Il punto

La Pubblicità rende una persona migliore. Il “caso” Pubblicità Progresso

268

Sì, sì: lo so. È un trucchetto vecchio come il cucco – e nemmeno dei più sofisticati. Metti assieme un pugno di parole, componi un titolo ingaggiante, si dice oggi, e il gioco è fatto: tu, lettore, arriverai a leggere queste parole.

Il giochino mira, prosaicamente, a far sì che quel titolo sia sexy quanto basta per agganciarti, caro lettore, e così trascinarti nelle perfide lenzuola del messaggio sottostante. Se il tutto riesce – e se stai leggendo questa riga, è riuscito – il modello ha funzionato: AIDA ti ha sedotto.
AIDA è un acronimo che nessuno, dico nessuno, operi nel mondo della comunicazione commerciale, ignora. Mette assieme quattro parole concatenate in una sequenza logico-comportamentale: Attenzione, Interesse, Desiderio, Azione. È uno schema mentale, un modello se vogliamo essere eleganti, cui generazioni di pubblicitari si sono attenuti per concepire, strutturare e realizzare le loro creazioni: le inserzioni pubblicitarie.
Tutti i Grandi Fratelli, i Persuasori Occulti, i Maghi e Guru della pubblicità, questi stregoni del XX secolo, capaci di farci desiderare ogni genere di merce, di marca, di situazione di consumo, tutti, dicevamo, sono devoti ad AIDA da generazioni.
Il culto di AIDA, Dea Seduttrice, progenitrice della Dinastia dei Consumisti, ha segnato il Novecento e tuttora imprime il proprio timbro alla contemporanea società dei consumi. Ella e i suoi sacerdoti, sono riusciti a far compiere al popolo gli atti che loro desideravano compisse: desiderare, acquistare, consumare. Non c’è stato scampo per nessuno: devoto o meno alla grande Dea. E così AIDA ha fatto di noi degli avidi consumatori, dei produttori di desideri, dei generatori di frustrata insoddisfazione personale; degli individualisti onnivori di merci e messaggi, marche e simboli tribali.
Eppure. Eppure in questo sgangherato e invidioso Paese, sono venti anni che qualcosa si muove «in direzione opposta e contraria» come avrebbe detto Fabrzio De Andrè. Già, perché la pubblicità non è solo uno strumento di sostegno al commercio – e se non ci fosse commercio, ricordiamolo, non ci sarebbe produzione e, senza di essa, a che servirebbe il lavoro? Ecco il punto. La pubblicità può anche essere volta al bene comune e non solo a quello aziendale.
Pubblicità Progresso, nata nel 1971, si appresta a vivere una nuova stagione, dopo essere stata trasformata in Fondazione.
Un’esperienza magnifica, superbamente concepita e condotta per vent’anni da Alberto Contri da Ivrea. Un grande esperto di comunicazione, Presidente della Fondazione per la Comunicazione Sociale – come si chiama dal 2005 la Pubblicità Progresso – già consigliere Rai e autore di saggi di grande acume e profondità.
Pubblicità Progresso dimostra tante cose, fra le quali: che la pubblicità non è opera del demonio; che le persone, financo i pubblicitari, possono essere brava gente; che la pubblicità non funziona a farci fare ciò che desidera. Vediamo.
Non è opera del demonio. E no: nel caso di Pubblicità Progresso lo strumento serve a mandare messaggi di civiltà: quindi positivi, quindi niente demonio. Esempi: non discriminare chi ha la Sindrome di Down, cerca di stare attento al prossimo, attento alla sicurezza sul posto di lavoro, dona il tuo sangue, eccetera.
Pubblicitari brava gente. E sì: tutti coloro che lavorano alla Pubblicità Progresso lo fanno a titolo gratuito. Da chi crea le campagne a chi le ospita e veicola, nessuno prende un soldo. Ciascuno dona del suo per una comunicazione volta al bene comune.
La pubblicità non funziona. E già: se la pubblicità funzionasse davvero nel modo in cui la vulgata immagina, staremmo tutti lì a comprare in continuazione ciò che ci viene proposto. Ceteris paribus, allora, raggiunti dalla Pubblicità Progresso saremmo tutti campioni del vivere civile: non discrimineremmo le persone in base al colore della pelle, alle condizioni di salute, alla provenienza, eccetera; non ci sarebbero morti bianche; saremmo pieni di sangue donato e, chissà, forse lo esporteremmo pure.
Invece no. Semplicemente perché nessuna pubblicità, caro lettore, farà di te ciò che non sei, nessuna pubblicità prenderà la tua mano e la farà muovere. Se questo ci rallegra e solleva, nel campo dei consumi, ci rattrista in quello del vivere civile.
Buon compleanno, dunque, cara Pubblicità Progresso: abbiamo ancora bisogno di almeno altri venti anni di te.

Ultime notizie
International

Usa e Cina, il voto di Taiwan vara la linea “sovranista”

Lo scorso 11 gennaio a Taiwan sono stati eletti il Presidente e il Parlamento per i prossimi quattro anni. La netta vittoria di Tsai ha evidenziato la forte volontà degli elettori taiwanesi di confermare la linea della fermezza nei confronti della Cina.
di Raffaele Cazzola Hofmann
Informazione

L’Italia più autentica è quella dell’altruismo. Mattarella richiama alla responsabilità

Speranza, fiducia, responsabilità, dialogo: questi i termini più ricorrenti con cui il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è rivolto agli italiani per aprire il nuovo anno. Un richiamo alla responsabilità e al valore della cultura.
di Massimiliano Cannata
Luciano Maria Teodori

Iran-Usa, i sogni muoiono all’alba

Due droni, a Baghdad, compiono la missione di uccidere il generale Soleimani. La tragedia irachena continua, insieme al coinvolgimento sempre più forte dell'Iran....
di Luciano Maria Teodori
Attualità

Iran Usa, guerra per la primazia geoeconomica sull’Iraq. Medio Oriente bollente

L’escalation della tensione in Medio Oriente ha toccato uno dei livelli più allarmanti degli ultimi anni con l’uccisione del generale iraniano Qassem Suleimani. Chi era il generale ucciso e quali sono le strategie.
di Antonio De Chiara
Giustizia

Canapa per uso personale, la sentenza sulla “legittima coltivazione”. Il ribaltone

Chi coltiva la cannabis in àmbito domestico e per impiego individuale non è perseguibile penalmente. Lo scorso 19 dicembre la Corte di Cassazione a Sezioni unite penali ha emesso una sentenza destinata a suscitare forti reazioni contrapposte ma anche a rompere consolidati tabù.
di Vincenzo Macrì
Europa

Europa e sicurezza, i nuovi equilibri geopolitici impongono un nuovo ruolo

I nuovi equilibi geopolitici de pianeta impongono che l’Europa recuperi in fretta un’iniziativa politica forte e un’identità perduta. Questo il messaggio che arriva dal saggio La difesa dell’Europa di Pasquale Preziosa e Dario Velo.
di Massimiliano Cannata
Informazione

La democrazia non esiste. Odifreddi: “M5S eversivo, la Costituzione è superata”

La democrazia è un'illusione e il populismo ne è la conseguenza. E il più eversivo è quello dei 5 Stelle perché non si sa chi lo comanda. I rimedi: riformare la Costituzione e il sistema dei media, che ha perso equidistanza e funzione. Intervista a Piergiorgio Odifreddi
di Alfonso Lo Sardo
International

Russia, il mondo cristiano e la storia di Malofeev, l’imprenditore “mecenate”

L’evolversi della situazione in Russia è sempre più caratterizzata dal manifestarsi del fenomeno di un notevole dinamismo che riguarda il mondo cristiano...
di Evpati Selov
Video

Sicurezza e Forze Armate, Vecciarelli: “L’Italia ha un tesoro che non sa utilizzare”

Intervento del Generale Enzo Vecciarelli, Capo di Stato Maggiore della Difesa, al convegno “La globalizzazione e le nuove frontiere della (in)sicurezza” del...
di redazione
Informazione

Revenge Porn, la vendetta può colpire chiunque

La pornografia non consensuale: dal revenge porn alla sexual extortion. Più spesso le vittime sono i minori e il suicidio è contemplato nella metà dei casi.
di Osservatorio Cyber Security Eurispes