La sfida etica del vaccino per il Covid-19

Durante le ultime settimane, le notizie sulla prossima disponibilità di un vaccino per il virus Covid-19 sono divenute sempre più insistenti.

Le anticipazioni informali di alcuni esponenti politici sono state confermate da annunci ufficiali, sia a livello nazionale sia sul piano internazionale.

Un’importante multinazionale farmaceutica ha addirittura condiviso le caratteristiche farmacologiche (efficacia al 90%) e sottolineato l’esigenza di una catena del freddo necessaria per lo stoccaggio e la distribuzione delle dosi di vaccino (-80 °C) che saranno rese disponibili tra dicembre 2020 e gennaio 2021.

La notizia non può che essere fondata e vera: personalmente ho più volte costeggiato il grattacielo dell’azienda in questione a Manhattan, nei pressi della sede delle Nazioni Unite. Si tratta di un’azienda talmente solida e cruciale dal punto di vista anche finanziario, che mai potrebbe rischiare una simile fuga in avanti, in una fase come quella attuale, se non sulla base di certezze scientifiche e di ponderate valutazioni economiche.

La Commissione Europea ha quantificato una prima consistente ed importante fornitura (200 milioni di dosi che possono giungere fino a 300), ripartendola in prospettiva per i paesi membri, secondo percentuali predefinite, siglando precisi accordi e facendosi parte diligente mediante negoziazione diretta con il produttore farmaceutico.

Dunque ci siamo: nel mezzo della seconda ondata di questa gravissima pandemia in Europa è giunta, finalmente, una speranza concreta per l’umanità, da mesi riposta nel vaccino, che oggi è stato “inventato” e viene definito tra i più efficaci quantitativamente, nonché tra quelli sperimentati e realizzati più rapidamente nella storia.

Personalmente non posso che gioire per la tanto attesa notizia ed aprire il mio cuore alla speranza di un “ritorno al futuro” senza paura e con pari prospettive per lo sviluppo delle nostre società e delle nostre stesse vite, tale come era prima di questa fase oscura e devastante, che ha segnato profondamente l’umanità.

Nondimeno, mi preme sottolineare un’inquietudine che subito soggiunge nel considerare una delle sfide più grandi che ci attendono nei prossimi mesi, proprio in relazione al vaccino: non mi riferisco al tema scientifico dell’efficacia di prevenzione del farmaco, né alle questioni tecniche (comunque rilevanti) da affrontare e risolvere per una sua capillare distribuzione.

Il tema che mi spinge all’odierna riflessione è, difatti, solo quello dell’etica e della necessaria e doverosa considerazione della tutela della uguaglianza dei titolari del diritto alla salute, a fronte della tanto agognata cura preventiva per questo flagello.

È ben noto che la sanità costituisce un settore a rischio corruzione, considerato tale anche in documenti ufficiali nazionali (Piani ANAC) e multilaterali (documenti OCSE e G20), poiché permeabile e vulnerabile a fronte di condotte di devianza e favoritismo, ingiusto privilegio e beneficio che troppo spesso colorano l’azione della PA nel settore.

A mero titolo di esempio, considerando il solo periodo della pandemia, nel nostro Paese sono state avviate indagini preliminari per condotte corruttive o penalmente rilevanti in ben 46 casi.

E la situazione è analoga su scala globale.

Tutte le organizzazioni internazionali hanno affrontato il tema della corruzione ai tempi del Coronavirus (tra le altre G20, OCSE, CoE, Ue, FMI, World Bank), definendolo una priorità da affrontare nell’agenda multilaterale con la dovuta attenzione.

Oggi la sfida si fa ancora più decisa: essa consiste nella risposta alla domanda sul come assicurare che il vaccino pervenga a tutti indistintamente, in tempi ragionevoli e secondo criteri e parametri certi e controllabili.

Papa Francesco ha chiesto espressamente di globalizzare le cure sanitarie, per dare a tutti «la possibilità di accesso a quei farmaci che potrebbero salvare tante vite per tutte le popolazioni».

Egli ha evidenziato detta esigenza, tanto più pressante al tempo della pandemia, quando ampie fasce della popolazione mondiale rischiano di essere escluse dalla distribuzione del vaccino contro il Coronavirus.

Sul piano dell’enforcement si tratta però non soltanto di globalizzare, bensì anche di evitare condotte di accaparramento, dumping o, comunque, speculative.

La issue (termine caro agli anglofoni) è multilivello: essa attiene difatti non solo alle relazioni tra paesi (il vaccino dovrebbe essere disponibile per tutti i paesi indistintamente), ma anche ai rapporti interni ai paesi, secondo un’equa distribuzione subnazionale tra regioni e province, ed anche e in ogni caso, alla messa a disposizione del vaccino a tutti i cittadini all’interno delle comunità locali.

Questi ultimi sono i titolari di quel fondamentale diritto alla salute e alla cura messi in gioco dalla pandemia: essi sono e devono restare al centro di qualsivoglia decisione di governance e di policy sulla distribuzione del vaccino nei prossimi mesi.

Prepararsi in tal senso è ineludibile e necessario, fin da ora, cogliendo questa sfida non soltanto sul piano scientifico e tecnico, ma anche sotto il profilo etico, per dimostrare effettivamente che la pandemia da Covid-19 ha trovato l’umanità pronta a cogliere questa sfida nel modo scientificamente, politicamente e, soprattutto, eticamente migliore.

Il nostro Paese ha la possibilità e il tempo di farlo, confermando la sua resilienza in questo settore della rule of law, che lo ha posto negli ultimi anni progressivamente come modello globale per gli standard anticorruzione adottati.

E ciò, speriamo, avvenga e sia anche adeguatamente comunicato, a dispetto di una certa abitudine allo storytelling deteriore, dagli effetti fortemente negativi per l’interesse nazionale.

*Giovanni Tartaglia Polcini, Magistrato e docente, è membro del Comitato Scientifo dell’Eurispes

 

Leggi anche

Covid-19 e pandemia, il diritto fondamentale ad essere informati 

 

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili