L’informazione dei Tg torna a concentrarsi sui numeri del Covid

Tg

I Tg dall’8 al 12 novembre – La cronaca della pandemia, con la crescita dei contagi che non si attenua, reclama quasi la metà delle aperture (10 primi titoli nelle sole giornate di lunedì e mercoledì), con Tg5 che in diverse edizioni parte proprio dai bollettini della Protezione civile. Con il ritorno nei titoli delle “cifre del Covid”, il prime time si concentra sull’azione di Governo, con l’allargamento della terza dose ai 40enni annunciato dal Ministro Roberto Speranza e la stretta imposta alle manifestazioni dei no green pass. Particolare riguardo dai Tg Mediaset alla diffusione del contagio tra i minorenni. Nei servizi, comunque, i toni risultano tranquilli, tanto più in confronto ai dati della diffusione della pandemia negli altri paesi europei (7 i riferimenti nei titoli ai picchi toccati in Germania e Austria). Cresce, comunque, la ricerca di nuove rassicurazioni, con il Tg3 che lunedì intervista il Ministro Mariastella Gelmini, mentre il Tg5 di giovedì interpella il Viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri.

Migranti sul confine polacco: il ricatto di Lukashenko. I Tg Mediaset “bucano” il vertice sulla Libia

Ad imporsi in settimana sulle scalette sono anche le drammatiche immagini delle centinaia di profughi bloccati sul confine polacco, ammassati lì per volontà del Presidente bielorusso Lukashenko, per una politica che viene descritta da Varsavia come “terrorismo di Stato” (Tg1): titoli per tutti, con apertura, martedì, per il Tg3 e, mercoledì, per Studio Aperto e Tg4. Buono l’approfondimento del Tg di Mario Orfeo, che con un inviato al confine raccoglie le testimonianze delle famiglie disperate, chiarendo sia il ruolo di Putin in questa vicenda sia le mire della Polonia. Ben diverse le posizioni del Tg4, che nei servizi liquida la vicenda velocemente per dedicarsi all’emergenza immigrazione verso il nostro Paese, denunciando in due aperture i troppi arrivi al confronto con quelli del 2019 (“gestione Salvini”). Si tratta, come in altri casi, di servizi “copia e incolla” di articoli de Il Giornale, molto critici nei confronti dell’operato del Ministro Luciana Lamorgese, ma che non indagano affatto le attuali specifiche del fenomeno. Il disinteresse dei Tg Mediaset si manifesta, venerdì, in modo lampante, con l’assenza dalle scalette di qualsiasi menzione alla conferenza internazionale di Parigi sulla Libia, che invece è argomento d’apertura per i Tg Rai.

Leggi anche

Si conclude la Cop26 di Glasgow

La conclusione della Cop26 di Glasgow, con il mezzo fallimento mitigato dall’accordo raggiunto all’ultimo momento tra Usa e Cina sulla decarbonizzazione, non trova particolare risalto nei Tg di prime time, se si esclude Tg La7 che, mercoledì, vi dedica l’apertura. A trovar spazio nei servizi sono, invece, i riferimenti allo scarso impiego da parte dell’Italia di fonti d’energia rinnovabile, tema già segnalato la scorsa settimana sempre da Tg La7.

Nei Tg la maxi inchiesta sul “Reddito di cittadinanza”

Per la politica, la discussione sulla manovra assorbe le restanti aperture. Da giovedì torna al centro dell’attenzione il “Reddito di cittadinanza”, al centro della scena dopo che una nuova maxi inchiesta ha scoperchiato un vasto racket criminale di cui beneficiavano migliaia di cittadini rumeni non residenti. Indignazione per tutti, con un durissimo editoriale del Tg4 rivolto contro i 5 Stelle. L’intervento di giovedì del Presidente Mattarella – che sembra mettere la parola fine ad ogni ipotesi di una sua ricandidatura al Quirinale – viene ripreso da tutte le testate, con Mentana che osserva (venerdì) che l’ipotesi di un “Mattarella Bis” non sia ancora totalmente da escludere.

Per la cronaca, spicca, giovedì, la prima sentenza nell’ambito dell’inchiesta Angeli e Demoni sui fatti di Bibbiano, con apertura per Studio Aperto e titoli per tutti. Minor spazio agli sviluppi del Caso Eitan. Interessante l’approfondimento del Tg2 di venerdì sugli orfani di femminicidio.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città