Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Crescita o nuove forme di colonialismo?

Google ha da poco annunciato un piano di investimenti da un miliardo di dollari in 5 anni per sostenere la trasformazione digitale in Africa. All’interno del pacchetto di investimenti, anche la realizzazione del cavo sottomarino denominato “Equiano”, già annunciata nel 2019, che collegherà Africa ed Europa con snodi in Portogallo, Nigeria e Sudafrica. Ciò consentirà il miglioramento dell’infrastruttura di cloud computing, velocità Internet più elevate e costi di connettività più accessibili. Un po’ furbescamente, al cavo sottomarino è stato dato il nome di Olaudah Equiano, scrittore e attivista nigeriano schiavizzato vissuto nella seconda metà del Settecento e che acquistò la propria libertà. Ma davvero parliamo di libertà? O siamo di fronte a sofisticati processi alla base di un nuovo tipo di colonizzazione?

Il colonialismo digitale

Per primo, nella metà degli anni Settanta del secolo scorso, Herbert Shiller, aveva descritto il fenomeno dell’eColonialism, o colonialismo digitale, per cui le nazioni più potenti e avanzate sul piano tecnologico avrebbero asservito i paesi poveri e in via di sviluppo attraverso l’importazione «di apparecchiature di comunicazione e software prodotto all’estero». Anche se, in linea con la geografia politica dell’epoca, Shiller immaginava che i colonizzatori tecnologici sarebbero stati quelli appartenenti a nazioni come gli Usa, la Germania e il Giappone; senza conoscere la successiva escalation di grandi potenze come la Cina o l’India, Shiller aveva visto giusto.

Le tecnologie chiaramente hanno il pregio di comportare tutto un substrato di conoscenza, linguaggi non scritti, richiami alla cultura di riferimento, quella che le ha prodotte. Insomma, sono un ottimo veicolo dei concetti di base della cultura di appartenenza del “colonizzatore”.

Leggi anche

Non solo. Oggi, milioni di persone nei paesi poveri o in via di sviluppo, raggiunti in maniera più capillare dalle conoscenze tecnologiche e dalle apparecchiature per entrare nei flussi globali della comunicazione sono essenzialmente dei clienti e insieme una fondamentale risorsa di business. E lo sono su due livelli: il primo, come meri acquirenti, possibili futuri consumatori, anche se ovviamente di un mercato low cost. Il secondo, come produttori di dati che vanno ad arricchire gli infiniti bacini di informazioni che convergono nei big data.

La necessità di normare il mondo del digitale

Dal canto suo, Google ci fa sapere che, dal 2017, ha già formato 6 milioni di giovani africani e imprese nella conoscenza e nell’accrescimento delle competenze digitali. Il gigante del tech ha inoltre sostenuto più di 50 organizzazioni non profit in tutta l’Africa con oltre 16 milioni di dollari di sovvenzioni e ha consentito a 100 milioni di africani in più di accedere per la prima volta ai servizi Internet tramite Android.

Questo è solo uno degli esempi più lampanti di come si stiano muovendo i colossi delle tecnologie avanzate per acquisire nuovi spazi nel mondo, spesso in luoghi e paesi nei quali non vi è una normativa adeguata ad accogliere un sostegno nella crescita che potrebbe diventare anche troppo “invadente”. 

 

 

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia