Unesco, urgente correggere il “capitalismo di sorveglianza”

capitalismo di sorveglianza

L’evoluzione che sta prendendo l’era digitale avviata solo qualche decennio fa sta avendo una piega inattesa, caratterizzata dall’affermarsi di quello che viene definito “il capitalismo di sorveglianza”, un sistema sempre più invasivo della vita delle persone promosso dall’azione convergente delle grandi imprese digitali e delle Amministrazioni pubbliche degli Stati. La raccomandazione di operare con urgenza per correggere l’affermarsi di questo sistema, nel quale i tanti benefici dell’era digitale si accompagnano a elementi fortemente negativi, è contenuta in un importante documento – il “Memorandum di Ugra” – che è stato approvato dai partecipanti alla III Conferenza internazionale interdisciplinare sullo stato dell’informazione e della comunicazione nell’era digitale, promossa dall’Unesco, nell’ambito del XIII Forum sulle Tecnologie dell’Informazione IT e del Programma per l’Informazione per Tutti IFAP, svolta in forma ibrida lo scorso giugno 2021 a Khanty-Mansiysk (Ugra – Russia).

In evidenza gli aspetti socio-culturali ed etici dell’impatto delle tecnologie digitali

Il focus della Conferenza, alla quale hanno partecipato più di 150 esperti (tra cui il rappresentante dell’Eurispes) di 58 paesi è stato quello di valutare gli aspetti socio-culturali ed etici dell’impatto delle tecnologie digitali, in particolare dell’intelligenza artificiale, sugli individui e sulla società, il progressivo coinvolgimento delle persone in una connettività universale e il parallelo venir meno dei confini tra mondo reale e virtuale. In due giorni di intenso confronto, filosofi, sociologi, antropologi, psicologi, linguisti, economisti, informatici, operatori nel mondo dell’istruzione, dell’industria creativa, hanno messo in risalto gli aspetti più complessi e molteplici di quella che viene comunemente riconosciuta come la transizione verso un nuovo ordine mondiale con princìpi e norme di sviluppo economico e di relazioni sociali decisamente diverse da quelle tradizionali, un processo che il cittadino moderno ha difficoltà a comprendere nella sua evoluzione e nelle sue implicazioni.

Le piattaforme digitali si sono evolute in giganteschi monopoli digitali

Il punto chiave della riflessione riguarda il fatto che le piattaforme digitali sono state create inizialmente per raggiungere determinati obiettivi o risolvere importanti problemi legati, ad esempio, alla necessità di facilitare lo scambio delle informazioni, creare reti sociali, promuovere l’efficienza nelle attività commerciali; ma si sono poi evolute in “giganteschi monopoli digitali” che hanno inglobato in particolare tutto il mondo dell’industria e dei servizi. Secondo il Memorandum, le piattaforme digitali hanno consentito la organizzazione di interi ecosistemi digitali, nei quali operano dei colossi che «stanno inghiottendo le comunità del mondo fisico, si intromettono nei servizi governativi, rimodellano le attività economiche pubbliche e private, sconvolgono i tradizionali modelli di business e i sistemi di responsabilità sociale».

Leggi anche

Il “capitalismo di sorveglianza” di fatto contraddice i diritti e le libertà dei cittadini

Questo nuovo ecosistema costruito dalle imprese digitali si basa sulla raccolta e l’utilizzo permanente di dati personali, spesso ottenuta senza un preventivo consenso; una raccolta di dati che è diventata una fonte di profitti straordinari nonché, questo il punto da sottolineare, uno strumento di controllo e gestione degli orientamenti di pensiero e dei comportamenti degli individui e delle comunità. Siamo così arrivati a quello che gli esperti chiamati dall’Unesco hanno definito un “capitalismo di sorveglianza”, un sistema che è rimasto inosservato per molto tempo e che di fatto contraddice i diritti e le libertà dei cittadini, sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e dalle costituzioni della maggior parte dei paesi del mondo. Un sistema, precisa il Memorandum Ugra, che pone nuovi vincoli allo stato psicologico e intellettuale e al benessere degli individui, punta alla “normalizzazione” della sorveglianza universale e ad un controllo nascosto sempre più pervasivo e rigido dei comportamenti umani.

Un’intrusione massiccia nella società civile e nella mente dei cittadini

«Internet e, in maniera sempre più ampia e pervasiva, le piattaforme digitali – continua il documento – si stanno trasformando sempre più in strumenti per un’invasione illecita, massiccia e illimitata nella mente dei cittadini, e quindi nel loro comportamento nella società civile, portando, in determinate circostanze, a vari tipi di discriminazione, tentativi di introdurre modifiche alle strutture di potere e alle politiche pubbliche a vantaggio di determinati soggetti interessati (…) Anche le piattaforme digitali e i social media stanno progressivamente compromettendo gli effetti positivi del libero scambio di informazioni attraverso potenti mezzi di ri-direzione del flusso e dell’accesso a dati e informazioni» rinchiudendo sempre più le persone in bolle informative che funzionano come dei filtro (“filter bubles”). E ancora: «la libertà di espressione e informazione sta cedendo il passo a un progressivo restringimento del discorso consentito nello spazio digitale, poiché queste piattaforme diventano il mezzo non tanto per comunicare, informare o educare, ma per stimolare e mobilitare il pubblico. Questa situazione esaspera l’atomizzazione della società e alimenta nuovi processi di isolamento, esclusione sociale e radicalizzazione, provocando discordia tra le persone, i gruppi sociali e persino tra gli Stati. Una massiccia diminuzione del livello di pensiero critico è accompagnata dall’emergere di ondate di epidemie informative (infodemia) su scala nazionale e globale».

Le proposte Unesco per arginare gli effetti del capitalismo di sorveglianza

Per correggere gli effetti negativi del “capitalismo di sorveglianza” il  “Memorandum Ugra” dell’Unesco propone, come premessa, di diffondere al massimo la pratica di un approccio interdisciplinare e sistemico nella valutazione dei processi in corso della rivoluzione digitale e di promuovere con urgenza uno sforzo comune, tra operatori pubblici e privati, per la definizione di un Codice Etico Digitale Universale, come strumento per:  a) definire i limiti della rivoluzione digitale, rispetto ai valori e ai principi di riferimento degli individui e delle comunità; b) indirizzare i processi di digitalizzazione in una direzione di reale ed equo progresso politico, economico, sociale e culturale dell’umanità; e c) operare come strumento fondamentale per lo sviluppo di sistemi normativi coerenti. Questa operazione fondamentale dovrà essere accompagnata, in parallelo, con iniziative specifiche come, ad esempio, la diffusione di programmi di studio nelle scuole finalizzati a far comprendere ai giovani gli aspetti ambivalenti della rivoluzione digitale; l’apertura di tavoli di confronto pubblico-privato sui sistemi di governance dei sistemi digitali, in modo da garantire la partecipazione attiva della società civile; un monitoraggio costante pubblico-privato sugli effetti “socio-umanitari” dei processi di digitalizzazione, anche con il sostegno e la garanzia di autorità pubbliche indipendenti di supervisione.

Le rivoluzione digitale non può essere valutata solo in termini di opportunità economiche

La rivoluzione digitale in atto non può essere valutata soltanto in termini di vantaggi ed opportunità economiche ma anche, contemporaneamente, per l’impatto socioculturale che sta avendo sulle persone. Siamo di fronte a cambiamenti radicali nei valori di riferimento e alla necessità di reinterpretare i diritti e le libertà: una sfida che richiede, in particolare alla comunità scientifica, di manifestare una precisa responsabilità sociale ed etica. È questo in sintesi il messaggio con cui è stato accompagnata l’approvazione del documento finale della conferenza da parte dei promotori dell’iniziativa: Dorothy Gordon, Presidente del Consiglio Intergovernativo dell’Unesco e responsabile del programma Informazione per Tutti (IFAP) e Evgeny Kuzmin, Presidente del Comitato russo del programma Ifap dell’Unesco e del Centro Ilcc.

Leggi l’articolo in inglese

*Marco Ricceri, Segretario generale dell’Eurispes.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica