Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Crescita o nuove forme di colonialismo?

Google ha da poco annunciato un piano di investimenti da un miliardo di dollari in 5 anni per sostenere la trasformazione digitale in Africa. All’interno del pacchetto di investimenti, anche la realizzazione del cavo sottomarino denominato “Equiano”, già annunciata nel 2019, che collegherà Africa ed Europa con snodi in Portogallo, Nigeria e Sudafrica. Ciò consentirà il miglioramento dell’infrastruttura di cloud computing, velocità Internet più elevate e costi di connettività più accessibili. Un po’ furbescamente, al cavo sottomarino è stato dato il nome di Olaudah Equiano, scrittore e attivista nigeriano schiavizzato vissuto nella seconda metà del Settecento e che acquistò la propria libertà. Ma davvero parliamo di libertà? O siamo di fronte a sofisticati processi alla base di un nuovo tipo di colonizzazione?

Il colonialismo digitale

Per primo, nella metà degli anni Settanta del secolo scorso, Herbert Shiller, aveva descritto il fenomeno dell’eColonialism, o colonialismo digitale, per cui le nazioni più potenti e avanzate sul piano tecnologico avrebbero asservito i paesi poveri e in via di sviluppo attraverso l’importazione «di apparecchiature di comunicazione e software prodotto all’estero». Anche se, in linea con la geografia politica dell’epoca, Shiller immaginava che i colonizzatori tecnologici sarebbero stati quelli appartenenti a nazioni come gli Usa, la Germania e il Giappone; senza conoscere la successiva escalation di grandi potenze come la Cina o l’India, Shiller aveva visto giusto.

Le tecnologie chiaramente hanno il pregio di comportare tutto un substrato di conoscenza, linguaggi non scritti, richiami alla cultura di riferimento, quella che le ha prodotte. Insomma, sono un ottimo veicolo dei concetti di base della cultura di appartenenza del “colonizzatore”.

Leggi anche

Non solo. Oggi, milioni di persone nei paesi poveri o in via di sviluppo, raggiunti in maniera più capillare dalle conoscenze tecnologiche e dalle apparecchiature per entrare nei flussi globali della comunicazione sono essenzialmente dei clienti e insieme una fondamentale risorsa di business. E lo sono su due livelli: il primo, come meri acquirenti, possibili futuri consumatori, anche se ovviamente di un mercato low cost. Il secondo, come produttori di dati che vanno ad arricchire gli infiniti bacini di informazioni che convergono nei big data.

La necessità di normare il mondo del digitale

Dal canto suo, Google ci fa sapere che, dal 2017, ha già formato 6 milioni di giovani africani e imprese nella conoscenza e nell’accrescimento delle competenze digitali. Il gigante del tech ha inoltre sostenuto più di 50 organizzazioni non profit in tutta l’Africa con oltre 16 milioni di dollari di sovvenzioni e ha consentito a 100 milioni di africani in più di accedere per la prima volta ai servizi Internet tramite Android.

Questo è solo uno degli esempi più lampanti di come si stiano muovendo i colossi delle tecnologie avanzate per acquisire nuovi spazi nel mondo, spesso in luoghi e paesi nei quali non vi è una normativa adeguata ad accogliere un sostegno nella crescita che potrebbe diventare anche troppo “invadente”. 

 

 

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra