Le start-up tecnologiche stanno cambiando il profilo economico dell’Africa

africa

Le start up tecnologiche stanno cambiando il profilo economico dell’Africa. È qui che si trova quella che viene definita la Silicon Valley del futuro, ovvero un tessuto imprenditoriale composto da più di 600 hub tecnologici concentrati soprattutto in Sudafrica, Egitto, Kenya e Nigeria. Qui una rete di piccole e medie imprese sta trainando la crescita del continente su mercati vasti e promettenti, interni ed esteri. Sempre più start-up tecnologiche vengono progettate in Africa e acquisite da società internazionali. Molte di queste tecnologie sono basate su dispositivi mobili e sono costruite con la volontà di sperimentare nuove tecnologie appetibili per i paesi più sviluppati.

Si tratta di progetti che nascono in realtà complesse, sia per una mancata e diffusa digitalizzazione, sia per la forte instabilità politica presente diffusamente in Africa. I giovani ingeneri e professionisti impiegati operano in realtà sfavorevoli, con connessioni web talvolta inaffidabili, in contesti sociali e sanitari pregiudicanti. Ciò rappresenta un terreno di sfida per i giovani professionisti africani, che vogliono emergere creando opportunità per la propria comunità.

Nelle imprese Tech il futuro dell’Africa

Il Sudafrica è il paese capofila della crescita tecnologica nel continente africano. Nel 2020 nella sola Cape Town erano operative oltre 500 aziende tecnologiche, per un totale di oltre 40.000 realtà progettuali all’interno di queste aziende. Nel rapporto 2021/22 di African Tech Ecosystems of the Future di Foreign Direct Investment (FDI) il Sudafrica è primo nella classifica generale di FDI, che comprende tra i criteri di valutazione il potenziale economico, collaborazione tra imprese e start-up. Oltre ad avere un fiorente ecosistema tecnologico, Cape Town ospita il più antico incubatore tecnologico e di start-up dell’Africa, la Cape Innovation and Technology Initiative (CiTi). Il CiTi è stato importante nel supportare oltre 3.000 imprenditori per oltre due decenni, con Cape Town come fornitore di una rete di capitali di rischio altamente sviluppata.

Un esempio di start-up in ambito sanitario

Questo fiorente tessuto innovativo rappresenta non solo una fonte di investimenti rivolti ai mercati esteri, bensì una possibilità di sviluppo dello stesso continente. In Uganda, il primo laboratorio di intelligenza artificiale (AI) presso la Makerere University ha sviluppato un modo per diagnosticare la malaria utilizzando un telefono cellulare. Il programma impara a creare i propri criteri in base a una serie di immagini che gli sono state presentate in precedenza. Decodificando i campioni di sangue come un codice QR, l’app è in grado di riconoscere le caratteristiche comuni delle infezioni. Oltre alla velocità e alla precisione della diagnosi, si può sopperire in questo modo alla mancanza di personale qualificato. Un tecnico di laboratorio non dovrebbe elaborare più di 25 vetrini al giorno, mentre tale tecnologia arriva alla diagnosi tra i 2 e i 30 minuti. Un risultato significativo, alla luce del fatto che nel 2016 il Ministero della Salute dell’Uganda ha dichiarato la malaria come principale causa di morte nel paese, con il 27% dei decessi.

Africa come mercato del futuro

Gli hub tecnologici africani non vanno visti solo alla luce di mercati e investimenti stranieri. L’Africa, ad oggi, ha la più grande popolazione under 20 al mondo. I cinque paesi più “giovani” sono tutti in Africa Sub-Sahariana: Uganda, Mali, Niger, Guinea Bissau, Repubblica Democratica del Congo. La diminuzione della mortalità infantile, l’aumento della vita media e una fertilità meno in calo che altrove, porteranno l’Africa del 2035 ad avere la più vasta forza lavoro del mondo. Già oggi 26 Paesi su 54 superano la soglia del cosiddetto “reddito medio” (>996$/anno) e la domanda interna, sostenuta da una crescita demografica costante, sarà il vero motore della crescita economica.

L’Africa è il continente del futuro

L’Africa è il continente del futuro: metà dei suoi 1,3 miliardi di abitanti ha meno di 20 anni. L’Europa è invece il continente più anziano, e nel 2050 rappresenterà appena il 4% della popolazione mondiale. Nel 2050 la popolazione africana dovrebbe raddoppiare (2,4 miliardi), con oltre 300 milioni di abitanti in Nigeria, terzo paese più popoloso del mondo davanti agli USA. Nel 2100 il 40% della popolazione mondiale sarà africana, rispetto al 9% del 1950, arrivando quasi alla stessa popolazione dell’Asia. In un mondo in via di invecchiamento (una sfida sempre più pressante anche in Cina e India), l’Africa si prepara a vivere un momento unico nella sua storia.

Italia e opportunità tecnologiche in Africa

L’Italia, dal punto di vista territoriale ponte naturale tra Europa e Africa, negli ultimi anni ha accresciuto la sua presenza nel continente. Nel 2016 l’Italia era terza nella classifica degli investitori esteri: un dato significativo, considerando che solo due anni prima era ventesima. Oltre che nei settori storici di investimento quali energia e infrastrutture, si potrebbe intervenite connettendo filiere in campo agroalimentare. In questo campo l’Italia è ricca di esperienze e tecnologie su una scala medio-piccola, realtà compatibile con contesti e imprese africane. Tali settori potrebbero innestarsi all’interno della rivoluzione Tech che sta avvenendo nel continente. L’Africa sarebbe non solo terreno di investimenti, ma valido partner per lanciare molte imprese italiane nel futuro.
 
Ultime notizie
metaverso
Futuro

L’universo nel Metaverso. Intervista a Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino

Una conversazione sul Rapporto Italia 2022 con la Professoressa Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino e autrice del saggio del Rapporto costruito attorno alla dicotomia Metaverso/Universo.
di Alberto Mattiacci
metaverso
grano
Agricoltura

Grano: una guerra globale

La “battaglia globale del grano” ha ormai reso evidenti i suoi effetti, anche in Occidente: aumento dei prezzi di beni essenziali come il pane, la pasta o la farina, a cui si aggiungono quelli dei carburanti, oli vari, energia elettrica e legno.
di Marco Omizzolo
grano
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute