Italia e Spagna: come si sceglie di raccontare una pandemia

Dopo i difficili mesi di lockdown e la cauta lenta ripresa dell’estate, l’Europa si prepara ad affrontare un autunno carico di incognite. La prima, di questi giorni, è sicuramente la scuola, soprattutto per Spagna e Italia, due paesi che aspettano da marzo di riportare studenti e insegnanti in classe. Ma in termini di numeri la situazione dei due paesi, allo stato attuale, risulta differente: la Spagna ha chiuso la scorsa settimana (7-11 settembre) con più di 67 mila nuovi positivi al Pcr, mentre in Italia i numeri sono decisamente più contenuti. Basti pensare che, partendo da situazioni simili nel pieno della pandemia, attualmente i casi totali di contagio registrati in Italia si aggirano intorno ai 300 mila, mentre la Spagna è il paese con più contagi in Europa, con più di 600 mila casi confermati ad oggi. È chiaro che ad un certo punto la strategia di contrasto al virus deve aver preso due strade differenti nell’uno e nell’altro paese, soprattutto nelle attività di screening e contact tracing, sebbene molti esperti, in questa fase, pongano l’accento soprattutto sui comportamenti individuali e sociali insieme alle misure imposte dall’alto. Sorprende ancora di più questo scatto in avanti dei numeri in Spagna, visto che le abitudini e i costumi sociali non sono così diversi tra i due paesi: il contatto fisico, la socialità, le relazioni intergenerazionali all’interno della famiglia. Per alcune settimane, i media italiani si sono chiesti addirittura perché i numeri qui fossero favorevoli rispetto al resto d’Europa, definendo l’Italia “circondata” dai dati in crescita di altri paesi.

Non è da trascurare l’aspetto mediatico della vicenda, ovvero come i media dei due paesi hanno raccontato la pandemia, che taglio hanno scelto di dare agli eventi di questi mesi. È iconica e incisa nella memoria collettiva l’immagine del 21 marzo scorso: le bare accatastate e portate via dall’Esercito nella provincia di Bergamo, uno dei messaggi mediaticamente più efficaci e incisivi di questi mesi. Allo stesso tempo, tutti i principali media italiani, soprattutto nella sezione online (Corriere della Sera, la Repubblica, Il Messaggero, Ansa, ecc.) riportano da mesi, quotidianamente, una puntuale informazione sulla progressione della pandemia, ponendola sempre in primo piano in coincidenza con il bollettino ufficiale della Protezione Civile. Basta collegarsi a un qualsiasi quotidiano italiano online intorno alle 18 per essere aggiornati sulla situazione: la notizia occupa una porzione visibile e in evidenza della pagina web, come fosse un costante promemoria. Allo stesso modo, la cronaca dei focolai nella movida della Costa Smeralda ha avuto grande rilievo sui media tra la fine di agosto e i primi giorni di settembre. In linea di massima, la narrazione mediatica della pandemia in Italia è stata, ed è tuttora, costante e prioritaria, aiutata da immagini segnanti ed emblematiche che hanno fatto il giro del mondo (le succitate bare della provincia bergamasca, l’infermiera stremata che si addormenta alla fine del turno).

Di Madrid ricordiamo la drammatica notizia del Palazzo di ghiaccio convertito a obitorio, o i malati di Covid19 arrangiati su barelle e giacigli di fortuna lungo il corridoio di un ospedale troppo pieno e decisamente in difficoltà, ma questo frammento di cronaca sanitaria non ha avuto lo stesso rilievo e la stessa potenza narrativa delle bare di Bergamo. Inoltre, dalla fine del confinamento in Spagna, i media si sono occupati sempre meno dei bollettini quotidiani sulla progressione della pandemia, dedicandole spazi risicati o poco incisivi, dall’impatto forse più debole sulla coscienza collettiva. Un esempio: la Spagna viaggia da settimane su un numero di nuovi positivi che oscilla tra gli 8 mila e i 10 mila al giorno, e la notizia non è riportata con toni prioritari o allarmistici dai principali quotidiani; l’informazione si concentra più sulle misure dei governi locali che sui numeri, ovvero sui divieti piuttosto che sul pessimismo. Gli stessi numeri, sui quotidiani italiani, avrebbero probabilmente avuto un rilievo molto differente (tanto da essere stati accusati spesso di catastrofismo).

Procedendo a un’analisi qualitativa delle prime pagine di El Paìs e del Corriere della Sera, due testate di primo piano per diffusione, confermiamo quanto osservato per il settore dell’online. Dal 1° al 18 settembre, il Corriere della Sera ha dedicato all’informazione sul Covid ben 14 aperture, di cui 8 riguardanti il tema della ripresa delle attività scolastiche e 3 all’illustre contagio di Silvio Berlusconi; in prima pagina, sebbene non in apertura, altri 7 articoli hanno parlato di questioni inerenti la pandemia in corso, tra cui il vaccino e due editoriali. El Paìs, nello stesso periodo, ha dedicato allo stesso tema 4 aperture, di cui una sulla ripartenza delle scuole e una lettura politica degli eventi, ovvero le conseguenze della pandemia sugli equilibri di governo. In prima pagina sono comparsi 12 articoli sulla pandemia, di cui 2 dedicati alla scuola e 6 alle misure messe in atto per contenere il contagio, mentre un tema più volte ripreso è stato il complicato rapporto emerso, nel corso dell’emergenza, tra autonomie e governo centrale. In totale, il Corriere della Sera concentra l’informazione sulla pandemia in 21 articoli di prima pagina con 14 aperture, mentre El Paìs vi dedica 16 articoli con 4 aperture in tutto.

Può avere influito, la narrazione mediatica, sulla percezione collettiva del virus? Manteniamo alta la guardia dei nostri comportamenti individuali anche grazie ai media?

Non si discute, qui, l’opportunità o la validità dell’allarmismo mediatico rispetto a un’informazione più pacata e di basso profilo sulla pandemia. Si tratta di una ennesima riflessione sull’impatto – e dunque sulla responsabilità – della narrazione che si sceglie.

 

 

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze