelle Regioni che rischiano di tornare “gialle”.

Scontro Renzi-Conte, il leader IV reclama la scena

Spazi ridotti alla politica, con la discussione della manovra che raccoglie solo due aperture (Tg4 e Tg La7). Nei servizi del prime time spazio alle divisioni nella maggioranza, con Italia Viva che su alcuni provvedimenti ha votato assieme alle destre, distaccandosi dalla linea dell’esecutivo e dando adito a nuovi scenari in vista della corsa al Quirinale. A tener banco è inoltre lo scontro a distanza tra Renzi e Conte (titolo lunedì per Tg La7), combattuto a colpi di vicende giudiziarie (caso Open e vicenda dei finanziamenti venezuelani), e che in settimana produce un guadagno netto in termini di visibilità per il leader di Italia Viva, menzionato 14 volte nei titoli e intervistato, venerdì, dal Tg2. Attenzioni assai critiche vengono riservate al Movimento da Tg4 che, per due giornate, dedica l’apertura all’inchiesta sui fondi neri da Caracas, fatti ripresi sempre venerdì anche dal Tg La7. Resta inoltre alta l’attenzione dei Tg Mediaset alle difficoltà della Capitale, governata dal neosindaco Gualtieri; criticato l’incentivo dato ai dipendenti Ama per lavorare “di più” durante le feste di Natale, con Piero Sansonetti che in un editoriale del Tg5 parla di un “premio all’assenteismo”, per poi elencare le mancanze strutturali dell’azienda municipalizzata.

Leggi anche

Profughi, cala l’interesse per il confine polacco. La voce dei migranti su Studio Aperto e Tg3

La drammatica situazione sul confine polacco, dove il gelo ha causato diverse vittime, tra le quali un bambino di un anno, scende a metà edizione per i Tg di serata, e così pure si riducono i riferimenti nelle titolazioni: appena 8 citazioni, nonostante i richiami sia del Premier Mario Draghi, sia del Presidente Sergio Mattarella. Toccanti le testimonianze raccolte, venerdì, dall’inviato di Studio Aperto. Il vertice Italia-Spagna che affronta l’immigrazione dal Mediterraneo non contribuisce a portare i riflettori sugli sbarchi, che figurano solo un paio di volte nei titoli. Buono l’approfondimento del Tg3 che nei servizi di martedì e mercoledì raccoglie le testimonianze di un migrante congolese da tempo integrato e di un’attivista a bordo della nave di una Ong che denuncia la morte di 10 profughi a bordo di un barcone, nell’indifferenza delle motovedette libiche.

Strage di Sassuolo: la necessità denunciare

Maggior spazio sulle scalette per i nuovi casi di femminicidio, su cui spicca la strage di Sassuolo (8 citazioni); giovedì Tg La7 segnala con tristezza come, nonostante le minacce di morte, la vittima non avesse mai denunciato il suo futuro carnefice. Di fronte a quest’ultimo dramma, che ha visto un uomo uccidere la moglie, la suocera ed i suoi due figli prima di suicidarsi, Tg3 raccoglie una riflessione della scrittrice Maria Grazia Calandrone.

L’Italia nel mondo nel prime time 

La mancata qualificazione diretta ai Mondiali del Qatar per l’Italia, che impone alla nazionale campione d’Europa un problematico spareggio la prossima primavera, si traduce in dubbi e domande sulla conduzione dell’allenatore Mancini. Grande soddisfazione, invece, sul fronte della musica, con diverse testate che titolano sugli ulteriori successi internazionali dei Måneskin.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra