“Irricevibili”, ma l’ostuzionismo rimane con 383.500 emendamenti

Il Senato riprenderà i suoi lavori alle 15. Orario scelto per permettere ai senatori di partecipare ai funerali di Pietro Ingrao, ex presidente della Camera. Nel pomeriggio si entrerà nel vivo della discussione sul disegno di legge di revisione della costituzione. Ieri il presidente Pietro Grasso ha definito irricevibili i 72 milioni di emendamenti presentati dal leghista Roberto Calderoli che, citando una famosa battuta di un film interpretato da Alberto Sordi, ha detto che da ora in poi, in Senato, vigerà il regolamento del Marchese del Grillo. Inizieranno quindi le votazioni sul testo, con l’obiettivo di arrivare all’approvazione il 13 ottobre. Ma sul campo restano ben 383.500 emendamenti. Perciò il governo, pur ottimista sul traguardo finale, si dichiara non del tutto soddisfatto dalla decisione di Grasso: “È stato posto un limite al sabotaggio – osserva il sottosegretario Luciano Pizzetti – ma l’ostruzionismo rimane”. “Se Berlusconi decide di votare la riforma sono contento ma se non vota per me non cambia nulla perché vinceremo”, ha rimarcato Matteo Renzi, ribadendo tranquillità sui numeri. Le insidie sono comunque rappresentate dai voti segreti sull’articolo 1: anche nella giornata di ieri la minoranza Dem ha manifestato malcontento per le aperture ai verdiniani. La commissione Affari costituzionali esaminerà il ddl sui rendiconti dei partiti politici. La commissione Finanze porterà avanti l’analisi del ddl contenente “Misure per contrastare il finanziamento delle imprese produttrici di mine antipersona, di munizioni e submunizioni a grappolo” e il testo relativo all’istituzione di una commissione d’inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena. L’ufficio di presidenza della commissione Industria audirà informalmente i rappresentanti dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico in relazione all’affare assegnato sull’aggiornamento delle linee guida in materia di certificati bianchi.. La nota di aggiornamento del Def sarà al centro dell’ordine del giorno della commissione Sanità. La commissione Territorio e Ambiente porterà avanti l’esame del Collegato ambientale.

Dalle 9 alle 10.30 la Camera riprenderà le votazioni degli emendamenti presentati alla Legge annuale sul mercato e la concorrenza. I lavori riprenderanno poi alle 16 al termine dei funerali di Pietro Ingrao, che saranno celebrati in piazza Montecitorio. L’ordine del giorno prevede il seguito della discussione sulla proposta di legge relativa all’abolizione del finanziamento pubblico all’editoria e l’illustrazione e la votazione della questione pregiudiziale presentata al testo unificato sulla concessione della cittadinanza. Alle 14 le commissioni Affari costituzionali e Giustizia porteranno avanti l’analisi dello schema di presidente della Repubblica concernente l’istituzione della banca dati nazionale del DNA e del laboratorio centrale per la banca dati nazionale del DNA. Alle 20.30 la commissione Ambiente riprenderà il confronto sulla delega al governo relativa all’attuazione della direttiva Ue del 26 febbraio 2014 del Parlamento europeo e del Consiglio sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali. La commissione Attività produttive esaminerà lo schema di decreto legislativo sull’efficienza energetica; sarà inoltre trattata la proposta di legge contenente “Disposizioni per l’introduzione di un sistema di tracciabilità dei prodotti finalizzato alla tutela del consumatore”. La commissione Affari costituzionali e la commissione Giustizia continueranno l’analisi dello schema di decreto legislativo recante “Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n.1223/2009 sui prodotti cosmetici”.

Il presidente del Consiglio sarà alle 15 alla Camera per rispondere alle interrogazioni a risposta immediata in tema di finanza pubblica. Il premier utilizzerà il confronto con i deputati per illustrare alcune delle linee di intervento della manovra di finanza pubblica allo studio di Palazzo Chigi e del ministero dell’Economia. A fare il punto sulle scelte che il governo si appresta a fare con la Legge di stabilità è stata la Banca d’Italia, che, in audizione sulla nota di aggiornamento del Def, ha promosso la revisione verso l’alto delle stime per il prossimo biennio ma allo stesso tempo ha avvertito che sulla ripresa pesano ancora rischi esterni. Bene fa il governo, ha detto il vicedirettore generale Luigi Federico Signorini, a disinnescare le clausole di salvaguardia. Resta da capire se Bruxelles concederà la flessibilità richiesta dall’esecutivo.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili