La caduta del Muro 30 anni dopo, il mondo ha bisogno di nuove “spallate”

Ricordare il Muro di Berlino, rivedere le foto e i filmati che per la prima volta ce lo resero “amico”, quelli dei giorni del novembre di 30 anni fa che portarono al suo abbattimento, crea brividi in chi, oggi attempato, ha vissuto quegli eventi. Brividi, emozioni, che ritornano rinverdendo la percezione di un momento di svolta in Europa, di una accelerazione verso una libertà e una democrazia pienamente dispiegate. Ma anche brividi che nascono dall’oggi: brividi di paura, di fronte a questa paradossale nuova fortuna, mediatica e politica, di muri costruiti di nuovo con mattoni e filo spinato, ma anche solo invocati e incensati come strumenti della contemporaneità cui fare ricorso per ricostruire le nostre traballanti sicurezze.
La Berlino Ovest del 1961, circondata da 156 chilometri di mura “sovietiche”, e l’Europa del Trattato di Shengen che, a partire dal 1990, ha dato vita ad un continente senza frontiere: questi i due “estremi” all’interno dei quali si collocano 28 anni di ignominia simboleggiati proprio dal Muro. E non certo casuale che l’abbattimento delle frontiere tra i paesi Ue abbia seguito dappresso il “suo” abbattimento.
Per chi, meno “attempato”, vive gli anni del presente ed è immerso nella dilagante vulgata sovranista, il supporto della consapevolezza di questo pur recente passato sarebbe un toccasana, un medicamento essenziale per orientarsi in maniera critica rispetto ad un’offerta politico-culturale di infimo livello. Come affermava il grande storico francese Le Goff, infatti, chi è “orfano” della storia non è in grado di produrre futuro e ‒ aggiungiamo noi ‒ neanche di interpretare adeguatamente il presente.
Ma, tornando alle celebrazioni nel trentennale dell’abbattimento del Muro, è più che legittimo abbandonarsi a ricordi e suggestioni, queste sì, che hanno superato anche i gap generazionali. In proposito, torna d’attualità lo storico discorso del Presidente Kennedy tenuto davanti Berlino Ovest il 26 giugno 1963, davanti al Municipio di Schoneber, a poca distanza dal Muro da poco edificato. Tutti – o quasi – conoscono la storica frase “Ich bin ein Berliner”; può essere utile riproporre qualche stralcio di quello che rimarrà nella storia, come uno degli interventi politici maggiormente profetici: «Duemila anni fa, il vanto più grande era questo: “Civis romanus sum”, “Io sono un cittadino romano”. Oggi, nel mondo della libertà, il vanto più grande è poter dire: “Ich bin ein Berliner”, “Io sono un Berlinese”».

Al di là dell’orgoglio latino, gratificato dall’incrocio linguistico con l’inglese e il tedesco, analizzando il discorso del Presidente, emerge chiaramente la direzione evolutiva che la politica di un Occidente progressista in quegli anni proiettava per il futuro:
«La libertà ha molte difficoltà, e la democrazia non è perfetta. Ma noi non abbiamo mai dovuto erigere un muro per chiudervi dentro la nostra gente e impedire loro di lasciarci! Voi vivete in un’isola fortificata della libertà, ma la vostra vita è parte della vita del mondo libero. Vorrei quindi chiedervi, concludendo, di levare il vostro sguardo al di là dei pericoli di oggi e verso la speranza di domani. Al di là della semplice libertà di questa città di Berlino o della vostra patria tedesca e verso il progresso della libertà ovunque! Al di là del muro e verso il giorno della pace con giustizia. Al di là di voi stessi e di noi, verso l’umanità tutta. La libertà è indivisibile, e quando un uomo è in schiavitù, nessun altro uomo è libero!»

Di fronte ai tanti esempi di vecchie schiavitù che riemergono, alla derubricazione di diritti ritenuti nel recente passato inalienabili, alle migliaia di chilometri di muri che stanno insozzando l’Europa (ma anche la patria del Presidente Kennedy!), c’è da chiedersi se, come nella Berlino Ovest degli anni Sessanta-Settanta e Ottanta, la libertà sia appannaggio di chi erige muri, o di chi ne rimane fuori.

Dopo la citazione d’obbligo dell’ “Ich bin ein Berliner”, altre suggestioni emergono e, di solito, come spesso capita nell’immaginario collettivo, senza una specifica consapevolezza.
È il caso dello storico brano dei Pink Floid, che anche i quindicenni di oggi conoscono, contenuto nel doppio album The Wall, un’opera rock del 1979 che il 21 luglio del 1990 andò in scena a Berlino per festeggiare la caduta del Muro.

È il caso del brano Heroes di David Bowie, registrato nel 1977 negli studi di Berlino Ovest prospicienti il Muro. Un altro “evergreen” che inquadra una panchina a pochi metri dal Muro, sulla quale due ragazzi amoreggiano, rendendo plastica la rappresentazione del contrasto tra libertà e oppressione, tra amore ed odio:

Io, io riesco a ricordare (mi ricordo)
In piedi accanto al Muro (accanto al Muro)
E i fucili sparavano sopra le nostre teste
(sopra le nostre teste)
E ci baciammo,
come se niente potesse accadere
(niente potesse accadere)
E la vergogna era dall’altra parte
Oh possiamo batterli, ancora e per sempre
Allora potremmo essere Eroi,
anche solo per un giorno

È duro dover ammettere che esiste un fondato rischio che il mondo in cui viviamo, a trenta anni dall’abbattimento del Muro, abbia bisogno di nuovi “Heroes“.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa