Vaccini: una corsa a ostacoli tra sfiducia e facili entusiasmi

La corsa all’oro di questo 2020 è senz’altro quella in atto, in tutto il mondo, per arrivare al vaccino per il nuovo coronavirus. Arrivarci innanzitutto, risultato per nulla scontato, e prima degli altri, in un gioco globale in cui anche le epidemie diventano un’arma da usare contro gli avversari. Basti pensare a Trump, che nel disperato tentativo di raggiungere il secondo mandato presidenziale, qualche giorno fa ha dichiarato che il vaccino sarà pronto in “3 o 4 settimane”, o alla corsa al brevetto di Putin della fine di agosto. Affermazioni che sono lontanissime dai tempi e dalle verifiche necessarie per la sicurezza di un vaccino prima di essere messo in commercio. Secondo una nota dell’Iss, sono 58 gli studi in corso sui vaccini anti Covid-19 nel mondo, di cui solo 7 arrivati alla fase 3, mentre in Italia sono 63 gli studi interventistici (45 autorizzati dall’Aifa), di cui il 92% con uno scopo terapeutico e l’8% con uno scopo preventivo. Tra questi, compare lo studio del vaccino italiano GRAd-COV2, che sarà pronto in primavera, “se tutto andrà bene”, secondo il direttore sanitario dell’istituto Spallanzani di Roma, che porta avanti la ricerca. Sarà un vaccino per tutti, a detta del presidente della Regione Zingaretti, ovvero non sarà soggetto alle logiche di mercato e alla vendita dei brevetti farmaceutici al miglior offerente, bensì alle necessità sanitarie del Paese.

Mentre la corsa al vaccino prosegue, non è affatto scontata la fiducia dei cittadini nella soluzione proposta da questi ultimi. Le diffuse teorie complottistiche di questi anni hanno alimentato la sfiducia nei vaccini, le stesse teorie che oggi si presentano in tutta la loro pericolosità sociale. Secondo un sondaggio di Bospar di qualche mese fa, se anche fosse disponibile un vaccino contro il coronavirus, un terzo degli americani (il 39,7%) non lo farebbe. Tra i meno inclini a vaccinarsi, gli intervistati tra 18 e 24 anni: in questa fascia di età solo il 57,8% si è dichiarato pronto a farsi il vaccino. E ciò accadeva a maggio, mentre il coronavirus negli Stati Uniti uccideva anche 2 mila persone in 24 ore, secondo le rilevazioni della Johns Hopkins University.

Anche in Italia la corrente antivax è storia vecchia, che risale a prima del 2015, anno in cui il Ministero della Salute pubblicava i dati sulle coperture vaccinali dei bambini a 24 mesi di età, dai quali emerse che i bambini vaccinati per poliomielite, tetano, difterite ed epatite B erano scesi sotto al 95%, ovvero al valore minimo previsto dall’obiettivo del piano nazionale di prevenzione (Pnpv). 

Com’è la situazione oggi? Al di là delle manifestazioni negazioniste e complottiste di un manipolo di partecipanti che si dichiara contrario alle misure anticovid e ai vaccini, a livello nazionale si registra un fenomeno di fiducia selettiva.

L’istituto Eurispes ha fotografato una situazione di grande scetticismo nel Rapporto Italia 2017: qui i vaccini antinfluenzali raccolgono la fiducia del 57,8% degli italiani, a fronte di un 42,2% di non fiduciosi. Sono gli anziani i più fiduciosi nei vaccini antinfluenzali (68,7%), mentre gli intervistati tra i 25 e i 34 anni si dichiarano i più scettici (46,4%). Lo studio Eurispes denuncia una situazione diversa tra vaccini influenzali e pediatrici: il numero di quanti si fidano dei vaccini dell’infanzia è superiore a quanto rilevato per gli influenzali, arrivando al 73,9% di consensi (contro il 26,1% di non fiduciosi). Per i vaccini pediatrici sembra più diffusa la consapevolezza dei rischi che la mancata vaccinazione comporterebbe per i più piccoli, ma lascia comunque perplessi la non trascurabile percentuale di coloro che, a dispetto di quanto ribadito dalla comunità scientifica, negano l’importanza dei vaccini. Anche rispetto ai vaccini pediatrici la fiducia è direttamente proporzionale all’età degli intervistati, passando dal complessivo 67,7% dei giovanissimi (con un 32,3% di non fiduciosi) al 76,4% degli anziani (gli scettici sono il 23,6%).

Un altro studio della Commissione Europea State of vaccine confidence in the Eu 2018 rivela che in Italia la fiducia nei confronti delle vaccinazioni è molto alta: il 91,6% di coloro che si sono sottoposti allo studio (e il 93% dei medici di famiglia) sostiene infatti l’importanza per i bambini di essere vaccinati; il 90% promuove l’efficacia dei vaccini; l’85,3% appoggia la sicurezza dei vaccini; l’80,6% (e il 96,5% di media dei medici di base) dichiara che è importante che i bambini facciano il vaccino Mmr (morbillo, parotite, rosolia) e afferma che il vaccino è sicuro. Dati incoraggianti, sebbene la soglia raccomandata dall’Oms sia del 95% per limitare la circolazione di virus e batteri nella collettività e ottenere anche la cosiddetta immunità di gregge: infatti, se almeno il 95% della popolazione è vaccinata, si proteggono indirettamente anche coloro che, per motivi di salute, non è stato possibile sottoporre alla vaccinazione. Sulla sicurezza del vaccino antinfluenzale, invece, i dati cambiano in maniera significativa, confermando quanto emerso dallo studio del 2017 condotto da Eurispes: il 72% del campione si esprime in maniera favorevole (contro il 96% dei medici di famiglia), mentre sulla sua importanza concorda solo il 67,5% della popolazione, segno di una sfiducia ancora abbastanza diffusa tra gli utenti.

I dati non sono incoraggianti, se consideriamo che il vaccino antinfluenzale, secondo la comunità scientifica, è uno strumento fondamentale per affrontare i prossimi mesi, in quanto sarà decisivo per distinguere subito i sintomi del coronavirus da quelli di una normale influenza. A questo scopo, il vaccino antinfluenzale è fortemente consigliato questo autunno, mentre nella Regione Lazio un’ordinanza la rende obbligatoria per tutti i cittadini over 65 anni e tutto il personale sanitario della Regione. Quanti italiani accoglieranno l’invito a vaccinarsi per facilitare le diagnosi da coronavirus? A breve vedremo chi vincerà il derby tra scienza e scetticismo.

 

 

 

 

 

Ultime notizie
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale
calcio
Italia

Europei, il calcio come modello di un Paese che vuole ripartire

Il trionfo degli Azzurri agli Europei contro un'Inghilterra troppo sicura di sé è la vittoria di un calcio come progetto e gioco di squadra, da coltivare con dedizione e impegno. La squadra voluta da Mancini, fatta di innovazione e giovani talenti, è simbolo di un Paese che vuole ripartire.
di Alfonso Lo Sardo
calcio
prison
Cosa vuol dire Mafia?

“A prison is a place of transit” says magistrate Sebastiano Ardita

The magistrate Sebastiano Ardita talks about the theme of prison in Italy, in the main national debate after Santa Maria Capua Vetere's facts. Why is the management of approximately 54,000 inmates in a nation of 65 million inhabitants so problematic? Interview by Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
prison
carcere
Cosa vuol dire Mafia?

Il carcere deve essere un transito verso il reinserimento: intervista a Sebastiano Ardita

Le carceri rappresentano un argomento delicato nel nostro Paese, sebbene si tratti di gestire circa 54.000 detenuti in una nazione di 65 milioni di abitanti. Il Magistrato Sebastiano Ardita affronta il tema del reinserimento, dei diritti costituzionali dei detenuti e le criticità dei luoghi detentivi in un'intervista di Sergio Nazzaro.
di Sergio Nazzaro
carcere
tecnologia adolescenti
Rapporto Italia

La biologia delle relazioni: uso e abuso della tecnologia negli adolescenti

La natura dinamica e continua delle interazioni tramite social network comporta disturbi ampiamente associati agli adolescenti e ai giovani adulti. A fasce di età diverse corrisponderebbero disturbi più o meno specifici. Nei bambini il problema principale è lo sviluppo cognitivo e comportamentale, mentre negli adolescenti e nei giovani adulti ansia e depressione.
di redazione
tecnologia adolescenti
morin
Cultura

Buon compleanno, Edgar! I cento anni di Morin, filosofo della complessità

L'otto luglio compie cento anni Edgar Morin, l'ultimo ad entrare nella hall of fame dei grandi pensatori centenari. Morin è filosofo della complessità, dell'universo-ologramma secondo cui la società è presente in ogni uomo, e della "terrestrità".
di Giuseppe Pulina
morin