Attualità

La caduta del Muro 30 anni dopo, il mondo ha bisogno di nuove “spallate”

275

Ricordare il Muro di Berlino, rivedere le foto e i filmati che per la prima volta ce lo resero “amico”, quelli dei giorni del novembre di 30 anni fa che portarono al suo abbattimento, crea brividi in chi, oggi attempato, ha vissuto quegli eventi. Brividi, emozioni, che ritornano rinverdendo la percezione di un momento di svolta in Europa, di una accelerazione verso una libertà e una democrazia pienamente dispiegate. Ma anche brividi che nascono dall’oggi: brividi di paura, di fronte a questa paradossale nuova fortuna, mediatica e politica, di muri costruiti di nuovo con mattoni e filo spinato, ma anche solo invocati e incensati come strumenti della contemporaneità cui fare ricorso per ricostruire le nostre traballanti sicurezze.
La Berlino Ovest del 1961, circondata da 156 chilometri di mura “sovietiche”, e l’Europa del Trattato di Shengen che, a partire dal 1990, ha dato vita ad un continente senza frontiere: questi i due “estremi” all’interno dei quali si collocano 28 anni di ignominia simboleggiati proprio dal Muro. E non certo casuale che l’abbattimento delle frontiere tra i paesi Ue abbia seguito dappresso il “suo” abbattimento.
Per chi, meno “attempato”, vive gli anni del presente ed è immerso nella dilagante vulgata sovranista, il supporto della consapevolezza di questo pur recente passato sarebbe un toccasana, un medicamento essenziale per orientarsi in maniera critica rispetto ad un’offerta politico-culturale di infimo livello. Come affermava il grande storico francese Le Goff, infatti, chi è “orfano” della storia non è in grado di produrre futuro e ‒ aggiungiamo noi ‒ neanche di interpretare adeguatamente il presente.
Ma, tornando alle celebrazioni nel trentennale dell’abbattimento del Muro, è più che legittimo abbandonarsi a ricordi e suggestioni, queste sì, che hanno superato anche i gap generazionali. In proposito, torna d’attualità lo storico discorso del Presidente Kennedy tenuto davanti Berlino Ovest il 26 giugno 1963, davanti al Municipio di Schoneber, a poca distanza dal Muro da poco edificato. Tutti – o quasi – conoscono la storica frase “Ich bin ein Berliner”; può essere utile riproporre qualche stralcio di quello che rimarrà nella storia, come uno degli interventi politici maggiormente profetici: «Duemila anni fa, il vanto più grande era questo: “Civis romanus sum”, “Io sono un cittadino romano”. Oggi, nel mondo della libertà, il vanto più grande è poter dire: “Ich bin ein Berliner”, “Io sono un Berlinese”».

Al di là dell’orgoglio latino, gratificato dall’incrocio linguistico con l’inglese e il tedesco, analizzando il discorso del Presidente, emerge chiaramente la direzione evolutiva che la politica di un Occidente progressista in quegli anni proiettava per il futuro:
«La libertà ha molte difficoltà, e la democrazia non è perfetta. Ma noi non abbiamo mai dovuto erigere un muro per chiudervi dentro la nostra gente e impedire loro di lasciarci! Voi vivete in un’isola fortificata della libertà, ma la vostra vita è parte della vita del mondo libero. Vorrei quindi chiedervi, concludendo, di levare il vostro sguardo al di là dei pericoli di oggi e verso la speranza di domani. Al di là della semplice libertà di questa città di Berlino o della vostra patria tedesca e verso il progresso della libertà ovunque! Al di là del muro e verso il giorno della pace con giustizia. Al di là di voi stessi e di noi, verso l’umanità tutta. La libertà è indivisibile, e quando un uomo è in schiavitù, nessun altro uomo è libero!»

Di fronte ai tanti esempi di vecchie schiavitù che riemergono, alla derubricazione di diritti ritenuti nel recente passato inalienabili, alle migliaia di chilometri di muri che stanno insozzando l’Europa (ma anche la patria del Presidente Kennedy!), c’è da chiedersi se, come nella Berlino Ovest degli anni Sessanta-Settanta e Ottanta, la libertà sia appannaggio di chi erige muri, o di chi ne rimane fuori.

Dopo la citazione d’obbligo dell’ “Ich bin ein Berliner”, altre suggestioni emergono e, di solito, come spesso capita nell’immaginario collettivo, senza una specifica consapevolezza.
È il caso dello storico brano dei Pink Floid, che anche i quindicenni di oggi conoscono, contenuto nel doppio album The Wall, un’opera rock del 1979 che il 21 luglio del 1990 andò in scena a Berlino per festeggiare la caduta del Muro.

È il caso del brano Heroes di David Bowie, registrato nel 1977 negli studi di Berlino Ovest prospicienti il Muro. Un altro “evergreen” che inquadra una panchina a pochi metri dal Muro, sulla quale due ragazzi amoreggiano, rendendo plastica la rappresentazione del contrasto tra libertà e oppressione, tra amore ed odio:

Io, io riesco a ricordare (mi ricordo)
In piedi accanto al Muro (accanto al Muro)
E i fucili sparavano sopra le nostre teste
(sopra le nostre teste)
E ci baciammo,
come se niente potesse accadere
(niente potesse accadere)
E la vergogna era dall’altra parte
Oh possiamo batterli, ancora e per sempre
Allora potremmo essere Eroi,
anche solo per un giorno

È duro dover ammettere che esiste un fondato rischio che il mondo in cui viviamo, a trenta anni dall’abbattimento del Muro, abbia bisogno di nuovi “Heroes“.

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Recensioni

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
La sfida dei Sindaci

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone