Lavoro

Primo maggio. Il lavoro tra ripresa, incertezze e precarietà

94

Il mercato del lavoro italiano rimane instabile e – anche nella sua leggera ripresa rispetto agli anni più bui della crisi economica – in ritardo rispetto alla media europea, più chiuso all’inserimento giovanile, più precario, per il costante aumento di contratti atipici. Per una parte importante degli italiani è venuto meno il concetto stesso di lavoro sicuro, sostituito dalla necessità di barcamenarsi per far quadrare i conti con collaborazioni a termine, doppio lavoro, sostegno della famiglia d’origine, periodi di attività alternati a periodi di inattività, impieghi “di sopravvivenza” ben al di sotto della propria preparazione.
Dando direttamente la parola ai lavoratori italiani si trova conferma di queste contraddizioni e difficoltà diffuse. Il 54,2% di chi lavora afferma di avere un impiego che consente di fare progetti per il futuro – nel 2013 era solo il 35,8%; il 45,8% risponde, al contrario, negativamente. Il 31,7% è costretto a chiedere aiuto alla propria famiglia (genitori, parenti). Il 46,8% non ha la possibilità di sostenere spese importanti, il 43,2% ha un lavoro che non gli permette di garantire sicurezza alla propria famiglia, il 38,8% ha difficoltà ad arrivare a fine mese. Il 30,5% è costretto a cercare un’altra occupazione. Gli italiani che riferiscono queste difficoltà sono meno numerosi rispetto al 2013, ma continuano a costituire una parte importante dei lavoratori.
Non mancano conferme circa le condizioni di criticità rilevate. Un italiano su 4 (24,2%) è costretto a svolgere un lavoro meno qualificato rispetto alle sue competenze; il 22,3% deve svolgere un doppio lavoro, il 21,2% lavora senza contratto.
Le difficoltà più diffuse tra i lavoratori italiani sono: la mancanza di tempo da dedicare a se stessi (48,5%), i carichi troppo pesanti di lavoro (47,7%), gli spostamenti casa-lavoro (44,4%) e le difficoltà nel conciliare lavoro e famiglia (41,8%). Il 27% è preoccupato dalla precarietà del contratto e dall’insicurezza del posto di lavoro ed oltre un lavoratore su cinque (21,1%) deve fare i conti con l’irregolarità nei pagamenti.
Il 14,4% degli occupati ha abbandonato il lavoro a causa di mancati pagamenti e un ulteriore 14,5% ha pensato di farlo.
Il 23,6% è stato vittima di mobbing – il 7,1% dei lavoratori ha lasciato il posto di lavoro per questa ragione.
Quasi un occupato su dieci ha pensato di lasciare il lavoro per aver subìto molestie sessuali, solo l’1,4% lo ha fatto.

Per approfondire, è possibile consultare il sondaggio nella versione integrale, pubblicato nel Rapporto Italia 2019.

https://eurispes.eu/rapporto-italia-2019-il-lavoro-tra-ripresa-incertezze-e-precarieta/

 

 

 

Ultime notizie
Politica

Blocco prescrizione e lodo Conte bis. Macrì: “Macchinoso e di dubbia costituzionalità”

Sui problemi posti dal blocco della prescrizione al momento della pronuncia della sentenza di primo grado (blocco sul quale ho espresso la...
di Vincenzo Macrì
Sicurezza

Rapporto Italia 2020, Gen.Governale (DIA): “Centrato il problema della crisi delle classi dirigenti”

Gen. Giuseppe Governale, 32esima edizione del Rapporto Italia dell’Eurispes: quali sono state le sue impressioni ascoltando le parole del Presidente, Gian Maria...
di redazione
Sicurezza

Gdf, Gen. Ricozzi: “Dare sicurezza significa anche essere percepiti come forza di sicurezza”

Gen. Carlo Ricozzi, come sempre, anche quest’anno il Rapporto Italia dell’Eurispes ha sondato la fiducia degli italiani nei confronti delle Forze di...
di Valentina Renzopaoli
Attualità

Coronavirus, la Cina pubblica il report verità per annientare le fake news

Coronavirus: un recente studio tenta di fare il punto sull’attuale situazione in Cina, per dimostrare la validità delle misure messe in pratica dal governo cinese.
di Ludovico Semerari
Ambiente

Rifiuti in Campania: aumenta la spesa pubblica, impenna la raccolta differenziata

Come emerso dal nostro ultimo Rapporto Italia, presentato lo scorso 30 gennaio alla Sapienza Università di Roma, lo Stato italiano, nel periodo...
di Marco Ascione
Mezzogiorno

Rapporto Italia 2020, Caligiuri: “Colpiscono dati che smentiscono fake news su immigrazione e Sud”

Professor Caligiuri, qual è stata la sua impressione dopo aver ascoltato le parole del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, che ha illustrato...
di Valentina Renzopaoli
Sicurezza

Rapporto Italia 2020, Gen. Mennitti: “Per i Carabinieri il loro lavoro è una missione”

Gen. Mennitti, nel Rapporto Italia 2020, l’Eurispes ha realizzato un sondaggio all’interno dell’Arma dei Carabinieri per capire cosa pensano i militari del...
di Valentina Renzopaoli
Giustizia

Stop alla prescrizione e durata dei processi. Tutto inutile senza una vera riforma

La prescrizione non è un diritto dell’imputato ma l’effetto del disinteresse o dell’inerzia dell’esigenza punitiva dello Stato dopo il trascorrere di un certo lasso di tempo. La riflessione di Vincenzo Macrì.
di Vincenzo Macrì
Cultura

Oscar 2020, il rito dell’Academy tra vizi, vezzi e premi mancati

Il rito degli Oscar, specchio dell’evoluzione dell’industria cinematografica e della società: per la prima volta vince un film in lingua straniera. Ma Netflix continua a trovare le porte chiuse.
di Raffaella Saso
Società

Rapporto Italia 2020, Mastella: “Analisi rigorosa della realtà italiana”

On. Clemente Mastella, qual è la sua prima impressione dopo aver ascoltato le parole del Presidente, Gian Maria Fara, che ha illustrato...
di Valentina Renzopaoli