Iran Usa, e Libia: tutta l’attenzione agli esteri. Europa inerte. L’analisi dei Tg

Scontro Usa-Iran, la calma dopo la tempesta. Mediaset: Europa spettatore, l’Italia senza una politica sulla Libia. Mentana: l’Italia ha scelto un ruolo marginale. L’analisi dell’Osservatorio sui Tg Eurispes/Coris dal 6 al 10 gennaio.

L’escalation delle tensioni tra Stati Uniti ed Iran domina su quasi tutte le edizioni, raccogliendo in settimana più di metà delle aperture; primo titolo lunedì per tutti (salvo Tg4), ai funerali del generale Soleimani. Alle coperture dal Medio Oriente si accompagnano quelle dedicate all’escalation del conflitto libico, con l’attivarsi delle diplomazie europee ed internazionali: 30 i titoli, con diverse aperture per i Tg Rai.
 
L’avvitarsi della crisi libica stimola schieramenti assai diversi tra Servizio Pubblico e Mediaset. Le testate Rai documentano fin dalle aperture le iniziative diplomatiche del premier Conte ed i vertici a cui ha partecipato il Ministro Di Maio, dando l’idea di un quadro complesso, che vede comunque l’Italia giocare in un ruolo attivo. Tg3 intervista, lunedì, il direttore di Limes Caracciolo sulla “polveriera Medio Oriente”, e raccoglie martedì l’intervento del Presidente dell’Europarlamento, David Sassoli, che chiede che l’Europa abbia sulla Libia una voce sola.
 
Per i Tg Mediaset, che chiamano in campo numerosi commentatori, il giudizio è invece opposto. Già lunedì Tg4 dedica un editoriale all’Europa “Continente inerme”, ed interpella Alessandro Sallusti. Duro anche il giudizio sul Ministro Di Maio e verso Conte, accusato di dilettantismo diplomatico per le modalità dell’incontro con Haftar. Berlusconi, ospite giovedì del Tg5, rincara la dose: «Sulla Libia il governo si mostra senza politica estera».
 
Su questi temi si esprime anche Mentana, che invita a non strumentalizzare ai fini interni le difficoltà italiane ed europee, dato che il nostro Paese (per fortuna) non può e non vuole utilizzare, come fanno la Turchia o la Russia, le forze militari a supporto della politica estera.
 
L’attenzione a Tripoli, Sirte e Misurata rimane alta fino a domenica, nell’attesa dell’auspicata cessazione delle operazioni, che si è concretizzata sabato. Oltre alla guerra “guerreggiata”, la Libia ci regala anche nuove puntate dei drammi in mare. I Tg Rai e Tg La7 segnalano il riaprirsi della rotta libica, e documentano i nuovi sbarchi. 
 
Con l’ammorbidimento dei toni da Washington e Teheran, massima attenzione al disastro aereo del Boeing ucraino: 6 aperture tra giovedì e venerdì. Per il generale Leonardo Tricarico, interpellato venerdì da Tg5 e Tg2, la vicenda è destinata a chiarirsi presto – Così è stato, con il mea culpa di sabato da parte iraniana.
 
Spazi “risicati” alla politica interna. Tg4 ed il “chiodo” dei 5 Stelle
 Compressa dagli esteri, la politica “interna” riceve solo 4 aperture, dedicate al destino del referendum sui parlamentari e all’avanzamento della nuova legge elettorale. Tg4 si conferma, già dall’inizio dell’anno, la testata più attiva nel segnalare le fragilità dell’Esecutivo, dedicando due aperture alle divisioni interne ai 5 Stelle. Per l’opinionista Maglie, Di Maio si troverà costretto a lasciare uno dei suoi ruoli. Le tensioni interne al M5S sono riprese venerdì anche da Tg La7, che, invece, ripropone le voci favorevoli al leader pentastellato da parte di molti altri esponenti del Movimento.
 
Ex Ilva, la partita si riapre. I Tg Rai a Foggia, unita contro la Mafia
 Le evoluzioni sul caso dell’Ex Ilva, adombrate dalle vicende internazionali, sono martedì nei titoli per tutti, ed apertura per Studio Aperto, che segnala come la non chiusura dell’altoforno 2 facilita i negoziati tra Governo ed Arcelor Mittal per il futuro dell’acciaieria.
 
L’allarme lanciato venerdì per le 200 infrastrutture stradali, tra gallerie e cavalcavia, “a rischio” perché non adeguate agli standard europei, scuote tutte le testate: Tg1 vi dedica un reportage, mentre Tg5 lo affronta in apertura. Su un altro piano, i Tg Mediaset si mostrano i più critici verso le lentezze nella ricostruzione post terremoto del Centro Italia, con Tg5 che, sempre venerdì, vi dedica la copertina.
 
Mercoledì, malgrado i dati dell’Istat attestino il record dell’occupazione in Italia a partire dalle rilevazioni del 1977, solo Tg3 e Tg1 vi dedicato un titolo. Tg2 marca invece, il giorno dopo, il dato negativo sulla produzione industriale, 2019.
 
La marcia a Foggia di 300 associazioni e 20.000 persone contro la criminalità organizzata, a seguito di una catena di attentati è, venerdì, nei titoli per i Tg Rai. Tg1 e Tg3 documentano, tra martedì e venerdì, il dramma del caporalato e le operazioni di contrasto a questa piaga con titoli e servizi. Tg3 propone, inoltre, più puntate della rubrica I volti della mafia, dedicata ai nuovi equilibri nelle organizzazioni criminali italiane “rappresentati” da inedite personalità.

 

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città