Il punto

La Pubblicità rende una persona migliore. Il “caso” Pubblicità Progresso

164

Sì, sì: lo so. È un trucchetto vecchio come il cucco – e nemmeno dei più sofisticati. Metti assieme un pugno di parole, componi un titolo ingaggiante, si dice oggi, e il gioco è fatto: tu, lettore, arriverai a leggere queste parole.

Il giochino mira, prosaicamente, a far sì che quel titolo sia sexy quanto basta per agganciarti, caro lettore, e così trascinarti nelle perfide lenzuola del messaggio sottostante. Se il tutto riesce – e se stai leggendo questa riga, è riuscito – il modello ha funzionato: AIDA ti ha sedotto.
AIDA è un acronimo che nessuno, dico nessuno, operi nel mondo della comunicazione commerciale, ignora. Mette assieme quattro parole concatenate in una sequenza logico-comportamentale: Attenzione, Interesse, Desiderio, Azione. È uno schema mentale, un modello se vogliamo essere eleganti, cui generazioni di pubblicitari si sono attenuti per concepire, strutturare e realizzare le loro creazioni: le inserzioni pubblicitarie.
Tutti i Grandi Fratelli, i Persuasori Occulti, i Maghi e Guru della pubblicità, questi stregoni del XX secolo, capaci di farci desiderare ogni genere di merce, di marca, di situazione di consumo, tutti, dicevamo, sono devoti ad AIDA da generazioni.
Il culto di AIDA, Dea Seduttrice, progenitrice della Dinastia dei Consumisti, ha segnato il Novecento e tuttora imprime il proprio timbro alla contemporanea società dei consumi. Ella e i suoi sacerdoti, sono riusciti a far compiere al popolo gli atti che loro desideravano compisse: desiderare, acquistare, consumare. Non c’è stato scampo per nessuno: devoto o meno alla grande Dea. E così AIDA ha fatto di noi degli avidi consumatori, dei produttori di desideri, dei generatori di frustrata insoddisfazione personale; degli individualisti onnivori di merci e messaggi, marche e simboli tribali.
Eppure. Eppure in questo sgangherato e invidioso Paese, sono venti anni che qualcosa si muove «in direzione opposta e contraria» come avrebbe detto Fabrzio De Andrè. Già, perché la pubblicità non è solo uno strumento di sostegno al commercio – e se non ci fosse commercio, ricordiamolo, non ci sarebbe produzione e, senza di essa, a che servirebbe il lavoro? Ecco il punto. La pubblicità può anche essere volta al bene comune e non solo a quello aziendale.
Pubblicità Progresso, nata nel 1971, si appresta a vivere una nuova stagione, dopo essere stata trasformata in Fondazione.
Un’esperienza magnifica, superbamente concepita e condotta per vent’anni da Alberto Contri da Ivrea. Un grande esperto di comunicazione, Presidente della Fondazione per la Comunicazione Sociale – come si chiama dal 2005 la Pubblicità Progresso – già consigliere Rai e autore di saggi di grande acume e profondità.
Pubblicità Progresso dimostra tante cose, fra le quali: che la pubblicità non è opera del demonio; che le persone, financo i pubblicitari, possono essere brava gente; che la pubblicità non funziona a farci fare ciò che desidera. Vediamo.
Non è opera del demonio. E no: nel caso di Pubblicità Progresso lo strumento serve a mandare messaggi di civiltà: quindi positivi, quindi niente demonio. Esempi: non discriminare chi ha la Sindrome di Down, cerca di stare attento al prossimo, attento alla sicurezza sul posto di lavoro, dona il tuo sangue, eccetera.
Pubblicitari brava gente. E sì: tutti coloro che lavorano alla Pubblicità Progresso lo fanno a titolo gratuito. Da chi crea le campagne a chi le ospita e veicola, nessuno prende un soldo. Ciascuno dona del suo per una comunicazione volta al bene comune.
La pubblicità non funziona. E già: se la pubblicità funzionasse davvero nel modo in cui la vulgata immagina, staremmo tutti lì a comprare in continuazione ciò che ci viene proposto. Ceteris paribus, allora, raggiunti dalla Pubblicità Progresso saremmo tutti campioni del vivere civile: non discrimineremmo le persone in base al colore della pelle, alle condizioni di salute, alla provenienza, eccetera; non ci sarebbero morti bianche; saremmo pieni di sangue donato e, chissà, forse lo esporteremmo pure.
Invece no. Semplicemente perché nessuna pubblicità, caro lettore, farà di te ciò che non sei, nessuna pubblicità prenderà la tua mano e la farà muovere. Se questo ci rallegra e solleva, nel campo dei consumi, ci rattrista in quello del vivere civile.
Buon compleanno, dunque, cara Pubblicità Progresso: abbiamo ancora bisogno di almeno altri venti anni di te.

Ultime notizie
Intervista

Camilleri come Verga e Pirandello. “Il vigatese è italiano come la lingua dei Malavoglia”

Andrea Camilleri non è solo un caso letterario. È una figura poliedrica di intellettuale, capace di esprimere la corda universale della sicilianità, come hanno fatto i grandi della letteratura isolana: da Verga a Pirandello. Ne parliamo con Franco Lo Piparo, professore filosofia del linguaggio all’Università di Palermo.
di Massimiliano Cannata
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Intervista

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua