Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Mille euro al mese ad ogni emigrante che arriva

I Tg di venerdì 20 febbraio – Il nostro titolo riprende pedissequamente uno di quelli “gridati” questa sera da Tg4. Dopo aver abbinato nei giorni scorsi “profugo” e “terrorista”, proseguendo anche oggi a sventolare i rom “visitati” da Salvini come la causa di tutti i mali del mondo, ecco dunque che per alcune testate Tv anche la matematica viene piegata ai diritti distorti della “pancia” degli italiani che soffrono, mentre i disperati dei barconi se la passano alla grande. Il servizio contrappone l’opulenza degli stranieri ultimi arrivati alla dignitosa povertà degli anziani nostrani che rovistano tra gli scarti dei mercati rionali (e questo, purtroppo, è vero) vergognandosi di farlo. Un sapiente e allo stesso insensato abbinamento tra verità e falsità, con l’unico obbiettivo di tenere alta la campagna dell’insicurezza concimata a base di pregiudizi, strisciante razzismo e falsità belle e buone. Per gli 8-9centomila spettatori medi dell’edizione serale del Tg diretto da Mario Giordano, “questa” rappresenta comunque l’unica informazione assorbita in giornata, con esiti a nostro giudizio devastanti per la costruzione del senso comune. E sempre a proposito di matematica, l’approssimazione per eccesso nei numeri porterebbe, se presa sul serio, a imputare un costo per i 130.000 migranti salvati e fatti sbarcare in Italia nel 2014 di non meno di un miliardo e seicento milioni. Non è così, e va inoltre ricordati che le stesse testate Mediaset e quelle a stampa filo-salviniane e berlusconiane hanno strepitato a lungo per molto meno: i 9 milioni mensili (108 milioni si base annua) del costo di Mare Nostrum, “colpevole” di buttare soldi degli italiani e per di più di sporcare la Penisola con la presenza di orde di nuovi profughi.
Quello appena licenziato non è un nostro personale sfogo a base ideologico-buonista, ma rientra pienamente nelle funzioni dell’Osservatorio che quotidianamente, nell’analisi dei flussi di comunicazione mainstream, deve segnalare quando l’informazione – cui nessuno e per nessun motivo intende mettere la museruola – semplicemente parte per la tangente e dimentica che dovrebbe parlare della realtà, e non sostenere campagne – queste sì ideologiche – di potentati ed ex potentati politico-editoriali.
Se si eccettua questa indicibile forzatura, i Tg di serata seguono scalette alquanto simili, con aperture dedicate alternativamente al contenzioso Grecia-Bruxelles – nelle ultime ore apparentemente risolto con un compromesso – al varo definitivo del jobsact e ai postumi delle scorribande dei tifosi-deliquenti olandesi che hanno lasciato segni indelebili nel travertino della Barcaccia del Bernini e ferite difficilmente rimarginabili all’amor proprio della Capitale. La coda di polemiche tra Sindaco e Questore accende l’interesse di tutti i Tg, ma il clou, la domanda delle cento pistole, è “chi paga” per i danni subiti. L’Olanda, la squadra di Rotterdam? La monetizzazione dell’offesa subita dai “barbari del nord” risulta dunque la possibile panacea delle malefatte. Bisogna constatare, dunque, che nelle redazioni di diversi Tg si ragiona un po’ troppo come al bar o alla fermata dell’auto. No buono.

Dati auditel dei TG di giovedì 19 febbraio 2015
Tg1 – ore 13:30 4.072.000, 23.66% ore 20:00 6.431.000, 24.11%.
Tg2 – ore 13:00 2,770.000, 17.37% ore 20:30 2.517.000, 8.89%.
Tg3 – ore 14:30 1.639.000, 10.32% ore 19:00 2.183.000, 10.68%.
Tg5 – ore 13:00 3.050.000, 18.98% ore 20:00 4.697.000, 17.68%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.113.000, 16.40% ore 18:30 1.039.000, 6.38%.
Tg4 – ore 11.30 445.000, 6.18% ore 18:55 931.000, 4.56%.
Tg La7 – ore 13:30 610.000, 3.54% ore 20:00 1.428.000, 5.33%.

 

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare