Regionali 2015: -10 al voto

elezioni

I Tg di venerdì 22 maggio – Ad una settimana dalla chiusura della campagna elettorale per le regionali ancora una volta si conferma il vecchio adagio secondo cui di tutto si parla meno che dei problemi concreti e dei programmi dei vari candidati. Solo in Rai si “mima” una sorta d’informazione di servizio con la proposta dei “siparietti” con i diversi candidati nelle diverse regioni: memoria di una par condicio di cui nessuno parla più ma che, “teoricamente” è ancora legge dello stato. I dati recenti parlano di un Renzi che abbina palazzo Chigi e Nazareno assicurandosi una presenza top level nei Tg, ma con meno “alibi” Salvini lo segue dappresso. Su Mediaset ogni scusa è buona (anche stasera) per lanciare il Campione di casa ed ex collega Giovanni Toti. Salvini, poi, in corpore vivo e con i suoi slogan (immigrati e rom) è di casa sempre e comunque su Tg4 che, oltre agli “scivoloni” dei servizi farlocchi anti rom dei talk di Rete4, ne produce la media di un paio a serata; questa sera riesce a illuminare rom italiani che litigano con rom rumeni. Sempre in tema di immigrazione la frana (parziale) delle accuse contro il giovane marocchino è riportata da tutti, ma alcuni (Tg4) appaiono indispettiti dalla possibile rottura del teorema barconi-terroristi e rincalzano sulle politiche securitarie.
L’apertura per le maggiori testate è sulla tegola della Ue sulla reverse charge. Più di 700 milioni di buco da sanare entro luglio. Tutti riportano che Padoan assicura che non scatteranno le clausole di salvaguardia: intervento pomeridiano dopo che il Ministro dell’Economia era già stato sulla bocca di tutti per gli accenti critici verso La Corte espressi su La Repubblica per la sentenza sulle pensioni: diverse testate riportano le critiche di “lesa Corte” da parte della destra che la Corte non ha mai amato.
Molto alta su quasi tutti l’attenzione su Palmira, nel giorno in cui gli uomini del Califfato giocano a miscelare in un fotomontaggio le vestigia del sito archeologico con cadaveri di bambini, accusando i media occidentali di occuparsi più dell’arte che delle vite umane. Tg2 prende per le corna il problema e rimanda le accise al mittente.
I riflessi dell’ulteriore scandalo del calcio scommesse sono ampiamente diffusi; vale la pena di segnalare che Tg5 quasi in apertura dedica 7 minuti di edizione al tema, intervistando il capo dello sport italiano Malagò. E sempre in tema di sport e Tv, gradevole la scelta di Mentana che si concede una pennellata sciovinista ma non banalmente legata al calcio, bensì alla conquista (fortunosa) della maglia rosa da parte di Aru al Giro d’Italia.
Sulla Rai buona attenzione al dramma di lavoratori della Whirlpool che manifestano Caserta e si apprestano a bloccare gli stabilimenti in tutt’Italia.
Il pendolo sui rapporti Grecia Ue sfiora sempre più il confine della rottura, anche se da Riga Tsipras – ripreso da TgLa7 e Tg2 – esprime ottimismo.
Su Tg3 e Tg1 buoni i servizi sulla Giornata della legalità di domani, a 23 anni dalla strage di Capaci. Buoni anche quelli che inquadrano la cattolicissima Irlanda alla prese con il referendum per la legalizzazione dei matrimoni omosessuali, dopo che la tappa intermedia sulle semplici unioni civili è già stata superata diversi anni fa.

Dati auditel dei tg di giovedì 21 maggio 2015

Schermata 2015-05-23 alle 00.43.14

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili