Attualità

La caduta del Muro 30 anni dopo, il mondo ha bisogno di nuove “spallate”

192

Ricordare il Muro di Berlino, rivedere le foto e i filmati che per la prima volta ce lo resero “amico”, quelli dei giorni del novembre di 30 anni fa che portarono al suo abbattimento, crea brividi in chi, oggi attempato, ha vissuto quegli eventi. Brividi, emozioni, che ritornano rinverdendo la percezione di un momento di svolta in Europa, di una accelerazione verso una libertà e una democrazia pienamente dispiegate. Ma anche brividi che nascono dall’oggi: brividi di paura, di fronte a questa paradossale nuova fortuna, mediatica e politica, di muri costruiti di nuovo con mattoni e filo spinato, ma anche solo invocati e incensati come strumenti della contemporaneità cui fare ricorso per ricostruire le nostre traballanti sicurezze.
La Berlino Ovest del 1961, circondata da 156 chilometri di mura “sovietiche”, e l’Europa del Trattato di Shengen che, a partire dal 1990, ha dato vita ad un continente senza frontiere: questi i due “estremi” all’interno dei quali si collocano 28 anni di ignominia simboleggiati proprio dal Muro. E non certo casuale che l’abbattimento delle frontiere tra i paesi Ue abbia seguito dappresso il “suo” abbattimento.
Per chi, meno “attempato”, vive gli anni del presente ed è immerso nella dilagante vulgata sovranista, il supporto della consapevolezza di questo pur recente passato sarebbe un toccasana, un medicamento essenziale per orientarsi in maniera critica rispetto ad un’offerta politico-culturale di infimo livello. Come affermava il grande storico francese Le Goff, infatti, chi è “orfano” della storia non è in grado di produrre futuro e ‒ aggiungiamo noi ‒ neanche di interpretare adeguatamente il presente.
Ma, tornando alle celebrazioni nel trentennale dell’abbattimento del Muro, è più che legittimo abbandonarsi a ricordi e suggestioni, queste sì, che hanno superato anche i gap generazionali. In proposito, torna d’attualità lo storico discorso del Presidente Kennedy tenuto davanti Berlino Ovest il 26 giugno 1963, davanti al Municipio di Schoneber, a poca distanza dal Muro da poco edificato. Tutti – o quasi – conoscono la storica frase “Ich bin ein Berliner”; può essere utile riproporre qualche stralcio di quello che rimarrà nella storia, come uno degli interventi politici maggiormente profetici: «Duemila anni fa, il vanto più grande era questo: “Civis romanus sum”, “Io sono un cittadino romano”. Oggi, nel mondo della libertà, il vanto più grande è poter dire: “Ich bin ein Berliner”, “Io sono un Berlinese”».

Al di là dell’orgoglio latino, gratificato dall’incrocio linguistico con l’inglese e il tedesco, analizzando il discorso del Presidente, emerge chiaramente la direzione evolutiva che la politica di un Occidente progressista in quegli anni proiettava per il futuro:
«La libertà ha molte difficoltà, e la democrazia non è perfetta. Ma noi non abbiamo mai dovuto erigere un muro per chiudervi dentro la nostra gente e impedire loro di lasciarci! Voi vivete in un’isola fortificata della libertà, ma la vostra vita è parte della vita del mondo libero. Vorrei quindi chiedervi, concludendo, di levare il vostro sguardo al di là dei pericoli di oggi e verso la speranza di domani. Al di là della semplice libertà di questa città di Berlino o della vostra patria tedesca e verso il progresso della libertà ovunque! Al di là del muro e verso il giorno della pace con giustizia. Al di là di voi stessi e di noi, verso l’umanità tutta. La libertà è indivisibile, e quando un uomo è in schiavitù, nessun altro uomo è libero!»

Di fronte ai tanti esempi di vecchie schiavitù che riemergono, alla derubricazione di diritti ritenuti nel recente passato inalienabili, alle migliaia di chilometri di muri che stanno insozzando l’Europa (ma anche la patria del Presidente Kennedy!), c’è da chiedersi se, come nella Berlino Ovest degli anni Sessanta-Settanta e Ottanta, la libertà sia appannaggio di chi erige muri, o di chi ne rimane fuori.

Dopo la citazione d’obbligo dell’ “Ich bin ein Berliner”, altre suggestioni emergono e, di solito, come spesso capita nell’immaginario collettivo, senza una specifica consapevolezza.
È il caso dello storico brano dei Pink Floid, che anche i quindicenni di oggi conoscono, contenuto nel doppio album The Wall, un’opera rock del 1979 che il 21 luglio del 1990 andò in scena a Berlino per festeggiare la caduta del Muro.

È il caso del brano Heroes di David Bowie, registrato nel 1977 negli studi di Berlino Ovest prospicienti il Muro. Un altro “evergreen” che inquadra una panchina a pochi metri dal Muro, sulla quale due ragazzi amoreggiano, rendendo plastica la rappresentazione del contrasto tra libertà e oppressione, tra amore ed odio:

Io, io riesco a ricordare (mi ricordo)
In piedi accanto al Muro (accanto al Muro)
E i fucili sparavano sopra le nostre teste
(sopra le nostre teste)
E ci baciammo,
come se niente potesse accadere
(niente potesse accadere)
E la vergogna era dall’altra parte
Oh possiamo batterli, ancora e per sempre
Allora potremmo essere Eroi,
anche solo per un giorno

È duro dover ammettere che esiste un fondato rischio che il mondo in cui viviamo, a trenta anni dall’abbattimento del Muro, abbia bisogno di nuovi “Heroes“.

Ultime notizie
Innovazione

Trojan e Spyware: ecco come funzionano e quali sono i rischi

Che cos’è un captatore informatico? Che cosa prevede la legge italiana e quali sono i rischi per i cittadini? Ne parliamo con Roberto De Vita, Presidente dell'Osservatorio Cybersecurity dell'Eurispes.
di redazione
Attualità

L’immigrazione in Italia: tra dati reali, (dis)informazione e percezione

L'Immigrazione in Italia: tra dati reali, disinformazione e la tendenza a sovrastimare il fenomeno. Quali sono i numeri e che cosa e pensano i cittadini?
di Raffaella Saso
Il punto

Immigrazione in Italia e in Europa, è ora di voltare pagina

Non è questo il luogo per rifare la storia dell’immigrazione nel nostro Paese sulla quale, peraltro, sono stati scritti migliaia di volumi...
di Gian Maria Fara
Politica

La Democrazia Cristiana non si può rifare. Follini: «Serve recuperarne la misura”

Che cosa è stata e che cosa ha rappresentato la Democrazia Cristiana? La Dc non si può rifare, eppure esistono ancora i democristiani. Intervista a Marco Follini, uomo politico e dirigente culturale, autore del libro Democrazia Cristiana. Il racconto di un partito
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La P.A. nella quarta rivoluzione industriale. Governare senza rete

La Pubblica amministrazione nell’epoca della Rete e, paradossalmente, delle incertezze; il ruolo di chi governa e i suoi strumenti: sono le parole chiave del nuovo libro del Presidente del Consiglio nazionale di Legautonomie, Bruno Manzi.
di Ilaria Tirelli
Attualità

Caduta del Muro, “Quando toccai la ferita dentro l’Europa”. Il ricordo

La caduta del Muro di Berlino raccontata ai giovani da chi ne è stato testimone: i ricordi, le sensazioni, la paura, l'euforia, le aspettative e le delusioni. Carmelo Cedrone, responsabile del Laboratorio Europa dell'Eurispes, risponde alle domande degli studenti del Liceo L. A. Seneca di Roma
di Redazione
Attualità

Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

La caduta del Muro che divise l'Europa del Dopoguerra aveva, all'epoca, fatto sperare in un'era di distensione e unità. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti. L'analisi
di Antonio De Chiara
Informazione

Cinquant’anni di Internet, ecco cosa è cambiato. La Rete si è “guastata”. Quali sono i rimedi?

Il 29 ottobre del 1969 avveniva il primo collegamento tra due computer. Cosa è cambiato da allora? Ne parliamo con Arturo di Corinto, psicologo cognitivo, esperto di innovazione tecnologica.
di Massimiliano Cannata
Attualità

La caduta del Muro 30 anni dopo, il mondo ha bisogno di nuove “spallate”

Caduta del Muro di Berlino 30 anni dopo, nell'epoca dei nuovi Muri. Baldazzi: "C’è da chiedersi se, come nella Berlino Ovest, la libertà sia appannaggio di chi erige muri, o di chi ne rimane fuori".
di Alberto Baldazzi
Animali

Svolta animalista della Regina Elisabetta II: 9 italiani su 10 contrari alle pellicce

La Regina Elisabetta II dice basta alle pellicce: d'ora in poi utilizzerà solo capi ecologici e sintetici. La notizia, rivelata da Angela Kelly, già assistente di Sua Maestà per l'abbigliamento, sta suscitando l'approvazione dei movimenti ambientalisti e non solo. Ma che cosa ne pensano gli italiani?
di redazione