Vaccini: una corsa a ostacoli tra sfiducia e facili entusiasmi

La corsa all’oro di questo 2020 è senz’altro quella in atto, in tutto il mondo, per arrivare al vaccino per il nuovo coronavirus. Arrivarci innanzitutto, risultato per nulla scontato, e prima degli altri, in un gioco globale in cui anche le epidemie diventano un’arma da usare contro gli avversari. Basti pensare a Trump, che nel disperato tentativo di raggiungere il secondo mandato presidenziale, qualche giorno fa ha dichiarato che il vaccino sarà pronto in “3 o 4 settimane”, o alla corsa al brevetto di Putin della fine di agosto. Affermazioni che sono lontanissime dai tempi e dalle verifiche necessarie per la sicurezza di un vaccino prima di essere messo in commercio. Secondo una nota dell’Iss, sono 58 gli studi in corso sui vaccini anti Covid-19 nel mondo, di cui solo 7 arrivati alla fase 3, mentre in Italia sono 63 gli studi interventistici (45 autorizzati dall’Aifa), di cui il 92% con uno scopo terapeutico e l’8% con uno scopo preventivo. Tra questi, compare lo studio del vaccino italiano GRAd-COV2, che sarà pronto in primavera, “se tutto andrà bene”, secondo il direttore sanitario dell’istituto Spallanzani di Roma, che porta avanti la ricerca. Sarà un vaccino per tutti, a detta del presidente della Regione Zingaretti, ovvero non sarà soggetto alle logiche di mercato e alla vendita dei brevetti farmaceutici al miglior offerente, bensì alle necessità sanitarie del Paese.

Mentre la corsa al vaccino prosegue, non è affatto scontata la fiducia dei cittadini nella soluzione proposta da questi ultimi. Le diffuse teorie complottistiche di questi anni hanno alimentato la sfiducia nei vaccini, le stesse teorie che oggi si presentano in tutta la loro pericolosità sociale. Secondo un sondaggio di Bospar di qualche mese fa, se anche fosse disponibile un vaccino contro il coronavirus, un terzo degli americani (il 39,7%) non lo farebbe. Tra i meno inclini a vaccinarsi, gli intervistati tra 18 e 24 anni: in questa fascia di età solo il 57,8% si è dichiarato pronto a farsi il vaccino. E ciò accadeva a maggio, mentre il coronavirus negli Stati Uniti uccideva anche 2 mila persone in 24 ore, secondo le rilevazioni della Johns Hopkins University.

Anche in Italia la corrente antivax è storia vecchia, che risale a prima del 2015, anno in cui il Ministero della Salute pubblicava i dati sulle coperture vaccinali dei bambini a 24 mesi di età, dai quali emerse che i bambini vaccinati per poliomielite, tetano, difterite ed epatite B erano scesi sotto al 95%, ovvero al valore minimo previsto dall’obiettivo del piano nazionale di prevenzione (Pnpv). 

Com’è la situazione oggi? Al di là delle manifestazioni negazioniste e complottiste di un manipolo di partecipanti che si dichiara contrario alle misure anticovid e ai vaccini, a livello nazionale si registra un fenomeno di fiducia selettiva.

L’istituto Eurispes ha fotografato una situazione di grande scetticismo nel Rapporto Italia 2017: qui i vaccini antinfluenzali raccolgono la fiducia del 57,8% degli italiani, a fronte di un 42,2% di non fiduciosi. Sono gli anziani i più fiduciosi nei vaccini antinfluenzali (68,7%), mentre gli intervistati tra i 25 e i 34 anni si dichiarano i più scettici (46,4%). Lo studio Eurispes denuncia una situazione diversa tra vaccini influenzali e pediatrici: il numero di quanti si fidano dei vaccini dell’infanzia è superiore a quanto rilevato per gli influenzali, arrivando al 73,9% di consensi (contro il 26,1% di non fiduciosi). Per i vaccini pediatrici sembra più diffusa la consapevolezza dei rischi che la mancata vaccinazione comporterebbe per i più piccoli, ma lascia comunque perplessi la non trascurabile percentuale di coloro che, a dispetto di quanto ribadito dalla comunità scientifica, negano l’importanza dei vaccini. Anche rispetto ai vaccini pediatrici la fiducia è direttamente proporzionale all’età degli intervistati, passando dal complessivo 67,7% dei giovanissimi (con un 32,3% di non fiduciosi) al 76,4% degli anziani (gli scettici sono il 23,6%).

Un altro studio della Commissione Europea State of vaccine confidence in the Eu 2018 rivela che in Italia la fiducia nei confronti delle vaccinazioni è molto alta: il 91,6% di coloro che si sono sottoposti allo studio (e il 93% dei medici di famiglia) sostiene infatti l’importanza per i bambini di essere vaccinati; il 90% promuove l’efficacia dei vaccini; l’85,3% appoggia la sicurezza dei vaccini; l’80,6% (e il 96,5% di media dei medici di base) dichiara che è importante che i bambini facciano il vaccino Mmr (morbillo, parotite, rosolia) e afferma che il vaccino è sicuro. Dati incoraggianti, sebbene la soglia raccomandata dall’Oms sia del 95% per limitare la circolazione di virus e batteri nella collettività e ottenere anche la cosiddetta immunità di gregge: infatti, se almeno il 95% della popolazione è vaccinata, si proteggono indirettamente anche coloro che, per motivi di salute, non è stato possibile sottoporre alla vaccinazione. Sulla sicurezza del vaccino antinfluenzale, invece, i dati cambiano in maniera significativa, confermando quanto emerso dallo studio del 2017 condotto da Eurispes: il 72% del campione si esprime in maniera favorevole (contro il 96% dei medici di famiglia), mentre sulla sua importanza concorda solo il 67,5% della popolazione, segno di una sfiducia ancora abbastanza diffusa tra gli utenti.

I dati non sono incoraggianti, se consideriamo che il vaccino antinfluenzale, secondo la comunità scientifica, è uno strumento fondamentale per affrontare i prossimi mesi, in quanto sarà decisivo per distinguere subito i sintomi del coronavirus da quelli di una normale influenza. A questo scopo, il vaccino antinfluenzale è fortemente consigliato questo autunno, mentre nella Regione Lazio un’ordinanza la rende obbligatoria per tutti i cittadini over 65 anni e tutto il personale sanitario della Regione. Quanti italiani accoglieranno l’invito a vaccinarsi per facilitare le diagnosi da coronavirus? A breve vedremo chi vincerà il derby tra scienza e scetticismo.

 

 

 

 

 

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze