Mille euro al mese ad ogni emigrante che arriva

I Tg di venerdì 20 febbraio – Il nostro titolo riprende pedissequamente uno di quelli “gridati” questa sera da Tg4. Dopo aver abbinato nei giorni scorsi “profugo” e “terrorista”, proseguendo anche oggi a sventolare i rom “visitati” da Salvini come la causa di tutti i mali del mondo, ecco dunque che per alcune testate Tv anche la matematica viene piegata ai diritti distorti della “pancia” degli italiani che soffrono, mentre i disperati dei barconi se la passano alla grande. Il servizio contrappone l’opulenza degli stranieri ultimi arrivati alla dignitosa povertà degli anziani nostrani che rovistano tra gli scarti dei mercati rionali (e questo, purtroppo, è vero) vergognandosi di farlo. Un sapiente e allo stesso insensato abbinamento tra verità e falsità, con l’unico obbiettivo di tenere alta la campagna dell’insicurezza concimata a base di pregiudizi, strisciante razzismo e falsità belle e buone. Per gli 8-9centomila spettatori medi dell’edizione serale del Tg diretto da Mario Giordano, “questa” rappresenta comunque l’unica informazione assorbita in giornata, con esiti a nostro giudizio devastanti per la costruzione del senso comune. E sempre a proposito di matematica, l’approssimazione per eccesso nei numeri porterebbe, se presa sul serio, a imputare un costo per i 130.000 migranti salvati e fatti sbarcare in Italia nel 2014 di non meno di un miliardo e seicento milioni. Non è così, e va inoltre ricordati che le stesse testate Mediaset e quelle a stampa filo-salviniane e berlusconiane hanno strepitato a lungo per molto meno: i 9 milioni mensili (108 milioni si base annua) del costo di Mare Nostrum, “colpevole” di buttare soldi degli italiani e per di più di sporcare la Penisola con la presenza di orde di nuovi profughi.
Quello appena licenziato non è un nostro personale sfogo a base ideologico-buonista, ma rientra pienamente nelle funzioni dell’Osservatorio che quotidianamente, nell’analisi dei flussi di comunicazione mainstream, deve segnalare quando l’informazione – cui nessuno e per nessun motivo intende mettere la museruola – semplicemente parte per la tangente e dimentica che dovrebbe parlare della realtà, e non sostenere campagne – queste sì ideologiche – di potentati ed ex potentati politico-editoriali.
Se si eccettua questa indicibile forzatura, i Tg di serata seguono scalette alquanto simili, con aperture dedicate alternativamente al contenzioso Grecia-Bruxelles – nelle ultime ore apparentemente risolto con un compromesso – al varo definitivo del jobsact e ai postumi delle scorribande dei tifosi-deliquenti olandesi che hanno lasciato segni indelebili nel travertino della Barcaccia del Bernini e ferite difficilmente rimarginabili all’amor proprio della Capitale. La coda di polemiche tra Sindaco e Questore accende l’interesse di tutti i Tg, ma il clou, la domanda delle cento pistole, è “chi paga” per i danni subiti. L’Olanda, la squadra di Rotterdam? La monetizzazione dell’offesa subita dai “barbari del nord” risulta dunque la possibile panacea delle malefatte. Bisogna constatare, dunque, che nelle redazioni di diversi Tg si ragiona un po’ troppo come al bar o alla fermata dell’auto. No buono.

Dati auditel dei TG di giovedì 19 febbraio 2015
Tg1 – ore 13:30 4.072.000, 23.66% ore 20:00 6.431.000, 24.11%.
Tg2 – ore 13:00 2,770.000, 17.37% ore 20:30 2.517.000, 8.89%.
Tg3 – ore 14:30 1.639.000, 10.32% ore 19:00 2.183.000, 10.68%.
Tg5 – ore 13:00 3.050.000, 18.98% ore 20:00 4.697.000, 17.68%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.113.000, 16.40% ore 18:30 1.039.000, 6.38%.
Tg4 – ore 11.30 445.000, 6.18% ore 18:55 931.000, 4.56%.
Tg La7 – ore 13:30 610.000, 3.54% ore 20:00 1.428.000, 5.33%.

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento